Home notizie Da Genova alle Cinque Terre: Road-trip in LIGURIA

Tutti gli articoli

Da Genova alle Cinque Terre: Road-trip in LIGURIA

Da Genova a Vernazza, passando per Recco e Portofino: tour della Liguria in 10 bellissime tappe.

ROAD -TRIP IN LIGURIA

Una calda giornata di sole, la voglia di mettersi in macchina e arrivare al mare… Eh, sì, è venuta anche a voi voglia di partire? Approfittate delle offerte di autonoleggio di Skyscanner e date un’occhiata al percorso da sogno che abbiamo pensato per voi. Da Genova alle bellissime 5 Terre, passando per Recco, Portofino, Rapallo… Le perle della Liguria in un road-trip in 10 tappe perfetto per l’estate!

QUI TROVATE TUTTE LE OFFERTE DI AUTONOLEGGIO

GENOVA

Prima tappa, Genova: lasciatevi incantare dalle piazzette pittoresche, dai caruggi, i famosi vicoletti medioevali, e dalle creuze, le stradine strette tra i nobili e altissimi palazzi. Passate naturalmente per Via del Campo e poi respirate il mare e il vento di questa antica Repubblica Marinara attraversata, nel tempo, da popoli e culture. Il nome antico, Janua, vuol dire infatti “porta” in latino, ma è anche un rimando a Giano, il dio bifronte, per la posizione della città stretta tra la montagna e il mare. Scendete al porto, uno dei punti turistici, dopo i lavori di Renzo Piano: ammirate la Lanterna, il faro simbolo della città, e non perdetevi l’Acquario: il più grande in Italia e il secondo in Europa, con 12.000 esemplari di 600 specie diverse. Vi è venuta fame? Scegliete la migliore tra le numerose trattorie in zona e poi…trenette alla genovese per tutti!

RECCO

Una volta ripartiti da Genova, proseguite in auto sulla Strada Provinciale Aurelia o sull’A12 e fate tappa a Recco. Incastonato come una perla nel Golfo Paradiso, sulla riviera di Levante, questo antico borgo di marinai saprà conquistarvi per il suo centro storico, di grande valore artistico, e per il panorama costiero che non teme confronti. Se programmate il vostro viaggio nel mese di maggio, fate in modo di capitare qui l’ultima domenica del mese: troverete la festa della famosissima “fugassa de Reccu” la focaccia sottilissima con ripieno di crescenza, che per l’occasione i panificatori distribuiranno gratuitamente: tra i più apprezzati street food italiani. Lasciatevi prendere per la gola!

PORTOFINO

Arroccato su un tratto di costa mozzafiato, tra colline di lecci e pini d’Aleppo, Portofino vi rapirà sin dal primo sguardo. Le sue casette colorate a picco sul mare del Golfo del Tigullio, le lussuose barche ormeggiate nel porto e l’atmosfera di serena spensieratezza che si respira in Piazzetta, il famoso salotto a cielo aperto in cui è facile incontrare vip e celebrità: vi conquisteranno. Un concentrato di arte, storia e natura senza paragoni. Una curiosità? Il nome viene dagli antichi romani, che denominarono la città “Portus Delphini”, probabilmente per la presenza di delfini nelle acque cristalline del golfo. Che aspettate a tuffarvi?

àRAPALLO

Dal piccolo porticciolo di Portofino riprendete il vostro tour alla volta di Rapallo, lasciandovi guidare dalle curve della strada frastagliata che segue la costa, immersa nella macchia mediterranea e profumata dai pini marittimi. Ad accogliervi il polmone verde della città, il Parco di Villa Tigullio, in cui potrete riposarvi dopo il viaggio. Non perdete prima di tutto il Castello cinquecentesco, con la sua lunga storia alle spalle, e poi, magari al tramonto, godetevi la passeggiata sull’elegante lungomare Vittorio Veneto, tra palme e locali in cui ristorarvi. Per finire, fate un salto al Santuario della Madonna di Montallegro, patrona di Rapallo, a pochi chilometri dalla città: vale la deviazione. Si riparte, il viaggio continua!

SESTRI LEVANTE

Collocata tra la Baia del Silenzio e la Baia delle Favole, e per questo detta “città dei due mari”, Sestri Levante è un posto magico, tra le località più suggestive di tutta la riviera ligure. Ritrovate voi stessi nella quiete della prima spiaggia o tornate bambini nella Baia delle Favole, dove Hans Christian Andersen scrisse alcune delle sue favole. L’Andersen Festival, che si tiene qui nel mese di giugno, è una manifestazione che non potrete proprio perdere, dedicato alla letteratura per l’infanzia e pieno di spunti per gli adulti. Godetevi un aperitivo senza pensieri o regalatevi un souvenir nei tanti negozietti del centro storico. E poi? Questa è la base di partenza ideale per le escursioni alle Cinque Terre. Andiamo a scoprire insieme questo angolo di paradiso!

MONTEROSSO AL MARE

Eccoci a Monterosso, la prima tra le cinque perle. Diviso tra la parte storica del centro, con i vicoletti romantici e le chiese medievali, e quella più moderna e turistica del lungomare di Fegina, Monterosso è il borgo più grande delle Cinque Terre, amatissime dai turisti di tutto il mondo e Patrimonio Mondiale dell’Umanità dal 1997. “Roccioso e austero, asilo di pescatori e contadini”, come lo definì Eugenio Montale, che qui aveva la sua casa estiva, Monterosso vi stupirà anche al di là del tramonto: dopo il bagno di sole in spiaggia, godetevi un po’ di mondanità e di vita notturna in uno dei tanti ristorantini e locali sul mare. Fidatevi, non vorrete andar più via!

VERNAZZA

Il giallo, il rosso e il rosa delle casette del borgo, il blu intenso dell’acqua e il verde della vegetazione alle spalle: un affresco dai colori vividi, dalla bellezza senza pari. Vernazza, tra i cento borghi più belli d’Italia, è dominato dai resti del castrum, le fortificazioni medievali, e c’è un’unica via centrale a dividere il paese: tutt’intorno, le scalinate ripide (arpaie), tra cui perdervi con la persona che amate. Prendetevi cinque minuti per vedere Santa Margherita di Antiochia, chiesa in stile romanico-genovese, e poi ripartite: gustatevi il viaggio e i panorami lungo la S.S. 370, fino alla prossima tappa. Chi si ferma è perduto!

CORNIGLIA

Affollato dai turisti e arroccato su un suggestivo promontorio roccioso, Corniglia è un borgo incantato, accessibile attraverso la Lardarina, la famosa scalinata di mattoni di ben 377 gradini. Ricca di meravigliosi sentieri panoramici tutti da scoprire, Corniglia vi catturerà per la sua bellezza selvaggia e incontaminata e per gli odori pungenti delle erbe aromatiche, come la maggiorana, l’origano e il timo, che crescono spontaneamente in questo territorio, profumando di magia l’aria calda dei lunghi pomeriggi d’estate. Che dirvi? Respirate a pieni polmoni!

MANAROLA

Si dice che Manarola prenda il nome dalla “magna rota”, la grande ruota dei mulini ad acqua. Nella parte più bassa del paese, infatti, si può ammirare il vecchio mulino, a sottolineare la sua vocazione agricola: Manarola è tra i principali produttori di olio e di vino di tutta la zona, circondata com’è da terrazzamenti di uliveti e vigneti . Dopo un giro in paese in cui non potete perdere la Chiesa di San Lorenzo, con i suoi bellissimi interni barocchi, e il Campanile Bianco, antica torre di controllo e avvistamento, scendete verso il mare: qui troverete piccoli angoli di paradiso da cui godere di un panorama mozzafiato. Magari sorseggiando un ottimo Cinque Terre Sciachetrà, il pregiato vino passito locale… non chiederete altro dalla vita!

RIOMAGGIORE

Il nostro road-trip termina a Riomaggiore, dove potreste anche arrivare a piedi seguendo la Via dell’Amore, un bellissimo sentiero pedonale a strapiombo sul mare che collega Manarola a questo bellissimo borgo. Fate caso alla doppia entrata delle abitazioni, una sulla facciata a livello del vicolo e l’altra sul retro, all’altezza della strada superiore: una caratteristica unica che rimanda al 1500, quando la doppia porta era una rapida via di fuga durante le incursioni saracene. Dopo il giro in paese, ristoratevi con una bella cena di pesce, che troverete sicuramente freschissimo: acciughe, seppie e orate, arricchite dal delicato olio locale, soddisferanno il vostro palato. Noi ne siamo certi, ci ritornerete!

Mappa