Home notizie Aeroporto Perfetto? L’opinione dei blogger!

Tutti gli articoli

Aeroporto Perfetto? L’opinione dei blogger!

Abbiamo chiesto alla blogosfera italiana qual è il loro aeroporto perfetto!

Qualche mese fa abbiamo realizzato un sondaggio internazionale sulle cose più desiderate dai viaggiatori in aeroporto con i risultati riassunti in un’infografica che hanno evidenziato come quasi uno su due vorrebbe il cinema in aeroporto.

Abbiamo deciso di chiedere l’opinione della blogosfera italiana come dovrebbe essere il loro aeroporto perfetto e non sono mancate le belle idee e i riferimenti a scali che si trovano in altre nazioni.

Elisa di Miprendoemiportovia.it apprezzerebbe ad esempio una zona esterna verde ed un’area bambini, oltre a una zona dove conoscere meglio la cultura del luogo, come avviene ad esempio all’aeroporto di Seul dove c’è un’area in cui farsi scrivere il proprio nome in coreano e un piccolo museo delle tradizioni. Apprezzata anche la zona massaggi dell’aeroporto di Bangkok che desidererebbe in tutti gli aeroporti.

Manco a dirlo, la possibilità di rilassarsi in poltrone tra un volo e l’altro (magari gratuitamente) è una delle opzioni più stuzzicanti, come vorrebbe Valentina di Viaggiarelibera.com, secondo la quale, dovrebbe essere economicamente accessibile a tutti e proporre un prezzo standard per 1-2 ore e dei pacchetti scontati per chi vuole trattenersi più ore. In alcuni aeroporti ha trovato particolarmente piacevoli le poltrone-massaggiatrici: adorandole così tanto che ora appena arriva in un aeroporto le cerca speranzosa. Oltre alle poltrone, una zona relax e bellezza sarebbe molto apprezzata: in alcuni aeroporti esistono già degli spazi per la riflessologia plantare.

Mariagiulia di Travelonmyway.it oltre alle poltrone letto con svariati comfort quali cuscini e coperte, vorrebbe anche una biblioteca "dedicata ai viaggiatori", dove vi è la possibilità di consultare guide turistiche per poter approfondire e pianificare il proprio viaggio anche durante l’attesa aeroportuale, con la possibilità di utilizzare stampanti e computer per poter creare degli itinerari o semplicemente aggiungere informazioni utili per il proprio viaggio.

C’è chi pensa comunque anche alla praticità prima di tutto e secondo Giovanni di Turismoitalianews.it, nei grandi aeroporti dovrebbero essere agevolati i collegamenti interni, specie quando ci si deve spostare velocemente da un blocco all’altro. Un servizio che vorrebbe è quello di dare realmente più spazio all’informazione giornalistica mentre si attende, visto che spesso i grandi schermi sono senza audio. Inoltre evitare, ai rulli per riprendere i bagagli, di far coincidere la restituzione contemporanea di tre voli diversi (come succede a Linate ad esempio… ).

Per chi viaggia con i bambini, come Francesca di Patatofriendly.it e Natascia di Viaggiericette.com, gli aeroporti perfetti sono quelli in cui è possibile viaggiare serenamente tutti, senza trascurare dunque le attenzioni verso i piccoli viaggiatori. Importante dunque la presenza di un’area bimbi, dove farli giocare o svagare un po’ prima della partenza o durante lo scalo. Altrettanto importanti sono anche le file dedicate alle famiglie al controllo bagagli, i seggioloni nei bar/ristoranti e i menù bambino. In certi scali dovrebbero essere inserite anche le cabine per allattare come quelle nate nell’aeroporto di Burlington nel Vermont. Un servizio di noleggio bici, scooter ed auto sarebbe poi perfetto.

Federica di Iloveshoppingwithfede.com vorrebbe invece internet point gratuiti come avviene in molti aeroporti orientali sia una cosa fantastica, vedi l’aeroporto di Abu Dhabi, che aiuta sicuramente a passare il tempo.

Per chi è fumatore come Veronica di Viaggiandonelmondo.it , in molti aeroporti mancano le aree fumatori, utilissime per chi magari deve aspettare anche diverse ore tra un aereo e l’altro, dato che un fumatore incallito non può stare tante ore senza fumare. Idee come piscine, palestre o spiagge, comportano solo un fastidio, perchè non solo implicano la realizzazione di una struttura più complessa che includa spogliatoi e docce, inoltre il viaggiatore dovrebbe attrezzarsi con appositi abiti e calcolare bene i tempi tra un volo e l’altro. L’aeroporto perfetto sempre secondo Veronica deve avere una sola cosa…. prezzi ragionevoli, visto che non trova giusto pagare una coca cola piccola € 3.50. I prezzi, sia dei generi alimentari che non, sono troppo alti rispetto ai prezzi esterni.

Sheila di Oh My Travel Bag vorrebbe anche una specie di chef personale per chi ha allergie, libri e riviste on demand nel senso che il viaggiatore possa prenotarlo prima di partire. Per chi ha esigenze professionali e non, sarebbe invece da considerare un open space di co-working, uno spazio dove poter affittare una scrivania accessoriatissima dove poter fare conference call, lavorare su uno schermo più grande del portatile ed essere connesso con wifi veloce. La postazione dovrebbe essere dotata di telefono, stampante, video da collegare al portatile, webcam, caricabatterie di tutti i dispositivi mobili e magari una poltrona di pelle. Se invece andiamo più sul creativo, sarebbero belle pareti bianche dove poter lasciare i messaggi ai viaggiatori.

Venendo ai singoli aspetti riguardanti l’aeroporto perfetto, il cinema sarebbe importantissimo in un aeroporto, dato che secondo Angelo di 40secondi.com, viaggi e entertainment vanno sempre più a braccetto, la direzione è quella. L’entertainment in tasca presenta infatti ancora qualche limite, nemico numero 1 la durata dele batterie dei dispositivi. Quindi per viaggi di media e lunga percorrenza una soluzione come il cinema rappresenta un elemento di forte influenza nella selezione dei viaggiatori.

Chiaramente ci vorrebbe un’ampia scelta di titoli unita ad un prezzo d’ingresso, come esposto da Giovanni di Minuettoexpress.com, una manna per tutti i viaggiatori desiderosi di passare qualche ora in totale relax!

La possibilità di disporre di centri bellezza per il make-up è stato accolto con grandissimo entusiamo da parte dei fashion e dei make-up bloggers. In questa maniera secondo Alessandra di Misspandamonium.com, si possono trovare prodotti che non si riescono a reperire se non online, oltre che usufruire di trattamenti speciali anche in queste aree, fra un’area a e l’altra (o fra un ritardo e l’altro).

Per Debora di Biomakeup.it, la presenza di centri bellezza, permetterebbe di scaricare lo stress prima di volare dedicandosi ad una delle proprie passioni più grandi, magari con prodotti eco-bio. Sarebbe bello a questo proposito avere l’opportunità di provare prodotti e campioni e magari concedersi sedute di trucco con esperti del settore. Il tutto dovrebbe avvenire in maniera tale da non intaccare il prezzo dei voli. Chissà se un giorno tutto questo diventerà realtà, magari beneficiando di sedute beauty low-cost o addirittura del tutto gratuite.

La voglia di disporre di appositi centri bellezza è dettata anche dalla necessità di passare qualche ora piacevole a causa di certi ritardi, come esposto da Elisa di Elisavsmakeup, visto che prendersi cura di se stessa, potrebbe garantire attese meno estenuanti.

Secondo Consiglidimakeup.com, l’ideale sarebbe uno store che puó realizzare make up veloci, manicure (che sono veloci di base) applicazioni di nail patch, brow bar insomma degli spazi dove make-up e velocità si sposano bene. Il tutto naturalmente in un contesto orientato al rilassamento, alla tranquillità e perché no alla meditazione, soprattutto nei casi in cui non si è di fretta, come esposto da Alessia di Thechilicool.com.

Leggi qui il sondaggio originale.

Condividi l’infografica! Per pubblicarla sul tuo sito copia e incolla questo codice:

<p><img align="left" src="http://content.skyscnr.com/c41d63fbefdcc6ca3884a5a9877adbe1/842×1152-dreamairport_site_it.png" style="font-size: 13px;" width="700" /></p>
<p>Per leggere la notizia e scaricare l&#39;infografica visita <a href="http://www.skyscanner.it/notizie/i-viaggiatori-vorrebbero-il-cinema-aeroporto" target="_blank">l&#39;articolo di Skyscanner</a>.</p>

Per leggere la notizia e scaricare l’infografica visita l’articolo di Skyscanner.

Mappa