Home notizie I 20 posti remoti in Italia e nel resto del mondo da esplorare

Tutti gli articoli

I 20 posti remoti in Italia e nel resto del mondo da esplorare

Anche se le restrizioni sui viaggi internazionali si stanno allentando mano a mano, lo stato di emergenza al Coronavirus continuerà per molto tempo. Questo non significa che non possiamo esplorare la nostre regioni italiane in tutta sicurezza oppure sognare nuove mete e aggiungerle alla nostra lista dei desideri. Quindi lasciatevi ispirare dal nostro articolo sui 20 posti remoti in Italia e nel resto del mondo che non aspettano altro di essere esplorati e continuate a restare aggiornati sulla pandemia di Covid-19 attraverso la nostra pagina sui consigli di viaggio… non appena il mondo riaprirà le sue porte saprete bene dove volare: tenetevi pronti, cari viaggiatori, e studiate la prossima destinazione!

Dalle spiagge selvagge delle Canarie e della costa abruzzese, alle cascate islandesi e sarde (abbiamo una chicca in serbo per voi!), passando per foreste vetuste, borghi dimenticati e isole deserte (o quasi), ecco per voi un articolo su magnifici posti remoti in Italia e nel resto del mondo che vi stupiranno e vi faranno venir voglia di pianificare il viaggio perfetto. Abbiamo scovato tanti luoghi unici italiani facilmente raggiungibili con i propri mezzi, per permettervi di partire fin da subito, e altre destinazioni straniere, per lo più europee, molte delle quali già visitabili. Tutti indirizzi dove mantenere il distanziamento sociale è davvero facile e che riempiranno gli occhi di naturale bellezza.

I 20 posti remoti in Italia e nel resto del mondo

Spiagge remote

Punta Aderci, Abruzzo, Italia

Il nostro articolo sui posti remoti in Italia e nel resto del mondo parte dalla Costa dei Trabocchi in Abruzzo, quel magnifico tratto di litorale lungo la statale 16 Adriatica, conosciuto per le antiche macchine da pesca a picco sul mare. Se siete alla ricerca di spiagge remote non potete perdervi quelle all’interno della Riserva Naturale Regionale di Punta Aderci, un tesoro naturale tra Ortona e Vasto, in provincia di Chieti. Noleggiatevi una mountain bike per escursioni sull’ex tracciato ferroviario della riserva, fate birdwatching o sceglietevi uno dei bellissimi lidi disegnati da bianche dune di sassi per un tuffo nel blu.

Playa Montaña Amarilla, La Graciosa, Spagna

Per raggiungere questa spiaggia remota dovrete macinare chilometri a piedi, solo dopo essere sbarcati a La Graciosa, piccola isola delle Canarie, poco conosciuta e priva di strade asfaltate. Playa de La Cocina è un incanto con il suo arenile dorato che si getta in un mare turchino e la sua montagna gialla a far da sfondo, non a caso è anche chiamata Playa Montaña Amarilla. Puntante la sveglia presto, allacciate le scarpe da ginnastica e salite a bordo del primo traghetto in partenza dal porto di Órzola (Lanzarote): questo paradiso terrestre è ben oltre la più famosa Playa de La Francesa, ma credeteci vale la fatica. 

Laghi remoti

Lago di Pilato, Marche, Italia

Gambe forti e cuori impavidi potranno scoprire uno dei laghi remoti più belli in Italia: il Lago di Pilato. Per fotografare questo lago montano d’altura (a quota 1.941 metri), situato in un vero e proprio circo glaciale, dovrete toccare il Monte Vettore, nel bel mezzo del Parco Nazionale dei Monti Sibillini. Il posto giusto per gli amanti del trekking e della natura selvaggia che affronteranno un percorso di circa 3 ore con partenza da Castelluccio di Norcia, più precisamente da Capanna Ghezzi. Ci troviamo a cavallo tra Umbria e Marche, in un territorio fiabesco che tra giugno e luglio regala la fioritura dei campi della lenticchia. 

Joffre Lakes, British Columbia, Canada

A proposito di laghi remoti e paesaggi fiabeschi, il Joffre Lakes Provincial Park vi regalerà davvero grandi emozioni. Pennellate di verde smeraldo e azzurro intenso vi riempiranno gli occhi, per un viaggio nel Canada più pittoresco, quello del British Columbia. La provincia più occidentale del Paese non è di certo a un tiro di schioppo dall’Italia ma merita di essere esplorata almeno una volta nella vita. Non appena sarà possibile, preparatevi ad affrontare tre tappe per tre laghi diversi con tre diversi livelli di difficoltà, per un percorso di circa 11 chilometri tra andata e ritorno. Volate su Vancouver e godetevi questa meraviglia. 

Borghi remoti

Apricale, Liguria, Italia

I borghi remoti non possono mancare all’interno del nostro articolo anche se sceglierne uno solo è stato davvero difficile. Alla fine abbiamo optato per l’entroterra ligure e per un paese medievale baciato dal sole, così dice il suo nome, così parlano i fatti. Benvenuti nel comune di Apricale, arroccato su una collina circondata da ulivi e immersa nel verde delle Alpi Marittime. Paesino in pietra, tanto isolato quanto scenografico, Apricus “il soleggiato” vi aspetta con i suoi carruggi, le trattorie tipiche, l’atmosfera rarefatta, il Castello della Lucertola e sua maestà l’oliva taggiasca, non a caso ci troviamo lungo la “Strada dell’Olio”.

Gearrannan Blackhouse Village, Scozia

Se un piccolo borgo come Apricale vi sembra ancora troppo affollato e poco remoto potete sempre volare in Scozia e andarvi a isolare a Gearrannan Blackhouse Village, ultimo lembo di terra scozzese baciato dall’Atlantico. Ci troviamo nelle Isole Ebridi, una delle zone più settentrionali del Paese, in un villaggio che è stato quasi del tutto abbandonato intorno agli anni ‘70 e solo composto da blackhouse, le antiche abitazioni locali. La terra degli Highlander si presta bene, o meglio benissimo, all’isolamento sociale ed è perfetta per sessioni fotografiche tra muri a secco, tetti in paglia e incontri ravvicinati con flora e fauna. 

Isole remote

Alicudi e Filicudi, Sicilia, Italia

Tra i posti remoti in Italia da raggiungere il prima possibile per una vacanza di sole ecco che spuntano due isolette siciliane dal fascino selvaggio. Stiamo parlando di Alicudi e Filicudi, le isole gemelle (o quasi) perfette per chi è in cerca di pace e relax. Queste due perle del Mediterraneo italiano fanno parte dell’arcipelago delle Egadi ma a differenza delle altre mantengono un fascino discreto, ancor di più Alicudi, la più isolata a ponente. Per godervele a pieno vi consigliamo di visitarle in barca oppure di approfittare dei percorsi trekking e camminare nella natura più incontaminata a tu per tu con il mare. 

posti remoti in Italia

Isola del Corvo, Azzorre, Portogallo

Il fascino primitivo delle Azzorre vi sconvolgerà. L’arcipelago portoghese nel bel mezzo dell’Atlantico è un tripudio di paesaggi mozzafiato, villaggi di pescatori, filari di ortensie blu e pascoli sterminati. Un luogo fuori dal mondo, tra i posti più remoti della terra, che vi darà come l’impressione di trovarvi molto lontano da casa, quasi in un’altra dimensione. Nove isole vulcaniche tanto famose per quell’anticiclone che decide le previsioni di mezza Europa (Italia compresa), ne comprendono una davvero remota e isolata. Stiamo parlando dell’Isola di Corvo, la più piccola, solo abitata da mulini a vento e un centinaio di anime.  

Villaggi ruprestri remoti

Gravina di Ginosa, Puglia, Italia

E poi ci sono i villaggi rupestri, che tanto attraggono gli appassionati di storia e fotografia. Per visitarne uno davvero remoto e speciale dovrete rotolare nel Sud Italia e raggiungere Ginosa, bellissimo comune pugliese nella provincia di Taranto. Un piccolo canyon per un grande patrimonio,  quello della Gravina di Ginosa, un sito millenario che avvolge un abitato a ferro di cavallo e vi aspetta con i rioni di Casale e Rivolta, tra grotte, cisterne e canali. Le spettacolari case-grotte rappresentano un unicum nel panorama italiano, un vero e proprio habitat primitivo abitato fino al tardo Medioevo e che ancora continua a sbalordire.

Camini delle Fate, Turchia

Se poi volete catturare un paesaggio davvero inusuale potete sempre scegliere di volare in Cappadocia alla volta dei Camini delle Fate. In questa regione della Turchia centrale, Madre Natura ha davvero dato il meglio di sé nonostante il clima aspro e arido. Due vulcani inattivi hanno creato questi pinnacoli strabilianti, dalle forme e dai colori più disparati, per un villaggio rupestre fatto di canyon, torri e passaggi a regola d’arte, divenuti rifugio di eremiti. Queste popolazioni hanno plasmato le loro abitazioni primitive nella lava per un effetto che ancora oggi possiamo ammirare in tutto il loro bizzarro splendore.

Fari remoti

Faro di Giannutri, Toscana, Italia

E se la vostra prossima vacanza fosse alla volta di un faro remoto nel bel messo di un’isola altrettanto remota? In questo caso la vostra destinazione italiana dei sogni potrebbe essere Giannutri, l’isola più meridionale dell’Arcipelago Toscano. L’Isola di Artemide, così chiamata per via della sua peculiare forma di una falce lunare rivolta verso est (non a caso la dea della caccia è spesso raffigurata con una luna crescente) è un paradiso terrestre isolato dal mondo dove la natura regna incontrastata tra spiagge cristalline, boschi di macchia mediterranea e fondali con relitti da esplorare. Tra le tante meraviglie spunta anche un faro nella parte più a sud, là dove la costa si fa ancora più aspra e selvaggia.  

posti remoti da visitare

Faro Lindesnes, Capo Sud, Norvegia

Se invece in un faro ci volete dormire allora dovete volare in Norvegia e per una volta optare per lo sconosciuto Capo Sud. Nel punto più meridionale della terraferma norvegese si innalza il pittoresco Faro Lindesnes, che prende il nome dalla penisola omonima, raggiungibile in traghetto da Kristiansand. Attraverso questa pagina potrete affittare un’ala della casa del guardiano di questo faro costruito nel lontano 1655 (l’appartamento è adatto per un massimo di 6 persone), proprio ai piedi della struttura e dormire lontano da tutti con affaccio privato sull’oceano. Per un’esperienza che resterà memorabile

Monasteri remoti

Eremo di San Colombano, Trentino-Alto Adige, Italia

Tra i posti più remoti in Italia e nel resto del mondo compare l’Eremo di San Colombano, nel comune di Trambileno a pochi chilometri da Rovereto, in Trentino-Alto Adige. Incastonata tra cielo e terra, questa costruzione è un miracolo architettonico a strapiombo sul torrente Leno e raggiungibile solo con 102 scalini scavati nella roccia. Remoto a dir poco, con la sua altezza di 120 metri e il suo fascino senza tempo: si dice che il primo eremita visse in questo luogo già nel VIII secolo, l’ultimo invece mille anni dopo. Arrivate fin quassù, sentitevi a un passo dal cielo e proseguite alla scoperta dei tesori della zona, tra forti e malghe. 

Le Meteore, Tessaglia, Grecia

Monasteri remoti e all’apparenza irraggiungibili sono anche le famigerate Meteore della Tessaglia, in Grecia. Non solo isole remote per questo Paese votato alle vacanze al mare in famiglia ma anche tesori architettonici costruiti intorno al XIV secolo dagli eremiti, i quali riuscirono ad approdare sulla sommità di questi imponenti pinnacoli di roccia levigata. Dei 24 monasteri edificati, oggi ne rimangono solo 6 per un complesso monastico dichiarato Patrimonio UNESCO nel 1998. Per godere di un rifugio spirituale in un contesto lunare, a dir poco metafisico, volate su Salonicco e poi raggiungete Kalambaka, in autobus o treno.

luoghi remoti

Foreste remote

Foresta di Somadida, Veneto, Italia

Per una vacanza in Italia all’insegna della biodiversità e dell’isolamento puntate sulle foreste vetuste, talmente antiche e remote da custodire alberi che affondano – nel vero senso della parola – le radici nella storia millenaria. Tra le tante che costellano i parchi nazionali italiani vogliamo portarvi nella Foresta di Somadida, il più grande bosco del Cadore, situato tra Auronzo e Misurina, nel cuore delle Dolomiti. Aria pulita, animali selvaggi, spazi aperti e un museo naturalistico trasformano questo in uno dei luoghi migliori per una vacanza con i bambini, i quali potranno imparare a integrarsi nella natura nel più totale rispetto. 

Parco Nazionale di Garajonay, La Gomera, Spagna

Per un vacanza di trekking (e di tintarella) potreste raggiungere la sconosciuta isola La Gomera. La piccola “isola colombina”, così chiamata per essere stata l’ultima isola toccata da Colombo prima della sua spedizione alla scoperta dell’America, è perfetta per una vacanza nelle Canarie meno inflazionate: siamo sicuri, infatti, che pochi di voi ne avranno sentito parlare e ancora meno saranno a conoscenza del fatto che in questo luogo dichiarato Riserva della Biosfera si trova un rarissimo e primitivo bosco di laurisilve, uno dei posti più remoti del mondo. Per esplorarlo dovrete raggiungere il Parco Nazionale di Garajonay.

foreste remote

Deserti remoti

Dune di Piscinas, Sardegna, Italia

Sapevate che in Sardegna si trova un deserto? Avete letto bene, cari viaggiatori, perché questa è un’isola italiana che non finisce di stupire. Lungo la Costa Verde, nel territorio di Arbus, si trova un sistema dunale costiero dall’estensione di circa 7 chilometri, un deserto in miniatura che vi darà come l’impressione di trovarvi in Tunisia… di certo non nella provincia di Medio Campidano. Andate a fotografare queste dune patrimonio UNESCO, tra i posti più remoti in Italia, poi tuffatevi in uno dei mari più belli che ci sono, per una vacanza dal fascino wild perfetta per gli amanti della tintarella e degli sport d’acqua, come il windsurf. 

deserti remoti

Deserto della Dancalia, Etiopia

Ma il deserto più remoto e inospitale del mondo, viste le avverse condizioni climatiche e la posizione a dir poco assurda (ci troviamo a circa 150 metri sotto il livello del mare), è quello della Dancalia, in Etiopia. Un viaggio che consigliamo agli appassionati di fotografia naturalistica, per un’esperienza nel Corno d’Africa che siamo sicuri resterà scolpita nella mente e nel cuore. Al momento il Paese è in stato di emergenza sanitaria, come gran parte del resto del mondo, ma nel frattempo vi consigliamo di pianificare per tempo il vostro futuro arrivo e di ammirare le immagini virtuali di questa depressione pennellata di colori.

luoghi isolati

Cascate remote

Seljalandsfoss, Islanda

Tra i posti più remoti nel mondo, scenografici e incredibili (potremmo continuare all’infinito usando tutti gli aggettivi possibili) non possiamo mancare la cascata islandese di Seljalandsfoss. Nome a parte, siamo sicuri che l’avrete vista almeno una volta in foto, con il suo imponente salto d’acqua di circa 60 metri che dalla parete di roccia si tuffa nel sottostante laghetto. La “cascata liquida”, situata nella parte meridionale dell’Islanda, è addirittura visitabile camminando alle sue spalle, con una passeggiata nella cavità rocciosa, e si presta molto belle a scatti d’autore. Per immortalarla dovrete percorrere la Ring Road.

posti remoti nel mondo

Cascata di Capo Nieddu, Sardegna, Italia

Per ammirare una cascata simile a quella islandese vi basterà tornare sulla costa occidentale della Sardegna. Ebbene sì. Tra i posti più remoti in Italia, e totalmente inaspettati, ecco che spunta la meravigliosa Cascata di Capo Nieddu. Se quella di Seljalandsfoss si getta in un lago, questa di Capo Nieddu si tuffa in mare (e che mare!), per un salto di circa 40 metri lungo la costa di Cuglieri, in provincia di Oristano. Per ammirare questo spettacolo tutto italiano dovrete aspettare il periodo delle piogge però, su per giù da novembre a maggio, quando la portata d’acqua del Rio Salighes è al massimo. Pronti per restare senza fiato?

Vuoi leggere di più?

Il nostro articolo sul Coronavirus: consigli di viaggio viene aggiornato tutti i giorni dal nostro team per garantire informazioni dettagliate su destinazioni e compagnie aeree

Volete ritrovare il il benessere post-Covid? Affidatevi ai nostri Viaggi Relax e godetevi l’influsso benefico della natura e dei rituali di magnifiche strutture italiane

Prima di partire oltre 75 consigli su come pianificare un viaggio perfetto: dalla creazione dell’itinerario alla scelta di giochi e canzoni