COVID-19 (coronavirus) potrebbe avere un impatto sui tuoi programmi di viaggio. Qualunque sia la tua destinazione, troverai qui le indicazioni più aggiornate.

Home notizie Mascherina per viaggiare in aereo: ecco i consigli per volare durante il Coronavirus

Tutti gli articoli

Mascherina per viaggiare in aereo: ecco i consigli per volare durante il Coronavirus

Per ora viaggiare è complicato, se non addirittura impossibile, ma questo non significa non poter fare progetti futuri. Ci auguriamo che articoli come questo possano aiutare a pianificare la vostra prossima esperienza.

Mentre il mondo dei viaggi tenta di tenersi a galla per colpa della diffusione della pandemia di Coronavirus (COVID-19), le leggi del settore continuano a cambiare in modo significativo, perciò abbiamo deciso di aggiornare la nostra dettagliata guida. Dalle norme di distanziamento sociale negli aeroporti ai requisiti di quarantena in determinate destinazioni, ci sono nuove misure di sicurezza da tenere a mente. Soprattutto nuove regole riguardanti le mascherine per viaggiare in aereo durante il Coronavirus.

Una regola per tutti i viaggi aerei è l’obbligo di indossare la mascherina, sia per i passeggeri, sia per il personale. Si tratta di una regola fondamentale, che anche nella nostra quotidianità può fare la differenza nella lotta al Coronavirus. Cosa devono sapere i viaggiatori in merito? Nella nostra guida aggiornata con nuove informazioni, troverete tutto ciò di cui avete bisogno riguardo la mascherina per volare in aereo: su quando mettere la mascherina in volo e in aeroporto, come indossarla correttamente e dove acquistarla.

Quali sono le regole per indossare la mascherina in volo?

Le compagnie aeree stanno adottando diverse regole con vari livelli di applicazione, quindi è meglio fare una verifica con la propria compagnia aerea prima della data della partenza. In generale, buona parte delle compagnie aeree impone l’obbligo di indossare mascherine chirurgiche per tutta la durata del viaggio. Alcune invece ancora permettono l’utilizzo di mascherine di stoffa (le cosiddette “mascherine di comunità”). Qantas invece raccomanda le mascherine a bordo e impone l’obbligo in determinate tratte (come i voli tra Australia e Nuova Zelanda). Tuttavia, indossare una mascherina è obbligatorio per molti altri grandi vettori come American Airlines, Air France, KLM e il tutto il gruppo Lufthansa. British Airways chiede ai passeggeri di sostituire le loro mascherine con una nuova ogni 3-4 ore mentre Qatar Airways richiede all’equipaggio di cabina di indossare l’equipaggiamento protettivo per tutto il corpo.

La maggior parte delle compagnie aeree premium fornirà mascherine in caso di necessità. Alcune compagnie aeree richiedono ai passeggeri di indossare mascherine, come Emirates ed Etihad, distribuendo kit igienici a tutti i passeggeri a bordo. Questi di solito includono mascherine, guanti, salviette antibatteriche e gel ingienizzanti. Le compagnie aeree low cost come easyJet e Ryanair, invece, richiedono di indossare le mascherine ma non le forniscono.

mascherina in volo

Potete togliervi la mascherina per mangiare e bere mentre siete in transito, dando priorità all’igiene delle mani e alle distanze quando lo fate. Si noti che alcune compagnie aeree low cost, come easyJet, hanno sospeso del tutto il servizio di ristorazione a bordo. Altri vettori (Emirates, United Airlines e British Airlines) servono solo snack preconfezionati anziché pasti completi. Verificate in anticipo se dovrete portarvi a bordo cibo e bevande.

Perché indossare una mascherina per volare in aereo?

Indossare una mascherina è uno dei numerosi modi in cui i viaggiatori possono aiutare a limitare la diffusione del Coronavirus (COVID-19), secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Gli studi dimostrano che il Coronavirus è principalmente una malattia a trasmissione respiratoria, quindi indossare una mascherina sulla bocca e sul naso può aiutare a ridurre il rischio di trasmissione. Per esempio, un recente studio della Harvard School of Health sottolinea che l’utilizzo di una mascherina per viaggiare in aereo, sommato alle altre norme di sicurezza (come una corretta ventilazione con filtri HEPA), permette di abbattere significativamente il rischio di contagio durante un viaggio.

È importante quindi indossare una mascherina quando si vola perché spesso ci si trova in prossimità di altri viaggiatori e le mascherine possono aiutare a creare una barriera tra voi e i germi di un altro viaggiatore. Infatti, sempre citando lo studio della Harvard School of Health, l’infezione da Coronavirus avviene per emissione di particelle classificate come aeresol (inferiori a 5 micron di diametro) e droplets (superiori a 5 micron di diametro). Queste due tipologie di particelle vengono emesse quando parliamo, respiriamo, ridiamo, tossiamo e starnutiamo. Le particelle più grandi in dimensione cadono più rapidamente al suolo, ma le altre rimangono per più tempo in aria. Usare le mascherine permette di bloccare e contenere queste tipologie di particelle, evitando quindi che si disperdano nell’ambiente vicino a noi (e proteggendo così chi ci sta vicino).

Quando indossare una mascherina per viaggiare?

Si deve indossare una mascherina da e per l’aeroporto?

Ovunque siate nel mondo, avrete quasi sicuramente bisogno di indossare una mascherina per tutta la durata del viaggio aereo. È molto probabile che vi verrà richiesto di indossare una mascherina anche durante gli spostamenti da e per l’aeroporto. Nella maggior parte degli aeroporti del mondo, inclusi quelli italiani, viene richiesto di indossare una mascherina di stoffa oppure una mascherina chirurgica (anche una mascherina FFP2 va benissimo, che offre un livello di protezione superiore).

Consigliamo di indossare in aeroporto la stessa tipologia di mascherina richiesta dalla compagnia aerea con cui si andrà a viaggiare, per evitare di ritrovarsi poi con un tipo di mascherina non consentito per volare. Per esempio, Alitalia richiede di indossare mascherine chirurgiche su tutti i voli. In tal caso, conviene venire in aeroporto già indossando una mascherina chirurgica piuttosto che una di stoffa (o se indossate una di stoffa, dovrete ricordarvi di portarvi una mascherina chirurgica per il volo).

aeroporto Covid

Ora è obbligatorio indossare mascherine su tutti i trasporti pubblici nella maggior parte dei Paesi europei, tra cui Italia, Regno Unito, Spagna e Francia, e i passeggeri che non rispettano la regola rischiano di incorrere in multe. Le mascherine sono inoltre obbligatorie per molti servizi di trasporto automobilistico e car sharing come Lyft, Ola e Uber. Verificate i siti web dei dipartimenti sanitari locali delle città in cui si state viaggiando, o i consigli di viaggio segnalati sui portali del Ministero della Salute e del Dipartimento della Protezione Civile.

In quale punto dell’aeroporto bisogna indossare la mascherina?

Le regole variano a seconda dell’aeroporto, ma in genere le mascherine devono essere indossate dal check-in in poi. Gli aeroporti di Fiumicino e Ciampino (ADR) affermano l’obbligo dell’utilizzo di mascherine, tuttavia tutti i passeggeri che ne fossero sprovvisti possono rivolgersi ai controlli di sicurezza, e alcuni vettori come Ryanair richiedono ai passeggeri di indossare maschere facciali in aeroporto prima dell’imbarco.

Una volta effettuato il check-in, ai passeggeri viene chiesto di tenere la mascherina per viaggiare in aereo durante tutta la tratta, dall’imbarco allo sbarco. Per volare durante il Coronavirus controllate i siti web degli aeroporti di partenza e di arrivo, oltre alla compagnia aerea prescelta, tenendo sempre la mascherina a portata di mano. Se volete evitare di incorrere in sanzioni il nostro consiglio è quello di mettere sempre la mascherina. Volare durante il Coronavirus è possibile se si rispettano tutte le regole in vigore nei vari Paesi.

mascherina per viaggiare

Cosa cercare in una mascherina per viaggiare in aereo?

Monouso vs riutilizzabili: sono migliori le mascherine in carta o in tessuto?

La protezione quasi totale dalle infezioni respiratorie può essere fornita solo dalle mascherine respiratorie FFP2, N95, KN95 (filtrano circa il 95% delle particelle sospese nell’aria, inclusa l’eventuale presenza del Coronavirus), che sono adeguatamente montate e generalmente utilizzate dagli operatori sanitari o da chi lavora in ambiti industriali (parleremo di questa tipologia di mascherine nel prossimo paragrafo). Le mascherine di questa tipologia filtrano circa il 95% sia in entrata (quando inspiriamo), sia in uscita (quando espiriamo).

Mascherine chirurgiche monouso o mascherine di tessuto riutilizzabili lavabili (le cosiddette “mascherine di comunità”) proteggono gli altri da noi se portatori del virus: il rischio di trasmissione è molto più basso se si starnutisce in una mascherina che nell’aria. La ricerca suggerisce che indossare una mascherina durante il Coronavirus riduce la trasmissione fino al 79%. Tuttavia, alcuni materiali possono intrappolare le particelle di virus meglio di altri, quindi tenetelo a mente quando acquistate una mascherina di stoffa. Ricordate inoltre che se indossata per un lungo periodo di tempo, una mascherina di stoffa deve essere comoda e traspirante (sicure, comode, adattabili al viso e lavabili in lavatrice quelle in cotone al 100%).

I ricercatori affermano inoltre che il cotone, fra i materiali più utilizzati per le mascherine in tessuto, offre prestazioni migliori a densità di tessitura più elevate (con un alto numero di fili). Inoltre investire in mascherine riutilizzabili riduce drasticamente l’impatto sui rifiuti di plastica e di conseguenza sull’inquinamento globale e sui cambiamenti climatici.

Mascherine FFP2 o KN95 o N95: quali sono le differenze?

Da quando le mascherine sono entrate a fare parte della nostra quotidianità, c’è stata molto confusione tra i modelli di mascherine più sicuri e cosa cambiava da una tipologia all’altra. Specialmente per quanto riguarda le mascherine FFP2, KN95 o N95: cosa significa FFP2? E quali sono le differenze con le altre sigle? Tutti i modelli qui citati rientrano nella categoria dei DPI: Dispositivi di Protezione Individuale, pensate per proteggere gli operatori sanitari, ma anche chiunque lavori in ambito industriale o in un cantiere, per esempio.

Le mascherine FFP2, KN95, N95 hanno tutte un potere filtrante intorno al 94-95% delle particelle, sia in uscita (quindi filtrano il nostro respiro), sia in entrata (quindi filtrano ciò che respiriamo). Il costo di queste mascherine perciò è superiore e spesso si aggira tra i 4 ai 7 EUR a singola mascherina (a seconda di dove comprate le mascherine e se le acquistate in pacchetti o singole).

Le tre diciture (FFP2, KN95 e N95) si riferiscono semplicemente all’ente che ha certificato la sicurezza di questi dispositivi:

  • Mascherine FFP2: possiedono certificazione Europea
  • Mascherine N95: possiedono certificazione Americana
  • Mascherine KN95: possiedono certificazione Cinese
viaggiare in aereo Covid

Perciò le tre tipologie di mascherine in questione si differenziano per le diverse procedure che ne attestano il potere filtrante. I test di sicurezza che vengono svolti sulle mascherine variano infatti da paese a paese: per questo esistono quesi tre tipi di certificazione diverse (FFP2, N95, KN95).

Lo standard FFP2 risulterebbe sotto certi aspetti quello migliore rispetto al N95 e il KN95. Il sistema di certificazione europeo infatti impone test più approfonditi, anche con un inquinante liquido (olio di paraffina). Inoltre, viene posta più attenzione alla resistenza respiratoria ammessa dalla mascherina. La soglia di resistenza media imposta dalla normativa europea risulta più bassa di quella usata dalla normativa americana e cinese. Ciò si traduce nel fatto che le mascherine FFP2 dovrebbero garantire una migliore comodità e durata rispetto alle controparti americane e cinesi. In ogni caso comunque, le mascherine FFP2, N95 e KN95 offrono lo stesso livello di protezione.

Mascherina per viaggiare in aereo: chirurgiche o FFP2? Cosa cambia?

Viaggiare in sicurezza ai tempi del Coronavirus richiede di rispettare una serie di nuove regole, tra cui spicca sicuramente l’uso delle mascherine a bordo degli aerei. Quando dovete volare, consigliamo caldamente di informarsi bene: ogni compagnia aerea ha le proprie regole in materia di mascherine da avere. C’è chi permette ancora le mascherine di stoffa, chi invece richiede solo le mascherine chirurgiche. In casi del genere, indossare una mascherina chirurgica permette di togliere ogni dubbio: si tratta dello standard per volare in sicurezza con tutte le compagnie aeree.

Se le mascherine chirurgiche assicurano un livello di sicurezza superiore alle mascherine di stoffa (chiamate anche mascherine di comunità), le mascherine FFP2 (o gli equivalenti N95 e KN95) garantiscono un livello ancora superiore di sicurezza durante i viaggi (e sono in genere sempre consentite a bordo, proprio perché sono considerate più sicure delle categorie precedentemente citate).

La differenza tra mascherine chirurgiche e FFP2 è la seguente: il potere filtrante in entrata.

  • Le mascherine chirurgiche proteggono gli altri da noi; ma non noi dagli altri. Ovvero filtrano più del 90% delle particelle in uscita (ovvero quando espiriamo), ma non hanno un potere filtrante in entrata.
  • Le mascherine FFP2, N95, KN95 proteggono gli altri da noi, ma anche noi dagli altri. Infatti filtrano circa il 95% delle particelle sia in uscita (quando espiriamo), sia in entrata (ciò che inspiriamo).

Le mascherine chirurgiche, così come in generale tutte le mascherine di stoffa, funzionano correttamente se tutti indossano la mascherina per viaggiare (visto che hanno potere filtrante solo in uscita). A bordo di un volo, quando c’è l’obbligo di indossare le mascherine per tutti i passeggeri e il personale, viene garantito quindi il livello di sicurezza necessario a volare in aereo. Se però volete viaggiare con maggiore sicurezza, magari perché siete un soggetto a rischio o semplicemente dovete affrontare un volo molto lungo, indossare una mascherina FFP2, N95, KN95, permette di proteggere non solo gli altri passeggeri da voi, ma anche voi dagli altri passeggeri.

Come conoscere l’efficacia di una mascherina per volare in aereo?

L’efficacia dell’uso della mascherina per viaggiare, al di là di quella chirurgica, è ancora oggetto di ricerca. Le mascherine non chirurgiche non possono proteggere completamente dall’inalazione di particelle virali ma sono una valida protezione al virus. Una mascherina medica monouso può bloccare le goccioline di umidità, ma poiché i lati non sono completamente sigillati sulla pelle, non garantisce il totale isolamento. Lo stesso vale per una mascherina di stoffa.

Uno studio americano (“Testing Shows Type of Cloth Used in Homemade Masks Makes a Difference, Doctors Say“) ha confrontato le varie mascherine scoprendo che più strati ci sono (preferibilmente di cotone trapuntato e traspirante) maggiore è la protezione. Quando acquistate mascherine non chirurgiche, la loro efficacia verrà elencata nella loro descrizione, così come la percentuale di particelle che dovrebbero bloccare, quindi leggete bene la descrizione e confrontate una mascherina con l’altra.

mascherine in viaggio

Dove comprare una mascherina?

Le mascherine monouso (di tessuto, chirurgiche, FFP2/N95/KN95) sono disponibili nelle farmacie, parafarmacie, tabaccai e supermercati: il totale dei punti vendita che distribuiranno mascherine a prezzo «imposto» (0,50 centesimi a mascherina chirurgica) salirà a 100 mila unità, in media uno ogni 600 abitanti. Molto diffuso anche l’acquisto online delle mascherine in tessuto riutilizzabili e lavabili in lavatrice. Potete affidarvi ad Amazon, Ebay ed Etsy per l’acquisto di mascherine più economiche oppure puntare ad aziende e startup italiane, le quali stanno producendo mascherine colorate, in fibre naturali e con fantasie diverse per ogni tipo di occasione. Senza dimenticare quelle che devolvono il proprio ricavato in beneficienza come Reimiro, che crea mascherine lavabili realizzate con gli scarti di vari filatoi e maglierie venete. Costano 24 euro e il 30% del ricavato viene donato al Policlinico di Milano per l’emergenza sanitaria.

Come indossare una mascherina?

Se dovete volare durante il Coronavirus e quindi indossare una mascherina per viaggiare in aereo, assicuratevi di farlo correttamente seguendo le istruzioni su come indossarla, toglierla e, nel caso di mascherina riutilizzabile, come essere in grado di utilizzarla di nuovo e in modo del tutto sicuro. Potete seguire i consigli dello spot del Ministero della Salute e del video animato dell’OMS che trovate di seguito.

Come mettere una mascherina?

Una mascherina dovrebbe coprire completamente il naso e la bocca, lasciando comunque respirare comodamente senza ostruzioni. Vediamo come mettere una mascherina in 6 semplici passaggi per volare durante il Coronavirus:

  1. Per iniziare, lavatevi le mani o usate un disinfettante per le mani. L’OMS raccomanda di strofinare le mani con alcool per 20-30 secondi o di lavarsi le mani con acqua e sapone per 40-60 secondi.
  2. Successivamente, assicuratevi che la mascherina stessa sia pulita e non danneggiata (questo significa che non avreste dovuto indossarla in precedenza senza lavarla o sostituirla). Se avete già usato la mascherina e non l’avete lavata, lavatela prima di riutilizzarla. Se state utilizzando mascherine usa e getta, dovreste usarne una nuova ogni volta.
  3. Indossate la mascherina, fissando i passanti dietro ciascun orecchio o dietro la testa, a seconda del tipo. La mascherina dovrebbe coprire naso e bocca e adattarsi comodamente al viso, senza spazi aperti sui lati.
  4. Per le mascherine mediche monouso, il pezzo di metallo flessibile dovrebbe passare sopra il ponte nasale (il lato bianco della mascherina è di solito l’interno); il lato blu, l’esterno. Pizzicate la parte metallica sul naso in modo che si adatti alla sua forma.
  5. Evitate di toccare la mascherina ogni volta che la indossate.
  6. Se la mascherina si sporca o si bagna, assicuratevi di sostituirla con una nuova.

Come si esegue un fit test (prova di aderenza) per massimizzare la protezione?

La mascherina dovrebbe coprire completamente naso, bocca e mento e adattarsi perfettamente dietro le orecchie o dietro la testa. Non dovrebbero esserci spazi sul lato della mascherina. L’OMS informa che se ci sono lacune, la maschera non sarà efficace nel prevenire che le goccioline respiratorie vi raggiungano o si trasferiscano su un altro individuo. Se la mascherina non si adatta al volto, non utilizzatela e assicuratevi di trovarne una alternativa o una copertura del viso che si adatti meglio.

Come rimuovere in sicurezza la mascherina?

Proprio come quando si indossa una mascherina per viaggiare, è necessario fare attenzione a rimuoverla per evitare possibili contaminazioni.

  1. Prima di rimuovere la mascherina lavatevi le mani o usate il disinfettante, proprio come avete fatto per indossarla.
  2. Senza toccare la parte anteriore della mascherina, slacciate o rimuovete i laccetti dietro le orecchie o dietro la testa, allontanandola dal viso e continuando a tenerla per i passanti.
  3. Per la mascherina monouso, è necessario smaltirla immediatamente, preferibilmente in un contenitore chiudibile.
  4. Per la mascherina riutilizzabile in tessuto, una volta usata, ponetela in un sacchetto di plastica sigillabile fino a quando non potete lavarla. Per lavarla, rimuovete la mascherina dalla busta di plastica solo con i cinturini e lavatela in acqua calda con un detergente.
mascherine chirurgiche

Si può indossare la mascherina chirurgica più di una volta?

La mascherina chirurgica monouso non deve mai essere indossata più di una volta e non può essere lavata (smaltitela sempre correttamente dopo ogni utilizzo). Inoltre ricordatevi che garantisce una corretta durata per un massimo di 6/8 ore. Invece, una mascherina riutilizzabile in tessuto (le cosiddette mascherine di comunità) può essere indossata di nuovo, ma è necessario assicurarsi che sia stata lavata dopo ogni singolo utilizzo, idealmente in acqua calda a 60 gradi con detergente.

Durata delle mascherine FFP2: possiamo riusare le mascherine di questo tipo?

Come specificato nei paragrafi precedenti, le mascherine FFP2, N95, KN95, garantiscono un livello di protezione superiore rispetto alle altre tipologie (filtrano anche ciò che respiriamo, oltre a ciò che espiriamo). Tutte queste tipologie di mascherine però non sono riutilizzabili e non sono lavabili nella stragrande maggioranza dei casi: hanno un potere filtrante fino a 8 ore, poi devono essere smaltite correttamente.

Però esistono delle mascherine FFP2, N95 e KN95 che possono essere usate più volte. Cercate la sigla “R” su queste mascherine: se è presente, allora sono riutilizzabili. Se invece è presente la sigla “NR”, allora sono monouso. Se sono della categoria “R”, quindi riutilizzabili, seguite le indicazioni del produttore per lavarle (a volte basta anche lavarle a 60° con un comune detersivo, altre volte bisogna cambiare i filtri delle mascherine). Inoltre, in caso di mascherine FFP2, N95 e KN95 riutilizzabili, il produttore specifica anche il numero massimo di lavaggi che possono essere fatti.

Ogni quanto bisogna lavare la mascherina?

Dovreste lavare la mascherina riutilizzabile in tessuto dopo ogni volta che l’avete indossata. Ad esempio, se avete trascorso tutto il giorno in giro con la mascherina, dovreste pianificare di lavarla una volta tornati a casa prima di rimetterla. L’OMS consiglia di lavare la mascherina in tessuto con acqua calda e detergente per garantirne la pulizia e indossarla di nuovo. È meglio avere due o tre mascherine da usare in rotazione in modo da non rischiare di rimanere senza. Se invece disponete di mascherine chirurgiche o mascherine FFP2, N95, KN95 (queste tre con la sigla “NR”) non dovete lavarle: queste mascherine non sono riutilizzabili e devono essere correttamente smaltite dopo un utilizzo di massimo 6/8 ore in una giornata.

Come smaltire in sicurezza la mascherina?

L’OMS consiglia che per le mascherine monouso, è necessario prima lavarsi o disinfettare le mani con un gel igienizzante a base alcolica. Quindi, rimuovere i laccetti da dietro le orecchie o dietro la testa senza toccare la parte anteriore della mascherina, e tenendo i cinturini per le orecchie, gettare la mascherina in un bidone della spazzatura, meglio con coperchio.

Quali sono altri modi per garantirsi la sicurezza in volo e in aeroporto?

Volare durante il Coronavirus implica tutta una serie di passaggi pratici per garantirvi la sicurezza, oltre ad usare una mascherina per viaggiare in aereo. Lavatevi regolarmente le mani (con acqua e sapone o un gel per le mani a base alcolica), evitate di toccare occhi, naso e bocca e cercate di rimanere ad almeno due metri da qualcuno che tossisce o starnutisce. Dovreste anche portarvi cibo e bevande quando possibile, come una bottiglia riutilizzabile per l’acqua.

L’OMS offre linee guida complete su come ridurre il rischio di trasmissione e infezione nei luoghi pubblici. Vi consigliamo di seguirli in transito e in qualsiasi spazio pubblico, ora che il Coronavirus continua a essere una minaccia. Se quindi siete in procinto di pianificare un viaggio ai tempi del Coronavirus, vi consigliamo anche di organizzare un viaggio flessibile che possa tenere conto delle potenziali restrizioni sugli spostamenti.

misure di sicurezza

In generale, indossare una mascherina per viaggiare in aereo non garantisce una protezione al 100% dall’infezione da Coronavirus o altre malattie respiratorie. Ma la ricerca dimostra che il suo corretto utilizzo può ridurre significativamente la trasmissione del virus, specialmente in abbinamento a una buona e regolare igiene delle mani e ad altre precauzioni, come il distanziamento sociale.

Indossare una protezione per il viso è un’ulteriore precauzione che può portare alcuni benefici riducendo la probabilità che una persona positiva trasmetta l’infezione“, afferma il professore Chris Whitty, England’s Chief Medical Officer. “Il mezzo più efficace per prevenire la diffusione di questo virus rimane seguire le regole di distanziamento sociale e lavarsi le mani regolarmente. Come anche proseguire con l’isolamento in caso di sintomi“.

L’OMS ha aggiornato le sue linee guida il 5 giugno scorso per raccomandare ai governi di chiedere a tutti di indossare mascherine in tessuto nelle aree pubbliche; le stesse linee guida si applicano a chiunque sia in transito. Molti governi – compresi Italia, Regno Unito, Stati Uniti, Emirati Arabi Uniti e Thailandia – sconsigliano ancora tutti i viaggi internazionali non essenziali, almeno finché la pandemia non sia conclusa. Ricordiamo che alcuni confini sono ancora completamente chiusi.

La scelta di volare durante il Coronavirus è del tutto personale, la nostra raccomandazione è solo quella di affidarvi a fonti sicure come l’OMS per aiutarvi a prendere la decisione. E nel caso volete pianificare un viaggio, vi consigliamo di munirvi di tutte le precauzioni (come indossare una mascherina per viaggiare) per rendere il volo il più sicuro e confortevole possibile. Se invece volete rimanere vicini a casa vostra ma scoprire comunque nuovi posti, avete mai pensato ad organizzare una staycation?

Dove puoi viaggiare?

Scoprite dove viaggiare con la nostra mappa globale aggiornata in tempo reale. Volare al tempo del Coronavirus richiede di rispettare importanti misure di sicurezza: se volete viaggiare in sicurezza durante il Covid-19, vi consigliamo di controllare la nostra mappa per sapere le restrizioni in atto neri vari Paesi. Iscrivetevi anche alla nostra newsletter e riceverete aggiornamenti sulla revoca delle restrizioni.

Vuoi leggere di più?

Volare durante il Coronavirus ha cambiato molte regole per passeggeri e compagnie aeree. Se avete intenzione di pianificare un viaggio durante questo periodo, potete leggere gli ultimi consigli di viaggio del nostro team per rimanere sempre informati.

Coronavirus: consigli di viaggio

Il futuro del trasporto aereo: volare post COVID-19

COVID-19 (Coronavirus) domande e risposte di viaggio

Skyscanner è leader globale nei viaggi. Controlliamo il costo con 1.200 compagnie di viaggio per aiutarti ad ottenere il miglior prezzo su volihotel e noleggio auto.