COVID-19 (coronavirus) potrebbe avere un impatto sui tuoi programmi di viaggio. Qualunque sia la tua destinazione, troverai qui le indicazioni più aggiornate.

Home notizie Quando andare a Mauritius e cosa vedere sull’isola

Tutti gli articoli

Quando andare a Mauritius e cosa vedere sull’isola

Skyscanner vi porta a Mauritius, un’isola caratterizzata da oltre 330 km di costa bagnati dal meraviglioso Oceano Indiano. Una destinazione di viaggio che non delude mai, offrendo l’imbarazzo della scelta in fatto di spiagge, rifugi romantici dove rilassarsi al sole, fare snorkeling e passeggiare al tramonto mano nella mano. Ma quando visitare Mauritius? In questo articolo vi parliamo del clima e delle temperature durante le sue due stagioni “invertite” (dopotutto ci troviamo nell'emisfero australe), del periodo migliore per andare a Mauritius, di come arrivare e come muoversi sull'isola, delle attrazioni da non perdere, delle spiagge più belle e di alcune curiosità che vi stuzzicheranno.

Mauritius quando andare?

Se vi state chiedendo quando andare a Mauritius, sappiate che il periodo migliore per andare a Mauritius va da Ottobre a Novembre. Ad ogni modo le temperature a Mauritius sono piacevoli tutto l’anno e le piogge, seppur frequenti durante l’estate isolana, sono brevi e rinfrescano le giornate, rendendole ancora più incredibili…

È una delle destinazioni più amate dai viaggiatori di tutto il mondo, sposi in primis (è stata premiata ai World Travel Awards 2015 come World’s Leading Honeymoon Destination) per il suo mare da sogno, i paesaggi da cartolina, la natura sconvolgente e la vivace atmosfera creola.

Stiamo parlando di Mauritius, comunemente ed erroneamente conosciuta come “Le Mauritius”, ma non chiamatela al plurale! Perché l’isola è una e una soltanto seppur caratterizzata da mille volti diversi e da un meraviglioso mix culturale che si riflette sulla sua storia, sulla sua lingua e sulla sua cucina. Un mondo creolo affascinante che offre un viaggio nella feconda Africa e che proviamo a raccontarvi in questa guida dettagliata sul clima durante l’anno e le spiagge più belle e le attrazioni da non perdere.

Una sola isola, Mauritius, che vanta non solo bianchi lidi, acque cristalline e verdi palmeti ma anche città inesplorate, deserti dai colori cangianti e giardini botanici dalle ninfee giganti. Pronti a visitare Mauritius con noi?

Sapevi che con Skyscanner puoi cercare anche l’Hotel più economico e perfetto per le tue vacanze? Scopri le offerte di Hotel, B&B, Ostelli e appartamenti con Skyscanner.

Scopri di più: Mare d’inverno: 15 Paesi caldi per vacanze in spiaggia

INFORMAZIONI SU MAURITIUS

Capitale: Port Louis
Popolazione: 1.240.000
Superficie: 1.865 kmq
Lingue: creolo, francese, inglese
Religioni: maggioranza indù, con forti minoranze cristiana (cattolica) e musulmana
Moneta: Rupia (MUR)
Documenti: passaporto valido fino al giorno della data del rientro in Italia
Fuso orario: +3h rispetto all’Italia, +2h quando in Italia vige l’ora legale
Prefisso internazionale: 00230
Vaccinazioni: nessuna vaccinazione è richiesta ai viaggiatori italiani
Info: per ulteriori informazioni su Mauritius consultate il sito dell’Ente del turismo dell’isola di Mauritius (MTPA)

IL CLIMA: QUANDO VISITARE MAURITIUS

Il clima di Mauritius è piacevole 12 mesi l’anno, con piogge occasionali, che quando arrivano rendono le giornate felici: un po’ di frescura è sempre ben gradita anche al viaggiatore a caccia di sole. Ricordatevi che le stagioni sono invertite rispetto all’Europa perché l’isola si trova nell’emisfero australe quindi l’estate va da novembre ad aprile, mentre l’inverno da maggio a ottobre.
Il Nord con le sue distese di spiagge sabbiose colpisce il visitatore per le fantastiche condizioni meteo, la vitalità e le numerose attività offerte. L’Est presenta lo spettacolo di vaste lagune dalle acque turchine ma è più ventoso, soprattutto in inverno. Il Sud, con le sue scogliere ripide e selvagge, è una parte dell’isola che lascia a bocca aperta ed è assolutamente da visitare. L’Ovest e il Sud Ovest sono zone calde e secche, ideali per surf, kitesurf e molte altre attività.
Sull’altopiano centrale, a circa 600 metri sul livello del mare, la temperatura media di giorno varia dai 20°C di agosto ai 26°C di febbraio. Sulla costa, le temperature sono superiori di circa 3-5°C. La parte settentrionale e quella occidentale dell’isola sono più calde e secche rispetto alla parte orientale e alle regioni meridionali.
La stagione degli uragani dura da novembre ad aprile compresi. Il più delle volte gli uragani passano a lato di Mauritius, date le dimensioni ridotte dell’isola. Tuttavia, se si avvicinano a sufficienza, la vegetazione e alcuni edifici in legno possono subire dei danni. Le strutture turistiche sul litorale sono state comunque costruite per resistere ai forti venti degli uragani, quindi partite tranquilli.

Quando visitare Mauritius? Come abbiamo già detto l’isola gode di un clima mite tutto l’anno con precipitazioni occasionali, ma i periodi più piacevoli per visitarla sono quelli tra aprile e giugno e tra settembre e dicembre.
Ovviamente vanno fatte delle precisazioni a seconda della vacanza che si vuol fare: l’estate (il giorno dura dalle 5.30 alle 19.00), che qui va da novembre ad aprile, è il periodo migliore per le immersioni subacquee, in particolare da dicembre a marzo, e per la pesca d’altura. L’inverno (il giorno dura dalle 6.45 alle 17.45), che va da maggio a ottobre, ed è caratterizzato da temperature più fresche e venti più forti che tendono a soffiare sull’isola da est e sud-est, è la stagione migliore per il surf (giugno-agosto).

COME ARRIVARE E COME MUOVERSI A MAURITIUS

Una volta chiarito il periodo migliore per andare a Mauritius è bene capire come arrivare. Con 10 ore di volo da Roma oppure 11 da Milano si raggiunge questo paradiso terrestre. Dall’Italia, sia Roma sia Milano, partono voli diretti settimanali con la compagnia di bandiera Air Mauritius. Una volta sul posto avrete un fuso orario di 3 ore in avanti rispetto all’Italia, 2 durate il periodo di ora legale.
Sull’isola gli spostamenti possono avvenire con i mezzi pubblici, i taxi oppure noleggiando un’auto o uno scooter. Diverse autolinee (NTC, RHT Holding Ltd, Triolet Bus Service Ltd, Mauritian Bus Transport) e linee veloci collegano la capitale, Port Louis, al Nord, al Sud del Paese e alle principali città. Nelle aree urbane l’orario del servizio da dalle 5.30 alle 20, in quelle rurali dalle 6.30 alle 18.30.
Tutti i taxi, caratterizzati da un’insegna luminosa sul tetto, hanno su entrambe le portiere l’indicazione del percorso seguito: ricordatevi di trattare sul prezzo prima di salire a bordo e volendo si può ottenere un taxi al proprio servizio tutto il giorno.
Per girare liberamente per l’isola il modo migliore è quello di noleggiare un’auto e per farlo è necessario disporre di una regolare patente di guida e saper guidare tenendo la sinistra. Diverse agenzie locali e tour operator noleggiano macchine, scooter e biciclette.

LE SPIAGGE PIÙ BELLE DI MAURITIUS

Le spiagge di Mauritius sono di una bellezza unica al mondo: lambite da acque cristalline dalle mille sfumature, sono caratterizzate da una bianchissima sabbia fine che contrasta con il nero profondo delle montagne vulcaniche alle spalle e con il verde smeraldo dei palmeti tutti intorno. Tutta la costa è orlata da lidi fantastici, potete pensare di scoprirla con giro costiero in auto, senza dimenticare di far sosta almeno in quelli che sono i più belli. Le migliori spiagge, quelle che senza dubbio meritano una visita, sono Pereybère, Flic en Flac, Belle Mare, Le Morne, Blue Bay e Ile aux Cerfs.

Pereybère: rilassante, nonostante sia frequentata soprattutto dai giovani. Questa spiaggia del Nord, ha un’acqua dai colori intensi e dai fondali profondi, perfetti per lo snorkeling.

Flic en Flac: il nome pare derivi dal rumore dei passi sul suo bagnasciuga. Questa spiaggia della costa occidentale è una lunga lingua bianca circondata da pame da cocco.

Belle Mare: sulla costa Est, Belle Mare è la più conosciuta e forma un’ampia laguna con gigantesche distese di sabbia bianca. La sua barriera corallina lascia senza fiato.

Le Morne: scendiamo a Sud per stenderci su questa meraviglia che vede un blocco di roccia basaltica dominarla incontrastato. Ventosa è perfetta per windsurf e kite.

Blue Bay: ancora Sud per questa tranquilla spiaggia perfetta per le famiglie con i bambini al seguito. Di forma circolare, vanta un fitto palmeto. Tra le attività: surf, snorkeling e vela.

Ile aux Cerfs: lungo la costa sudoccidentale, l’isola dei Cervi è la località più deliziosa di tutta Mauritius, con un mare azzurro sfumato che invita a lunghi bagni rigeneratori.

COSA VEDERE A MAURITIUS

 

PORT LOUIS

Located on the northwest coast and founded in 1735 by the French pioneer Bertrand-François Mahé de La Bourdonnais , Port Louis is the capital of Mauritius . It is a lively cosmopolitan city, full of historical-cultural sites and unique attractions such as Champ de Mars , the oldest racecourse in the southern hemisphere. Do not miss the Central Market , the authentic soul of the island, Le Caudan Waterfront , the seafront teeming with life and the Museum of Natural History , to learn about the history of the Dodo .

GARDEN OF PAMPLEMOUSSES

Just 11 km from Saint Louis , that of Pamplemousses or Sir Seewoosagur Ramgoolam is a unique botanical garden in the world: the place of dreams for all lovers of greenery, where to find a large collection of native plants, including the giant water lilies Victoria Amazonica and numerous species of palm trees such as the Talipot (Corypha Umbraculifera) … legend has it that it blooms only once every 50 years and then dies. Inside there is the oldest church on the island, dedicated to San Francesco .

 

Giardino di Pamplemousses

GRAND BAY

È la Saint-Tropez dell’Oceano Indiano. Grand Bay si trova sulla costa nord di Mauritius ed è caratterizzata da hotel di lusso, ristoranti gourmet e luoghi di divertimento. Insomma è la zona più turistica ma anche la più movimentata dell’isola, perfetta per i più giovani che vogliono “una botta di vita” dopo una giornata rilassante passata al sole – andate a La Cuvette e nella sabbia cercate il “tec-tec”, una piccola conchiglia bianca da preservare. Fate visita alla comunità di pescatori di Cap Malheureux.

CHAMAREL

Tutte le sfumature di Mauritius, o meglio della sua terra, le trovate nella regione di Chamarel. E sono 7! È per questo che il luogo prende il nome di “La Terra dei 7 colori”, un fenomeno geologico di origine vulcanica dove sabbie di sette colori diversi (marrone, ocra, nero, rosso, beige, giallo, grigio) si sono intrecciate formando una struttura caratteristica che ha raggiunto senza fare troppa fatica fama mondiale. Andateci al mattino quando i colori sono più visibili e poi fate una sosta alla distilleria di rum.

 

Curepipe

The inland witches with all its green magic and Curepipe , the coolest village in Mauritius, is one of those attractions not to be missed. Here you will go against a cooler but regenerating climate and discover how the island, despite tourism, has managed to preserve all its charm thanks to two treasures such as the Trou aux Cerf s (see below), and the botanical garden . Have fun finding the craft workshops where the models of ships of every era are reproduced: the modeling is sensational.

BLACK RIVER GORGES NATIONAL PARK

Prepare your way before crossing the entrance of the Black River Gorges National Park , because this green world is completely devoid of refreshment points and medical assistance. We are located in the belly of the island, in the western region, in a park that stretches like wildfire for 6,750 hectares and offers refuge to 311 species of native and endemic flowering plants that live only here. Not to mention the birds and many other endangered animals. Many paths to explore.

 

TROU AUX CERFS

Se si trovate al Sud, circondati dalle belle spiagge di Bel Ombre o di Le Morne, non potete perdervi un colpo d’occhio a tutto tondo dell’isola e quindi salire fino a Trou aux Cerfs, un vulcano spento che si trova nell’entroterra di Curepipe. Questa rappresenta senza dubbio la parte più selvaggia di Mauritius, caratterizzata da un altopiano centrale di grande bellezza. Il panorama qui lascia senza fiato quindi portatevi dietro la vostra reflex e date sfogo alla vostra creatività artistica alla Steve McCurry.

STRADA DEL TÈ

Non solo rum e zucchero. La Strada del Tè (Route du Thé) è un itinerario da visitare che omaggia questa delizia locale. Questa “via del piacere”, se così si può definire visto che stimola gran parte dei nostri sensi, si trova nell’umido e selvaggio entroterra, fatto di natura allo stato puro e villaggi autentici. Si tratta di un percorso tra gli aromi del mondo del tè, che parte da Domaine des Aubineaux, conduce fino alla fabbrica di Bois Chéri a Rivière des Anguilles e si conclude al Domaine Saint Aubin.

Strada del tè

RODRIGUES

Un’isola nell’isola, o meglio a soli 560 km a nord-est di Mauritius. Stiamo parlando di Rodrigues, un piccolo gioiello (108 kmq) delle Isole Mascarene che se avete tempo vi consigliamo di raggiungere. Ma perché? Perché su questa isoletta troverete una laguna color cristallo unica, un clima piacevole accarezzato dagli Alisei e tante opportunità per gli amanti dell’avventura. Le immersioni, qui, sono il top con una barriera corallina intatta, come anche il windsurf, il kitesurf, la vela e la pesca.

10 PILLOLE DI MAURITIUS

Cucina

1. Il Dodo, “l’uccello che non sapeva volare” (così fu chiamato dagli Olandesi sbarcati sull’isola nel ‘500) è il simbolo di Mauritius.

2. Mauritius fa innamorare i grandi artisti: l’opera più famosa ambientata qui è “Paul e Virginie” (Romeo e Giulietta isolani), un romanzo di Bernardin de Saint-Pierre.

3. Lo scrittore Joseph Conrad vi fece scalo per un carico di zucchero e ne rimase stregato definendola: “una perla che distilla grande dolcezza sul mondo“.

4. Mauritius è una delle mete più ambite per il turismo medico: chirurgia estetica, odontoiatria e impianto di capelli di grande qualità e a prezzi competitivi.

5. Sognate una prospettiva diversa dell’isola? Magari dal cielo? Un’attività davvero speciale è quella di sorvolare Mauritius in elicottero.

6. Il pesce da non perdere: sua maestà il Marlin, molto simile al pesce spada. Qui a Mauritius gustatelo affumicato: eccellente!

7. Conoscete la salsa Vindaye? Questo condimento a base di zafferano e mostarda racchiude tutte le anime della cucina isolana!

8. Un’altra salsa capolavoro? Quella Rougail, molto piccante a base di pomodori, peperoncino, zenzero, cipolle, aglio e sale.

9. Captain Nemo’s Undersea Walk: in famiglia o in solitaria, un’esperienza unica per una passeggiata sul fondo del mare con in testa uno scafandro.

10. Tanto sport sull’isola ma anche e soprattutto “segà“! Questa è la danza locale inserita dall’UNESCO nella lista del patrimonio culturale immateriale.

LA NOVITÀ IN FORMATO APP

Oggi è disponibile l’App MyMauritius, progettata e sviluppata da MTPA in collaborazione con Hospitality Plus Ltd, grazie alla quale gli utenti possono organizzare il proprio itinerario personalizzato, scegliendo le località da visitare, i ristoranti più caratteristici e gli hotel più adatti alle proprie esigenze. La App può essere scaricata gratis da Google Play e Apple Store ed è compatibile con tutti gli smartphone e tablet. Una volta installata sul dispositivo mobile, si può utilizzare anche in modalità offline (senza connessione internet).


Per conoscere i prezzi di tutte le destinazioni del mondo, in ordine dalla più economica alla più costosa, potete utilizzare l’opzione di ricerca Ovunque di Skyscanner e organizzare viaggi fantastici ai prezzi migliori!

Inverno di lusso: i migliori resort

Viaggio di Nozze dove andare: 10 destinazioni da sogno

20 Isole Bellissime da scoprire questa estate

I 20 Luoghi più spettacolari del Mondo

20 Vacanze low-cost in posti di lusso

Skyscanner è il motore di ricerca viaggi leader al mondo che vi aiuta a cercare voli, autonoleggio e hotel al prezzo più basso.