Home notizie Alla scoperta delle città dei motori in Emilia Romagna

Tutti gli articoli

Alla scoperta delle città dei motori in Emilia Romagna

Non c'è evento migliore del Motor Valley per scoprire quel concentrato di bellezze che l'Emilia Romagna può vantare, non a caso presente nei 20 Paesi più belli d'Italia. Dal 18 febbraio fino al 25 settembre, la possibilità di conciliare la passione per le auto, attraverso varie attività nel campo dei motori e dei circuiti, e il fascino della cultura, delle tradizioni e dell'arte del posto vi farà amare ancor di più questa splendida terra. Quindi che aspettate? Mettetevi in viaggio alla scoperta di queste città all'avanguardia seguendo l'antica Via Emilia che parte da Piacenza fino a raggiungere Rimini o viceversa.

Trip Motor Valley

1. Piacenza

Il nostro tour inizia dalla città di Piacenza, che durante l’impero romano giocò l’importante ruolo di difendere l’Emilia Romagna dalle invasioni. Situata sulle rive del Po, la città è caratterizzata da costruzioni Medioevali e Rinascimentali. Impossibile non passare da Piazza Cavalli, così chiamata per i due splendidi monumenti equestri che la impreziosiscono. Arrivando dal viale principale appare ampia e maestosa e di sera saprà conquistarvi con le sue luci e l’atmosfera magica che si crea. Da qui si snodano le vie dello shopping e le connessioni con tutti gli altri monumenti e palazzi. Insomma, percorrerla è inevitabile!

2. Varano de’ Melegari

Procediamo con Varano de’ Melegari, una piccola cittadina della provincia di Parma, che per i sacrifici compiuti dai suoi abitanti e per l’attività partigiana durante la seconda guerra mondiale possiede una medaglia di bronzo al valor militare. Qui ha sede l’autodromo dedicato alla memoria del giovane pilota italiano Riccardo Paletti. Spettacolare è il Castello Pallavicino che sorge su uno scoglio di arenaria, in posizione strategica per il controllo della vallata del Ceno. I costumi indossati dallo staff e le numerose e varie attività trasformeranno la vostra visita in una vera e propria immersione indietro nel tempo. Come tutti i castelli che si rispettino, è avvolto da un alone di mistero. Infatti, sono numerose le leggende che girano sul suo conto. Una di queste è quella di Beatrice il fantasma, tutte le altre le scoprirete sul posto.

3. Parma

Parma, città creativa per la gastronomia UNESCO, è il cuore di alcune prelibatezze come il Parmigiano-Reggiano, il prosciutto di Parma e il lambrusco, un vino dal colore rosso scuro non molto alcolico. Divisa in 2 dal Parma, un affluente del Po, la città è vicina alla patria di Giuseppe Verdi. Qui e a Busseto ogni anno durante il mese di ottobre si svolge il rinomato Festival a lui dedicato. Ovviamente non possono mancare i teatri, dove le opere del noto compositore, e non solo, vengono riprodotte. Un esempio è il teatro Regio, una stupenda costruzione di stile neoclassico che offre al pubblico una visuale fantastica e un’ottima acustica. Un tocco di classe è l’astrolampadario centrale che mette in risalto gli stucchi bianco oro e i decori. Sebbene le visite guidate al suo interno siano frequenti e con costi non elevati, per apprezzare al meglio la bellezza e l’atmosfera dell’edificio, l’ideale è assistere a uno spettacolo.

Scopri di più: Le 10 Università più amate d’Italia

4. Reggio Emilia

Vi siete mai chiesti chi ha progettato la bandiera della nostra amata penisola? Beh, a Reggio Emilia troverete tutte le risposte che vi occorrono. Infatti, fu l’architetto Lodovico Bolognini nel XVIII secolo a disegnarla e a proporla all’interno del Palazzo comunale che al giorno d’oggi è denominato Sala del Tricolore. Qui, più che in ogni altro luogo, vi sentirete orgogliosi di essere italiani. Attraverso il museo del piano superiore avrete la possibilità di vivere il percorso dell’Italia dalle origini fino ad arrivare alla conquista dell’indipendenza e dell’Unità. Un’esperienza imperdibile!

5. Modena

E ora Modena, che grazie agli Este, una famiglia nobile di Ferrara, che la resero capitale del loro ducato, non ha mai smesso di affascinare i turisti con la sua storia e non solo. La città deve le sua popolarità anche a Piazza Grande, la piazza principale situata nel centro storico, che con il Duomo e la torre campanaria Ghirlandina è stata nominata Patrimonio dell’Umanità UNESCO. Il Duomo è una perla dell’architettura romanica. La particolarità? È stato il primo edificio ad essere costruito seguendo un progetto ben definito dall’architetto Lanfranco. Interessanti sono le visite alle acetaie dove attraverso laboratori, degustazioni e eventi potrete scoprire tutti i segreti sull’origine, la produzione e l’utilizzo del celebre aceto balsamico tradizionale di Modena.

6. Maranello

Per voi, amanti dell’automobilismo, Maranello sarà il vostro angolo di paradiso. Piccolo comune della provincia di Modena, è dal 1947 la sede di una delle più prestigiose case automobilistiche al mondo: Ferrari. La visita al museo è d’obbligo anche per chi non s’intende di automobili. Si ripercorre la storia sportiva e parallelamente si vivono i progressi ottenuti dalle industrie nella produzione dei loro gioiellini. Ma che giornata sarebbe senza un giro su una di queste automobili sportive? Ebbene sì, anche questo si può fare per le strade di Maranello. Scoprirete l’ebbrezza di sfrecciare tra la gente con l’adrenalina al massimo!

7. Sant’Agata Bolognese

A metà del percorso ci troviamo a Sant’Agata Bolognese, nel museo della Lamborghini, un’altra casa automobilistica. Il luminoso edificio apparirà abbagliante ai vostri occhi per le meraviglie che contiene. Al primo piano tornerete indietro nel tempo con le vecchie auto, mentre al piano superiore vivrete il presente e le nuove tecnologie. 50 anni di design, meccanica, potenza ed eleganza invidiati in tutto il mondo. E pensare che tutto è iniziato da una semplice campagna bolognese dove passione e creatività hanno portato questa azienda ai vertici mondiali.

8. Borgo Panigale

Situato a nord-est dalla città di Bologna, Borgo Panigale è un quartiere compreso tra due fiumi: il Lavino e il Reno. Questo è il luogo in cui nel 1935, dopo la Prima Guerra Mondiale, è nata la magia della Ducati, l’azienda che produce moto di diversi generi. Il weekend più atteso dell’estate è quello dall’1 al 3 luglio, con il WDW World Ducati Week, il raduno biennale di tutti gli appassionati del mondo delle moto sfornate da Borgo Panigale, ospitato al Misano World Circuit. Quest’anno ci saranno le ultime novità 2016, test ride, animazione e tanto altro.

9. Bologna

Un viaggio nella storia ammirando portici, monumenti e le torri medioevali che guardano e proteggono la così detta ghiotta, dotta e torruta. Il centro storico di Bologna è stato riconosciuto dall’UNESCO come il più grande e meglio conservato al mondo. Piazza Maggiore è il cuore della città, incorniciata da monumenti e palazzi storici di epoche diverse. Per una visita mozzafiato della città salite sulla torre degli Asinelli, una delle 24 torri rimaste dal medioevo insieme alla Garisenda. Non lasciatevi spaventare dall’altezza, arrivati in alto tutti i vostri sforzi saranno ripagati. Non dimenticate di assaggiare le tagliatelle al ragù bolognese e la mortadella!

Scopri di più: le 10 attrazioni principali da vedere a Bologna

10. Imola

È qui che nel 1952 fu collaudato per la prima volta l’autodromo Enzo e Dino Ferrari. Il circuito, immerso nel verde, è uno dei più importanti di Italia. Attualmente si svolgono periodicamente gare ed eventi. Poi c’è la rocca sforzesca, una struttura fortificata del 1261. Tra le diverse funzioni che ha avuto nel passato c’è quella del carcere dello stato pontificio. Adesso, invece, al suo interno si possono ammirare mostre di armi e ceramiche mentre per i più piccoli sono disponibili laboratori e attività.

11. Lugo

Questa città della provincia di Ravenna vi stupirà per la tranquillità e la vivibilità che si respira in ogni angolo. Simbolo della città è Francesco Baracca, un pioniere dell’aviazione italiana, che ha dedicato la sua vita alla patria. In suo onore è stato eretto un semplice ma suggestivo monumento al centro della città e un museo collocato nella sua abitazione. Quest’ultimo è un luogo che ha il compito di ricordarci da dove veniamo e che in passato c’è stata gente che ha messo in alto l’onore della nostra bandiera. Resterete colpiti ed emozionati dai documenti, i cimeli, le riproduzioni di aerei da guerra e tanto altro ancora che lascerà in voi un segno indelebile.

12. Forlì

Siamo quasi giunti al termine della nostra avventura e ci fermiamo a Forlì, anche detta in dialetto Zitadon per essere stata a lungo la città più popolosa della Romagna. Se cercate un posto per rilassarvi il Parco Urbano Franco Agosto fa a caso vostro. Fresco e ventilato nelle giornate d’estate, suggestivo e poetico nel rigido inverno, si estende in una grande area che, con i suoi ventisei ettari, attornia la città dall’antica cinta muraria fino alla più recente periferia. Accarezzato dal fiume Montone, con tante panchine per fare una pausa lungo i suoi viali, il Parco è immerso nella natura.

13. Cesena

Simbolo della città di Cesena è la biblioteca Malatestiana, l’unico esempio di biblioteca monastica umanistica giunta fino a noi perfettamente conservata. Per sottolineare la sua importanza culturale l’UNESCO l’ha inserita, prima in Italia, nel registro della memoria del mondo. All’interno l’atmosfera è suggestiva e l’architettura e i giochi di luce sono straordinari. Percorrendo i corridoi vi sembrerà che il tempo si sia fermato in un religioso silenzio, insomma, questa biblioteca è un angolo intatto di storia da visitare e godere con tranquillità, immersi nella cultura.

14. Rimini

Siamo tutti abituati a vedere Rimini come la capitale italiana della vita notturna, ma non è così, o meglio, non è solo questo! Infatti, Rimini, è stata sin dal 268 a.C., data in cui è diventata una colonia romana, un importante nodo di comunicazione tra nord e sud Italia. Uno dei tanti tesori che hanno lasciato i romani è il Ponte di Tiberio, un grande ponte di 5 arcate in pietra d’Istria che permette di attraversare il fiume Marecchia. Inoltre, a Coriano, a soli 30 minuti in auto dalla città, potrete conoscere la storia di Marco Simoncelli, il giovane pilota di MotoGP, in un museo a lui dedicato. Prima di andare via, fate il pieno delle tipiche piadine romagnole, una schiacciata composta da farina, strutto, lievito, sale e acqua, cotta su un piatto di terracotta detto teggia, piegata e farcita in base ai vostri gusti!

State programmando il prossimo viaggio e siete in cerca di ispirazione? Provate la funzione Ricerca Ovunque di Skyscanner e scoprite tantissime destinazioni in tutto il mondo e le offerte più convenienti per raggiungerle!

Potreste anche essere interessati a:

I 20 castelli più belli d’Italia

12 Bellissime città bianche da vedere in Italia

20 bellissime città d’arte in Italia

20 Città da vedere in primavera

15 Cose bellissime da vedere a Mantova

Skyscanner è il motore di ricerca viaggi leader al mondo, che vi aiuta a cercare voli, autonoleggio e hotel al prezzo più basso

Mappa