COVID-19 (coronavirus) potrebbe avere un impatto sui tuoi programmi di viaggio. Qualunque sia la tua destinazione, troverai qui le indicazioni più aggiornate.

Home notizie I 10 posti magici da vedere nelle Marche

Tutti gli articoli

I 10 posti magici da vedere nelle Marche

Skyscanner ha selezionato per voi i 10 posti magici da vedere nelle Marche, tutti luoghi che non aspettano altro di essere scoperti e che vi lasceranno letteralmente a bocca aperta!

Curiosi di scoprire insieme a noi i 10 posti magici da vedere nelle Marche? Questa regione italiana ha vissuto una nuova giovinezza nell’estate appena passata, complici anche le celebrazioni del 500° anniversario della morte di Raffaello Sanzio a Urbino, città riconosciuta Patrimonio Universale UNESCO. Un territorio estremamente variegato che va dai paesaggi montani degli Appennini, alle città d’arte come Gradara, Ancona o Ascoli Piceno, fino ai gioielli della Costa Adriatica con la Riviera del Conero, i suoi borghi e le sue spiagge. Insieme ai “grandi classici” sopra citati, prendete nota di posti ancora poco conosciuti e lasciatevi ispirare dai nostri consigli per pianificare il vostro weekend nelle Marche tra natura, cultura e cucina. 

Ora che è sicuro viaggiare in Italia vi consigliamo di approfittare della bellezza delle regioni italiane e partire in tutta sicurezza alla scoperta del nostro Belpaese… cosa aspettate?

Sappiamo che viaggiare è difficile in questo momento. Insieme agli aggiornamenti sulle restrizioni dovute alla diffusione del Covid-19, vogliamo continuare a ispirarvi con nuovi contenuti di viaggio in modo che quando il mondo riaprirà le sue porte, sarete pronti.

Come arrivare nelle Marche

Come arrivare nelle Marche? Il principale aeroporto delle Marche è l’Aeroporto di Ancona-Falconara, intitolato a Raffaello Sanzio, che si trova a 18 km dal centro di Ancona. L’Aeroporto Marconi di Bologna si trova però a due ore di macchina (e quelli di Roma e Firenze a 3 ore), quindi valutate anche di atterrare negli aeroporti delle regioni confinanti, sempre che non vogliate raggiungere questa regione italiana con i vostri mezzi, oppure noleggiando un’auto.

posti magici Marche
© Archivio Regione Marche

I 10 posti magici da vedere nelle Marche

1. Ancona e la Riviera del Conero

Iniziamo la nostra guida sui 10 posti magici da vedere nelle Marche con la città di Ancona che si erge su un promontorio protetto dal Monte Conero che si tuffa nel blu. La vostra visita potrebbe partire dal suo salotto buono, Piazza del Plebiscito, su cui si affacciano gli edifici più importanti della città, per poi proseguire sul mare fino alla suggestiva Mole Vanvitelliana, una struttura difensiva pentagonale che funzionò anche da Lazzaretto. Alle spalle di Ancona si estende poi la famosa Riviera del Conero, un’area protetta dal Parco Naturale Regionale omonimo, dove si trovano le insenature e le spiagge più belle delle Marche (su tutte la spiaggia bianca delle Due Sorelle, quelle di Numana e di Sirolo). Chiudete la giornata in bellezza con una bella cena di pesce a suon di moscioli selvatici (le cozze della zona diventate anche presidio Slow Food) e Rosso Conero nella suggestiva cornice naturale della Baia di Portonovo.  

posti magici Conero

2. Gola del Furlo e Marmitte dei Giganti 

Ci spostiamo adesso nel nord della regione per immergerci nella natura più incontaminata, quella dei paesaggi meravigliosi creati dallo scorrere dell’acqua di due grandi fiumi. La Gola del Furlo è infatti un bellissimo canyon creato dall’erosione del Candigliano ed è ora percorsa dall’antica Via Flaminia. Salite sul Monte Pietralata per fare trekking e ammirare la gola dall’alto della terrazza panoramica chiamata “Testa del Duce”: Mussolini fu infatti un grande frequentatore della zona e nel 1936 gli scalpellini del luogo, insieme alla Forestale, scolpirono il suo iconico profilo sulla vetta, ormai non più visibile. A pochi chilometri dalle gole ci sono poi le Marmitte dei Giganti, delle imponenti morfostrutture prodotte dall’erosione del Metauro. Da vedere nei dintorni anche il Monastero di Fonte Avellana (foto in cover), in cui pare sia stato ospitato anche Dante Alighieri… non prima di aver provato il tartufo bianco di Acqualagna

3. Urbino

Pochi chilometri a nord del Furlo si incontra Urbino, forse il posto più magico in assoluto da vedere nelle Marche. Battezzata da Machiavelli la “città ideale” (per il famoso dipinto de “La Città Ideale” di Leon Battista Alberti e Luciano Laurana conservato nel Palazzo Ducale), Urbino è un capolavoro del Rinascimento Italiano e il suo centro storico è stato inserito, non a caso tra i Patrimoni UNESCO. Ma Urbino è anche la città che ha dato i natali a Raffaello e il 2020 è stato nominato l'”Anno di Raffaello” per celebrare il 500° anniversario della sua morte con mostre ed esposizioni in tutta Italia. I suoi estimatori non potranno non iniziare la visita della città dalla sua casa natale, prima di dirigersi al Palazzo Ducale per ammirare le sue opere, esposte insieme a quelle di altri artisti famosi del calibro di Piero della Francesca e Tiziano. Da vedere anche l’Oratorio di San Giovanni, la Rampa Elicoidale e l’Ateneo Carlo Bo. 

città magica Urbino
© Archivio Regione Marche

4. Grotte di Frasassi e Tempio del Valadier

Scoperte nel 1971 nel sottosuolo di Genga, le Grotte di Frasassi sono uno dei complessi sotterranei più affascinanti del mondo. Camminando tra stalattiti e stalagmiti lungo il percorso della visita (che copre solo una minima parte dei 30 chilometri di estensione delle grotte) raggiungerete l’Abisso Ancona. Parliamo di una cavità gigantesca, lunga 180 metri e alta 200, che potrebbe contenere al suo interno addirittura il Duomo di Milano! A seguire vedrete il laghetto cristallizzato, la Sala 200, il Grand Canyon e diverse altre sale che vi lasceranno letteralmente a bocca aperta. Partendo, a piedi, dal parcheggio delle grotte potrete visitare inoltre un altro luogo magico e iconico delle Marche: il Tempio del Valadier. Incastonato in una cavità della montagna, il tempio è un santuario ottagonale in stile neoclassico fatto costruire da Papa Leone XII su disegno del famoso architetto Giuseppe Valadier. 

posti magici Marche
© Archivio Regione Marche

5. Lame Rosse e Lago di Fiastra 

Ci spostiamo ora più a sud per esplorare le meraviglie del Parco Nazionale dei Monti Sibillini iniziando da uno dei suoi luoghi più assurdi: Lame Rosse. Si tratta di uno favolos canyon rosso fuoco che si apre senza avviso nel mezzo di una foresta di querce. Per raggiungere queste meravigliose formazioni rocciose dovrete percorrere un sentiero di 7 km (ma con soli 200 metri di dislivello, quindi adatto a tutti) che parte dalla diga sul Lago di Fiastra (bellissimo anche lui). In alternativa si può partire dal Belvedere della Ruffella passando per la frazione di Fiegni. A pochi chilometri dal lago c’è poi Sarnano, inserito di recente tra i Borghi più Belli d’Italia e bandiera arancione del Touring Club Italiano. Questo paese bellissimo e sconosciuto si trova proprio nel cuore di Sibillini, circondato dai picchi più settentrionali delle catena.

posti magici canyon

6. Lago di Pilato 

Tra i posti magici da vedere nelle Marche ci sono anche altri spettacoli naturali che si trovano sempre sui Monti Sibillini, incastonati tra le montagne più alte della regione e sul confine con l’Umbria e il Lazio. Questa zona è la destinazione perfetta per chi ama gli sport all’aria aperta, i luoghi remoti e il grande trekking; i sentieri sono decine, sono ben segnati e vi permettono di vedere dei panorami davvero stupendi. Tra i percorsi più battuti e più belli c’è sicuramente quello che raggiunge il Lago di Pilato sul Monte Vettore. Si parte da Foce e dopo un paio d’ore di salita si arriva al Rifugio Tito Zilioli (2250 metri). Da questo punto la vista di questo lago glaciale dal colore azzurro intenso è davvero magnifica! Il lago si può raggiungere anche dal lato umbro del monte Vettore, partendo da Castelluccio di Norcia. Valutate di visitarlo durante la famosa fioritura per “prendere due piccioni con una fava”, come si suol dire!

laghi magici Marche

7. Ascoli Piceno

Dalle meraviglie della natura alla “città bianca” di Ascoli Piceno. Il suo centro storico è infatti costruito quasi interamente in travertino (una roccia calcarea bianca tipica della zona) e ruota intorno alla magnifica Piazza del Popolo. Chiamata il “salotto bianco d’Italia”, questa piazza in stile rinascimentale è letteralmente incorniciata da un loggiato con 59 archi e palazzetti rinascimentali con portici e merlature. La piazza assunse la configurazione architettonica attuale nei primi anni del XVI secolo e vi si affacciano il Palazzo dei Capitani del Popolo (all’interno la Sala degli Stemmi, un vero e proprio gioiello), la Chiesa di San Francesco, diversi palazzi rinascimentali e le logge. Ascoli Piceno è anche famosa per la sua gastronomia, capitanata dalle olive fritte ripiene di carne (chiamate ascolane appunto). Nei dintorni non perdetevi il borgo di Offida (inserito nei Borghi più Belli d’Italia) e il Borgo Storico Seghetti Panico, il primo parco storico bioenergetico d’Europa che fa parte dei Grandi Giardini Italiani.

città magiche Marche
© Archivio Regione Marche

8. Gradara

Ci spostiamo ora nella parte più settentrionale della regione, quasi al confine con la Romagna, per parlarvi di Gradara, uno dei borghi medievali meglio conservati d’Italia. La Rocca di Gradara, oltre che per la sua bellezza, è famosa anche per aver ospitato personaggi illustri come Lucrezia Borgia e Francesca di Rimini, protagonista insieme a Paolo, della famosa storia d’amore narrata da Dante nella Divina Commedia. “Amor, ch’a nullo amato amar perdona, mi prese del costui piacer sì forte, che, come vedi, ancor non m’abbandona“… vi dice qualcosa? Non perdetevi i camminamenti di ronda lungo le mura da cui avrete una vista a 360° sulle colline circostanti fino al mare. A proposito di mare, il tratto di costa più vicino a Gradara è quello occupato dal bel Parco Naturale Monte San Bartolo, che si estende da Pesaro fino a Gabicce Mare ed ha tanti percorsi ciclabili e pedonali. Una spiaggia da non perdere in zona? Quella di Fiorenzuola di Focara, famosa per i “cogoli”, particolari sassi modellati dal mare.

Gradara

9. Recanati e Castelfidardo

Dopo i luoghi decantati da Dante passiamo ad un altro posto magico delle Marche celebrato da Giacomo Leopardi. Nella cittadina di Recanati, in provincia di Macerata, nacque infatti uno dei più grandi poeti italiani che ne lodò le bellezze in tante delle sue poesie più famose. Recanati è una “città balcone” per l’ampio panorama che vi si scorge e non si può che iniziare la sua visita dal Colle dell’Infinito, poco distante da Palazzo Leopardi, la casa natale del poeta, oggi museo. Sarebbe proprio il panorama che si gode da qui ad aver ispirato l’omonima poesia composta dal poeta alla giovane età di 21 anni. Lì accanto c’è poi il Centro Mondiale della Poesia e della Cultura. Altri luoghi leopardiani da non perdere sono la Piazzetta del Sabato del Villaggio, la Torre del Passero Solitario e Palazzo Antici-Mattei, casa della madre del poeta. Nei dintorni vale la pena visitare anche Castelfidardo, considerata la capitale della fisarmonica.

luoghi magici Marche
© Archivio Regione Marche

10. Arco Naturale di Fondarca

Chiudiamo il nostro articolo sui 10 posti magici delle Marche con questo anfiteatro naturale che si trova vicino Cagli, nel nord-est della regione. Ci troviamo alle pendici del Monte Nerone nel cuore dell’Appennino Marchigiano in quella che probabilmente, qualche era geologica fa, era una grande grotta a cui è crollato il soffitto. Quello che è rimasto fino ad oggi è uno spettacolare arco di roccia dalle pareti alte e ripide che si raggiunge con un breve e facile trekking che parte da Pieia, in prossimità della fonte. Il sentiero è il N.21 del CAI e impiegherete circa 20 minuti per raggiungere l’arco, passando vicino alla Grotta delle Nottole. C’è poi uno stretto passaggio in fondo alla ex caverna che conduce ad una gola da cui potrete godere di un panorama molto bello e selvaggio (con tanto di cascatella). Vi abbiamo convinti?

Ci auguriamo di avervi ispirato per il vostro prossimo viaggio alla scoperta dei 10 posti magici nelle Marche e delle tante meraviglie d’Italia. Per viaggiare in totale sicurezza ai tempi del Covid-19, vi consigliamo comunque di seguire sempre alla lettera tutte le normative vigenti sia in Italia, sia nei Paesi che deciderete di visitare al di fuori dei nostri confini.

FAQs

Come arrivare alle Grotte di Frasassi?

L’ingresso alle Grotte di Frasassi si trova in Viale Giovanni Marinelli a San Vittore delle Chiuse, nel paese di Genga, in provincia di Ancona. La visita dura circa 1 ore e 15 minuti.

Bisogna pagare un biglietto per visitare il Tempio del Valadier?

Il Tempio del Valadier e l’Eremo di Santa Maria Infra Saxa sono gratuiti. Generalmente sono aperti tutto l’anno e accessibili a tutte le ore del giorno ma gli orari possono essere soggetti a cambiamento quindi informatevi al parcheggio, prima di affrontare la salita.

Quali sono i trekking più belli da fare nella Regione Marche?

Tra i sentieri più belli, diversi per difficoltà e per durata, ci sono sicuramente i sentieri delle Lame Rosse, il sentiero che arriva al Lago di Pilato da Foce e il Grande Anello dei Sibillini.

Dove puoi viaggiare?

Scoprite dove potete viaggiare con la nostra mappa globale aggiornata in tempo reale. Volete conoscere da vicino i 10 posti magici da vedere nelle Marche senza correre alcun rischio? Iscrivetevi alla nostra newsletter e riceverete aggiornamenti sulla revoca delle restrizioni.

Vuoi leggere di più?

Coronavirus: consigli di viaggio

I 20 paesi più belli d’Italia del 2020

I consigli per le migliori vacanze in famiglia nel 2021

Skyscanner è leader globale nei viaggi. Controlliamo il costo con 1.200 compagnie di viaggio per aiutarti ad ottenere il miglior prezzo su volihotel e noleggio auto.