Home notizie 10 Cose da vedere a Rodi

Tutti gli articoli

10 Cose da vedere a Rodi

La più grande isola greca del Dodecaneso è una destinazione di viaggio che saprà conquistarvi con le sue bellezze naturalistiche e una storia che affonda le radici nell’Età Ellenistica. Skyscanner vi porta nell’Egeo per scoprire Rodi, tra siti archeologici affacciati sul mare, baie cristalline, boschi profumati e vita notturna. Se vi state chiedendo cosa vedere a Rodi partite con noi!

Una delle isole greche da non perdere è Rodi, la più grande del Dodecaneso, storicamente famosa per il leggendario Colosso di Rodi (la gigantesca statua del dio Helios, definita come una delle sette meraviglie del mondo antico, si dice fosse alta ben 32 metri e posta all’ingresso del porto di Rodi Città). Con la sua città medievale considerata Patrimonio UNESCO, le sue spiagge a perdita d’occhio, la sua cucina tipica e la sua movida spumeggiante la patria dei Cavalieri di San Giovanni durante il periodo delle Crociate è una destinazione perfetta per tutti i tipi di viaggiatore: dalle famiglie con i bambini al seguito fino ai giovani amanti della notte, passando per gli appassionati di archeologia. In questo articolo trovate i nostri consigli su cosa vedere a Rodi, come arrivare e come muoversi facilmente sull’isola…

Mappa

Come arrivare a Rodi e come muoversi

Il modo più comodo e veloce per raggiungere Rodi è in aereo. La grande isola del Dodecaneso è servita dall’Aeroporto Internazionale di Rodi-Diagoras distante circa 14 km da Rodi Città e collegato con questa attraverso economici bus comunali (tempo di percorrenza circa 20-30 minuti). In alternativa al pullman potrete salire a bordo dei taxi, il tragitto aeroporto-capoluogo è sui 25 euro a tratta, unica raccomandazione affidatevi a quelli ufficiali e fate accendere sempre il tassametro. Se non riuscite a trovare un volo diretto a buon prezzo, potete pensare di far scalo ad Atene o Salonicco. Raggiungere Rodi in nave è sconsigliato per la grande distanza dal nostro Paese e la lunghezza del viaggio, senza contare che non esistono collegamenti diretti via mare Italia-Rodi. Una volta atterrati sull’isola la migliore soluzione per muoversi liberamente è quella di noleggiare una vettura. I mezzi di trasporto locale non mancano ma l’isola è molto grande, ragion per cui vi consigliamo di girarla senza stress, con un proprio mezzo. 

1. Città Vecchia

Un reticolo di vie, strade e piazze rende la Città Vecchia del capoluogo isolano un universo animato e colorato, dall’anima antica e preziosa. A rendere così bella la parte medievale di Rodi Città la permanenza duratura dei famigerati Cavalieri di San Giovanni, i quali abitarono l’isola tra il Trecento e il Cinquecento, prima di riparare a Malta, clamorosamente sconfitti dalle armate di Solimano I detto “il Magnifico”. L’impianto urbano è davvero interessante anche grazie allo “zampino” degli italiani, i quali dominarono la maggiore isola dell’Egeo per circa trent’anni, dal 1912 al 1943… leggendo il nostro articolo vi accorgerete di quante migliorie abbiamo apportato all’isola! La tutela UNESCO del 1988, poi, ha ridato splendore a questo angolo di Grecia dove stile classico, medievale, ottomano e italiano convivono in modo magnificente. Scopritela con calma, magari dopo una giornata di mare e respirate la sua atmosfera cavalleresca. 

2. Palazzo dei Gran Maestri dei Cavalieri di Rodi

Tra le cose da vedere a Rodi non può di certo mancare il maestoso Palazzo dei Gran Maestri dei Cavalieri di Rodi. Insieme all’Ospedale dei Cavalieri, che ospita al suo interno il Museo Archeologico, l’edificio templare costituisce il pezzo forte del Quartiere dei Cavalieri, per due secoli avamposto della cristianità contro il mondo islamico. Due torri gemelle stringono un portale d’ingresso dall’aspetto regale: esplorate questo luogo intriso di storia e sognate l’isola che fu. Il maniero, modificato in prigione sotto il dominio ottomano, è stato distrutto da una grande esplosione a metà Ottocento, ingente danno riparato ancora una volta dagli italiani negli anni Trenta, in previsione di trasformarlo nella residenza di Vittorio Emanuele III e Benito Mussolini. Prima di tornare in spiaggia percorrete la Via dei Cavalieri (Odós Ipotón) che collega il palazzo all’ospedale.

3. Porto di Mandraki

Il Porto di Mandraki merita di essere inserito tra le cose da vedere a Rodi per la sua importanza strategica: crocevia di popoli, merci e oggi di lussuosi yacht e imbarcazioni turistiche. La sua maggiore attrazione sono le due colonne d’ingresso sormontate dalle statue in bronzo di due cervi raffiguranti Elafos ed Elafina, i quali secondo un’antica leggenda scacciarono i serpenti che nel passato provarono a infestare l’isola. Sempre secondo leggenda qui si trovava, con le gambe divaricate e il braccio teso verso l’alto, il grandioso Colosso di Rodi. Mito a parte, questa zona dell’isola è davvero molto suggestiva, soprattutto al tramonto, quando il sole si riflette sulle placide acque dell’approdo, occupato tutto intorno da ristoranti, uffici noleggio e negozi di souvenir. 

4. Acropoli di Lindos

Uno degli angoli più spettacolari e fotografati di Rodi è l’Acropoli di Lindos, arroccata su una rupe a centinaia di metri sul mare. Raggiungete l’altura a piedi oppure a dorso d’asino per poi godervi uno spettacolo a perdita d’occhio: reperti antichi brillano sotto il sole mentre in lontananza si aprono la spiaggia di Vlycha, una delle più belle dell’isola, e l’insenatura di Agios Pavlos, un paradiso terrestre. Non perdetevi anche il pittoresco villaggio di Lindos, con le casette bianche, l’atmosfera giovanile e le bouganville in fiore.

5. Monastero di Filerimos e Terme di Calitea

Sull’isola di Rodi si può incontrare l’architettura più disparata e curiosa. Per ammirare un esempio in stile bizantino vi invitiamo a raggiungere il centro di Ialyssos, abbastanza vicino a Rodi Città, dove si trova l’antico Monastero di Filerimos, o quel che ne resta, risalente al X secolo e restaurato dagli italiani. Dallo stile bizantino passiamo a quello Art Decò con le Terme di Calitea, altra attrazione isolana da non perdere. Progettato e inaugurato nel 1929 dall’architetto italiano Pietro Lombardi, questo complesso termale rappresenta l’ennesima testimonianza italiana sull’isola nonché luogo di grande bellezza artistica. Dopo la visita delle terme vi consigliamo di restare in zona per andarvi a tuffare nella vicina e bella spiaggia di Kalithea, ne vale davvero la pena!

6. Sito di Kamiros

Il sito archeologico più notevole della costa occidentale di Rodi è Kamiros, emerso alla luce in seguito agli scavi iniziati alla fine del XIX secolo. Terza città più antica dell’isola dopo Ialyssos e Lindos, fu fondato intorno al VII secolo dai Dori e non faticò a diventare ben presto un fiorente centro di scambi commerciali. Catapultatevi in un piccolo mondo antico passeggiando tra i resti della piazza del mercato, in un’acropoli ancora poco battuta dal turismo di massa e magicamente affacciata sul mare che saprà come conquistarvi. 

7. Baia di Anthony Quinn

La “reginetta” delle spiagge isolane è la Baia di Anthony Quinn che prende il nome dal famoso attore messicano naturalizzato statunitense che recitando nella famosa pellicola di “Zorba il Greco” fece conoscere l’isola al mondo. Alla fine delle riprese l’artista hollywoodiano perse la testa per questo magnifico luogo della costa orientale dell’isola, a 4 km da Faliraki, tanto da voler acquistare una grande proprietà nei pressi della spiaggia. L’insenatura è composta da grandi pietre piatte, sabbia chiara e fondali paradisiaci ideali per praticare lo snorkeling. Il posto giusto per gli amanti delle nuotate rigeneranti, dei tuffi artistici e della tintarella: la spiaggia seppur attrezzata non è adatta ai piccoli nuotatori. 

8. Le spiagge più belle di Rodi

Calette nascoste, lidi di sabbia, baie rocciose… sull’isola di Rodi potrete facilmente trovare la vostra spiaggia del cuore e una miriade di scenari pittoreschi diversi dove spendere le vostre giornate. Baia di Anthony Quinn a parte, tra le spiagge più belle di Rodi vi segnaliamo Faliraki, attrezzata e adatta ai bambini, Prassonisi, con le sue due baie strette tra l’Egeo e il Mediterraneo, Kalithea, un gioiello di sabbia e roccia tra i pini marittimi, Afandou, tra le spiagge più lunghe dell’isola, Agathi, rilassante con le montagne alle spalle, Tsampika, ai piedi del monastero da cui prende il nome e Gennadi, il posto giusto per una festa con i piedi nella sabbia. Infine, lontana anni luce dal turismo di massa Glyfada, sulla costa occidentale, e Lindos, turistica ma a dir poco paradisiaca. 

9. Valle delle Farfalle

Una riserva naturale magica è la Valle delle Farfalle, che come potrete immaginare deve il suo nome al gran numero di lepidotteri presenti in questa parte occidentale dell’isola, a due passi dalla cittadina di Petaloudes, in greco “farfalla”. Allacciate la scarpe da ginnastica e iniziate un’emozionante camminata tra ruscelli scroscianti, piante ombrose e cascate pittoresche in compagnia di colorati animaletti svolazzanti… ad attirare questa meravigliosa specie animale l’odore inebriante dei frutti aromatici del piccolo albero della “zitia“. Una sola raccomandazione: siate discreti nei confronti del luogo e delle farfalle, sempre più in diminuzione per via dell’arrivo chiassoso dei turisti poco rispettosi.

10. Le Sette Fonti

Anche in questo angolo di natura incontaminata vi hanno messo mano gli italiani, i quali nel 1931 hanno costruito il tunnel e la cisterna per la raccolta delle acque… stiamo parlando di quel fantastico mondo delle Sette Fonti (Epta Piges), un bosco che vi consigliamo di esplorare a piedi soprattutto nelle torride giornate per sfuggire dalla calura estiva. Platani ombrosi, pini profumati, scorci magnifici e sette sorgenti naturali fanno di questa una vera e propria oasi di pace a una manciata di chilometri da Kolymbia, sulla costa orientale. Raggiungete le sponde del lago artificiale, fate incontri ravvicinati con la fauna del luogo e provate un piatto tipico nella piccola Taverna Epta Piges, in compagnia di anatre e pavoni.

Cosa vedere a Rodi10 attrazioni assolutamente da non perdere secondo la redazione di Skyscanner

Cosa vederePerché andareKm da Rodi Città
Città VecchiaPer esplorare la città medievale
Palazzo dei Gran MaestriPer conoscere la storia dei Cavalieri
Porto di MandrakiPer fotografare il porto dell’isola2,5 km
Acropoli di LindosPer visitare un sito archeologico47 km
Monastero di FilerimosPer vedere un monastero bizantino10 km
Terme di CaliteaPer ammirare le terme italiane14 km
KamirosPer scoprire un’antichissima città30 km
Baia di Anthony QuinnPer nuotare in una baia cristallina15 km
Spiagge di RodiPer fare tuffi in un mare paradisiacoTutta la costa
Valle delle FarfallePer incontrare miriadi di farfalle25 km
Le Sette FontiPer rinfrescarsi tra sorgenti naturali27 km

Per conoscere i prezzi di tutte le destinazioni del mondo, in ordine dalla più economica alla più costosa, potete utilizzare l’opzione di ricerca “Ovunque” di Skyscanner e organizzare viaggi fantastici ai prezzi migliori!


Potrebbero interessarvi anche:

Le 15 Spiagge più belle d’Italia / 2019

10 Bellissime città straniere in Italia

Le 20 isole più belle della Grecia per questa estate

Le 10 spiagge più belle di Santorini

Cosa vedere a Zante: il meglio dell’isola greca


Skyscanner è il motore di ricerca viaggi leader al mondo, che vi aiuta a cercare voli, autonoleggio e hotel al prezzo più basso.