Home notizie Cercare casa a New York: tutti i siti per trovare l’alloggio perfetto

Tutti gli articoli

Cercare casa a New York: tutti i siti per trovare l’alloggio perfetto

Vivere a New York, per pochi giorni o per più mesi. Stanze in affitto, studentati, appartamenti e hotel: i siti per trovare la casa perfetta!

New york è la città che non dorme mai! Potrete arrivarci perché avete vinto la famosa lotteria, ma anche per studiare, per tentare la fortuna con un visto di sei mesi o per iniziare una nuova vita. Una cosa è certa però: qualunque sia il motivo del vostro sbarco a New York… vi servirà un tetto sulla testa! E non è un segreto che trovare casa nella Grande Mela può essere un lavoro a tempo pieno. Ma niente paura, ecco 10 preziose dritte per rendere la ricerca di una sistemazione meno traumatica, magari perfino divertente. Quindi rimboccatevi le maniche, mettetevi in moto e non dimenticate che: if you can make it in New York, you can make it everywhere!

** 1. CRAIGSLIST**

Nonostante le critiche spesso motivate, Craigslist rimane il primo sito da consultare una volta sbarcati a New York (e in molte altre città americane). Nella sezione apartment rental troverete una quantità di annunci davvero enorme, e in crescita costante soprattutto per alloggi a Brooklyn e nel Queens. Potete usare i filtri per visionare solo appartamenti di agenzie, o privati, o persone in cerca di coinquilini, o ancora subaffitti per pochi mesi. Ogni tanto le buone occasioni si trovano, ma bisogna fare molta attenzione alle truffe sempre in agguato: se vedete foto troppo belle per essere vere, strane richieste di bonifici anticipati o informazioni molto vaghe sulla location… passate oltre senza pensarci due volte!

2. APARTABLE

A differenza di Craigslist, questo sito elegante e curato raccoglie annunci di alloggi situati per lo più a Manhattan, o al massimo nelle zone più hip di Brooklyn come Williamsburg e Downtown. Sono tutti “no-fee”, ovvero senza la tassa solitamente richiesta dalle agenzie (o perché già pagata dal proprietario o dall’agenzia stessa, o perché affittati da privati). Un altro elemento positivo è che per inserire un annuncio su Apartable bisogna fornire un indirizzo esatto: questo assicura che la denominazione del quartiere in cui si trova l’appartamento e la distanza dalla fermata di metro più vicina siano sempre accurate, e non è poco! Infine potrete controllare eventuali lamentele di altri clienti e/o inquilini dell’edificio in passato, abbassando ulteriormente il grado di rischio della vostra scelta.

3. LISTINGS PROJECT

Prima di essere un’utile risorsa per la ricerca di casa, Listings Project è un progetto originale nato da un’esperienza “di prima mano”, e quindi più affidabile e sincero di molti altri. Si tratta di una newsletter settimanale gratuita, che raccoglie annunci e descrizioni delle occasioni immobiliari più interessanti tutti rigorosamente “no-fee” (i brokers non possono inserire annunci). È gestito da Stephanie Diamond, un’artista intraprendente che ha deciso di trasformare le difficoltà avute all’arrivo a New York in un servizio a disposizione di tutti. Gli annunci arrivano soprattutto da altri artisti o addetti ai lavori, quindi è un modo perfetto per trovare spazi in condivisione dove vivere o lavorare nei quartieri più creativi e vibranti della città!

4. AIRBNB

Conosciuto ormai in tutto il mondo come servizio per trovare una sistemazione accogliente ed economica durante le vacanze, Airbnb può venire in aiuto anche per soluzioni più a lungo termine. Soprattutto in città movimentate come New York, infatti, sono molti i residenti che affittano stanze o appartamenti per mesi interi scavalcando le agenzie e affidandosi a questo sito impeccabile, che offre diverse garanzie di sicurezza (recensioni degli utenti, pagamento dopo l’arrivo, un servizio clienti molto efficiente). Anche in questo caso si può effettuare un controllo sulla location mettendosi in contatto con il proprietario e visualizzando l’indirizzo esatto, oltre a scambiare messaggi personali per richiedere tutte le informazioni necessarie. Un servizio molto simile lo offre anche Homeaway, sebbene gli annunci siano spesso per periodi più brevi.

5. NAKED APARTMENTS

Oltre ad essere un sito molto user-friendly, Naked Apartments offre un servizio in più rispetto agli altri aggregatori di annunci, ovvero quello di comparare lo stesso appartamento attraverso le descrizioni e le offerte di diversi agenti. In questo modo spesso si ottengono maggiori informazioni e fotografie, ma anche una panoramica dei prezzi proposti da ciascuna agenzia e la possibilità di fissare più appuntamenti direttamente online per poi scegliere l’agente con cui si ha il miglior feeling (o quello che fa la migliore offerta!) La maggior parte delle case disponibili include una commissione per i brokers, ma cliccando su “no fee” nei filtri di ricerca si trovano anche alloggi senza costi aggiuntivi al prezzo d’affitto.

6. NYBITS

Non fatevi ingannare dalla veste grafica poco invitante di questo aggregatore: se ad una prima occhiata potrà sembrare un sito del decennio scorso, navigando pochi minuti scoprirete le sue potenzialità nascoste! Gli annunci sono principalmente “no-fee”, anche se è sempre meglio controllare con una breve email per evitare sorprese; inoltre, se non avete fretta e siete intraprendenti, il sito riporta informazioni di contatto diretto con proprietari e agenzie, così potrete scoprire nuove offerte prima ancora che vengano pubblicizzate sul mercato; infine, se avete in programma di portarvi dietro animali domestici o volete assolutamente trovare una casa con balcone, NYBits offre la possibilità di filtrare gli annunci con tantissimi criteri e visualizzare solo i risultati più vicini alle vostre esigenze.

7. **STREETEASY**

In circolazione da qualche anno ma recentemente rilanciato con un aspetto nuovo e servizi completamente gratuiti, StreetEasy raccoglie annunci di appartamenti e case di livello medio-alto nei cinque neighborhoods della città. Oltre ai classici strumenti di ricerca, la sua homepage offre una lista aggiornata degli open houses (giorni in cui l’immobile è visitabile con la presenza di agenti o proprietari) e consigli per affittuari e compratori sulla base dell’andamento del mercato immobiliare. Inoltre ogni annuncio è accompagnato da informazioni sulle evoluzioni del prezzo dell’alloggio nei mesi precedenti, e da molti altri dettagli relativi all’arredamento, all’edificio e al quartiere. Come diversi altri siti, StreetEasy vi permette di salvare i risultati delle vostre ricerche e ricevere una mail quando il prezzo cambia o quando compaiono altri annunci interessanti.

8. RENTHOP

RentHop è una startup lanciata nel 2009 e diventata recentemente una delle più valide concorrenti di Craigslist e compagnia. Come? Semplice, grazie a un algoritmo! Ogni appartamento postato su RentHop infatti ha un punteggio, che è il risultato di più variabili: descrizione e location, naturalmente, ma anche numero e qualità delle foto, giorni di permanenza online, numero di click e altre ancora. Se un annuncio risulta disponibile da molto tempo, per esempio, significa che forse c’è qualcosa che non va, e quindi il punteggio sarà più basso. Se invece è stato cliccato da molte persone probabilmente non è più disponibile, dunque non vale la pena guardarlo. Il metodo sembra funzionare, e certamente vale la pena fare un tentativo!

9. WIMDU

Un sito giovane e sicurissimo al quale affidarsi per prenotare l’alloggio de sogni nella Grande Mela. Wimdu è la soluzione perfetta se cercate un posto tutto per voi, nel vostro stile e, soprattutto, in linea col vostro budget. Un’offerta infinita tra appartamenti, ville e proprietà bellissime in tutto il mondo, per offirvi un alloggio che è molto più di una semplice sistemazione: è già casa. Inserite la destinazione, quindi le date del vostro soggiorno, e personalizzate la ricerca con la scelta del WiFi, della piscina, di una cucina attrezzata e… chi più ne ha, più ne metta. Oltre 3 milioni di persone hanno già trovato casa con Wimdu, ora tocca a voi!

10. UNIVERSITY HOUSING

Ecco una soluzione efficace ma spesso poco conosciuta dai nuovi arrivati a New York: gli studentati! Molte università cittadine dispongono di numerosi edifici adibiti a residenze per studenti, con appartamenti in condivisione o monolocali carini ed economici. Ciò che non tutti sanno, però, è che molti studenti (soprattutto dottorandi) trascorrono spesso diversi mesi lontano dalla città, per ricerca o semplicemente per tornare a casa nelle vacanze. Durante questi periodi subaffittano le loro stanze anche a persone esterne all’università, in modo del tutto legale e mantenendo i prezzi originali. Date un’occhiata ai siti di housing della Columbia o della New York University: potrete contattare direttamente gli studenti e ritrovarvi a pagare un affitto più che onesto per una stanza nei campus più famosi del mondo.

11. CONVENTI E GUESTHOUSE

Infine, New York offre anche la possibilità di alloggiare presso strutture fuori dal comune ma decisamente accoglienti, come ex conventi, ex orfanotrofi e guesthouse gestiti da simpatiche suore che vi coccoleranno senza invadere la vostra privacy. Purtroppo non ci sono veri e propri siti di ricerca in questo caso: potete vederne alcuni su Good Night and God Bless (nome più che azzeccato!) o fare una ricerca sul web usando combinazioni di termini come former convent, accommodation, church guesthouse,_ nunnery _e via dicendo. Unica controindicazione: essendo edifici spesso nati per scopi di beneficienza sociale, capita che le soluzioni più convenienti si trovino in zone poco sicure della città. Può andare bene come sistemazione temporanea, ma in generale conviene fare un controllo approfondito sulla location prima di prenotare!

QUI TUTTI GLI HOTEL DI NEW YORK

QUALCHE CONSIGLIO IN PIÙ

I siti che vi abbiamo indicato sono utili e possono farvi risparmiare un sacco di energie durante la ricerca del vostro nido newyorchese. Ma visto che sappiamo quanto può essere dura, ecco qualche suggerimento extra da tenere sempre a mente.

· Il quartiere è importante, sceglietelo bene. Vi può aiutare Padmapper, che raccoglie annunci di case da siti come Craigslist e li posiziona su una comoda mappa. Potrete avere una visione d’insieme e decidere dove concentrare i vostri sforzi!

· Mai firmare a scatola chiusa. Purtroppo le foto non sono mai abbastanza, quindi cercate sempre di fare un sopralluogo di persona – o chiedete ad amici fidati in loco!

· No subway no party. Assicuratevi di avere una fermata della metropolitana (e possibilmente di una linea utile) a non più di 5 minuti a piedi da casa. Non ve ne pentirete nelle mattine invernali quando quei quattro passi saranno decisivi per il vostro umore.

· La commissione al broker vale la pena se trovate la casa dei sogni, ma sono comunque somme considerevoli quindi a volte meglio pazientare e insistere per un “no fee”.

· Occhio alle caparre: sia con agenzie che con privati, vi serviranno parecchi dollari disponibili per fermare un appartamento, quindi partite preparati!

· Il New York Times è un amico, visto che ha una sezione del sito dedicata al mercato immobiliare con un motore di ricerca e articoli sempre aggiornati.

Bene, non ci resta che augurarvi buon viaggio, e buon inizio a New York!

Mappa