Home notizie Quando si potrà viaggiare di nuovo nel Regno Unito?

Tutti gli articoli

Quando si potrà viaggiare di nuovo nel Regno Unito?

Per ora viaggiare è complicato, se non addirittura impossibile, ma questo non significa non poter fare progetti futuri. Ci auguriamo che articoli come questo possano aiutare a pianificare la vostra prossima esperienza.

Il Regno Unito (che include anche le regioni autonome del Galles, dell’Irlanda del Nord e della Scozia) è una meta d’elezione per gli italiani che adorano le atmosfere cosmopolite di Londra, i paesaggi mozzafiato della Scozia e del Galles, così come la cordialità degli irlandesi. Da diversi mesi a questa parte però dobbiamo fare i conti con cambiamenti continui e repentini relativi alle chiusure/aperture dei confini nazionali e nelle regole da seguire nei diversi Paesi, e questo riguarda naturalmente anche il Regno Unito. Districarsi nel dedalo di decreti nazionali non è cosa facile, ma cercheremo di fare un po’ di chiarezza per aiutarvi quando vorrete viaggiare di nuovo nel Regno Unito. In questo articolo troverete quindi tutte le informazioni utili per viaggiare in sicurezza nel Regno Unito durante la pandemia, le regole da seguire e tanti consigli utili da non perdere per una vacanza senza sorprese. 

Per restare sempre informati sulle restrizioni di viaggio inerenti la pandemia da Coronavirus vi consigliamo di monitorare il sito dell’Unità di Crisi della Farnesina Viaggiare Sicuri, il sito International Air Travel Association (IATA), il nostro articolo Coronavirus: consigli di viaggio, che viene continuamente rivisto dalla nostra redazione, e la nostra mappa globale.

Questa pagina è stata aggiornata l’ultima volta il 23 novembre 2020. Per quanto ci risulta, le informazioni di questa pagina erano corrette al tempo della pubblicazione. 

Sappiamo che viaggiare è difficile in questo momento. Insieme agli aggiornamenti sulle restrizioni dovute alla diffusione del Covid-19, vogliamo continuare a ispirarvi con nuovi contenuti di viaggio in modo che quando il mondo riaprirà le sue porte, sarete pronti.

Scopri di più: Quando si potrà viaggiare di nuovo?

quando viaggiare nel Regno Unito

È sicuro viaggiare nel Regno Unito? 

Per venire incontro alle esigenze dei turisti per viaggiare in Gran Bretagna in assoluta sicurezza, gli enti del turismo di Inghilterra, Scozia, Galles e Irlanda del Nord hanno lanciato la Certificazione di Conformità del Settore Turistico attraverso il marchio “We’re good to go” (siamo pronti a ripartire). Questo “protocollo” prevede che le aziende dimostrino di aderire alle direttive dei rispettivi governi e alle disposizioni sulla salute pubblica, di aver effettuato una valutazione del rischio COVID-19 e di aver verificato di essere conformi a quanto richiesto. Per maggiore sicurezza, è previsto un sistema di “allarme” che garantisce che le imprese iscritte alla Certificazione di Conformità siano informate di eventuali modifiche ai protocolli ufficiali, in modo che i viaggiatori possano visitarle in totale sicurezza. 

Per quanto riguarda le direttive sanitarie, se vi trovate nel Regno Unito e ritenete di avere sintomi di Coronavirus, potete chiamare il numero 111 per accedere alla linea di assistenza NHS. Il numero non è di emergenza, è gratuito ed è sempre attivo 24 ore al giorno. 

Quali sono i documenti necessari per entrare nel Regno Unito durante la pandemia di Coronavirus?

Sin dall’inizio della pandemia a tutti viaggiatori in arrivo nel Regno Unito è richiesta la compilazione di un modulo online prima della partenza, dove bisogna indicare un indirizzo e un numero telefonico dove poter essere contattati durante il soggiorno nel Regno Unito; solo i viaggiatori in transito e poche altre categorie sono esentate (trovate l’elenco completo a questo link). Per i viaggiatori in arrivo da “Paesi ad alto rischio di contagio”, il governo britannico ha inoltre introdotto l’obbligo di isolamento fiduciario di 14 giorni (la famosa quarantena) e l’Italia è stata inclusa in questo elenco a partire dalle 04:00 del mattino di domenica 18 ottobre 2020. Da questa data quindi, i viaggiatori in arrivo dall’Italia o che abbiano soggiornato o transitato in Italia nei precedenti 14 giorni dovranno osservare un periodo di isolamento fiduciario di 14 giorni presso hotel o indirizzo privato, rispettando le regole previste dal governo britannico. A questo link trovate tutte le istruzioni sull’auto-isolamento. È possibile tuttavia rimanere in UK per un periodo inferiore ai 14 giorni, ma per tutta la durata del soggiorno è necessario conformarsi alla procedura dell’auto-isolamento.

Per ulteriori informazioni potete consultare il sito dell’Ente del Turismo Inglese.

Posso entrare nel Regno Unito senza quarantena obbligatoria e/o tampone negativo?

La risposta è NO. A partire dal 18 ottobre 2020 tutti i viaggiatori in arrivo dall’Italia o che abbiano soggiornato o transitato in Italia nei precedenti 14 giorni dovranno osservare un periodo di isolamento fiduciario di 14 giorni presso hotel o indirizzo privato, rispettando le regole previste dal governo britannico (con poche eccezioni che trovate qui). Non è possibile evitare l’isolamento fiduciario mostrando il risultato di un test Covid-19 negativo. 

Quali sono le regole da rispettare nel Regno Unito?

Inghilterra, Scozia, Galles e Irlanda del Nord hanno messo nero su bianco delle linee guida ed hanno applicato diverse regole per fronteggiare la pandemia. Per farvi un’idea generale sulle restrizioni imposte nelle diverse aree del Regno Unito per contrastare il diffondersi del Coronavirus potete consultare questa mappa interattiva. Ma vediamole nel dettaglio.

Regole da rispettare in Regno Unito 

A partire dal 5 novembre 2020 è in vigore un nuovo lockdown in Regno Unito, che sostituisce, fino al 2 dicembre 2020, il sistema a tre livelli precedentemente adottato. Le persone sono invitate a restare a casa, sono chiusi negozi non essenziali, pub e palestre. Famiglie diverse non possono incontrarsi al chiuso o in giardini privati, a meno che non facciano parte di una “bolla” di sostegno reciproco. La polizia ha annunciato sanzioni in caso di violazioni “flagranti” delle norme. Maggiori informazioni sono disponibili a questo link

Inghilterra covid

Oltre alle regole di cui vi abbiamo parlato nei paragrafi precedenti, tenete in considerazione il fatto che potrebbero venir imposti lockdown localizzati, quindi controllate sempre le fonti ufficiali per restare informati su eventuali aggiornamenti prima di mettervi in viaggio. 

Siti utili: 

viaggiare in Regno Unito

Bisogna fare la quarantena e/o tampone se si rientra da un viaggio nel Regno Unito?

La risposta è SI. A partire da ottobre 2020, chi entra in Italia dopo aver soggiornato o transitato nel Regno Unito nei 14 giorni precedenti, deve:

1) presentare un’attestazione di essersi sottoposto nelle 72 ore antecedenti all’ingresso nel territorio nazionale, ad un test molecolare o antigenico, effettuato per mezzo di tampone e risultato negativo o,  in alternativa

1a) sottoporsi ad un test molecolare o antigenico, da effettuarsi per mezzo di tampone, al momento dell’arrivo in aeroporto, porto o luogo di confine (ove possibile) o entro 48 ore dall’ingresso nel territorio nazionale presso l’azienda sanitaria locale di riferimento.

2) comunicare il proprio arrivo al dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria competente per territorio;

3) compilare questa autocertificazione

Attenzione però, vogliamo avvisarvi che non tutti avranno la possibilità di sottoporsi al test in aeroporto, perché è possibile fare solo un certo numero di test al giorno e solo in determinate fasce orarie. Chi non rientra nel test rapido in aeroporto dovrà quindi rivolgersi alle strutture sanitarie locali. In generale, il nostro consiglio è quello di prenotare il tampone già diversi giorni prima del rientro in Italia, contattando le rispettive ASL di riferimento. 

Consigli per viaggiare sicuri nel Regno Unito:

  • Mantenere il distanziamento sociale ed evitare gli assembramenti
  • Indossare sempre le mascherina anche all’aperto 
  • Utilizzare il più possibile i biglietti elettronici sui mezzi di trasporto (bus, treno, aereo)
  • Lavare e igienizzare frequentemente le mani
  • Evitare di toccarsi occhi naso e bocca
  • Starnutire coprendo naso e bocca con un fazzoletto o con la mano
  • Monitorare il proprio stato di salute 
  • Chiamare il 111 per la linea di assistenza NHS in caso di sintomi riconducibili al COVID-19. Il numero non è di emergenza, è gratuito ed è attivo 24 ore al giorno.

Volare in Regno Unito FAQ

Questa è una situazione in rapido sviluppo, nel frattempo cerchiamo di rispondere alle domande più frequenti di chi intende viaggiare di nuovo nel Regno Unito.

Si può viaggiare di nuovo nel Regno Unito?

Sì, è possibile viaggiare di nuovo nel Regno Unito ma dal 18 ottobre 2020 tutti i viaggiatori in arrivo dall’Italia o che abbiano soggiornato o transitato in Italia nei precedenti 14 giorni dovranno osservare un periodo di isolamento fiduciario di 14 giorni.

È obbligatorio fare il tampone per rientrare dal Regno Unito?

Sì, è obbligatorio il tampone quando si rientra in Italia dal Regno Unito.

È possibile viaggiare liberamente nel Regno Unito?

Sì, sono consentiti gli spostamenti tra province e regioni autonome all’interno del Paese.

Per ulteriori risposte alle domande più frequenti sul Coronavirus, fai clic qui.

Vuoi leggere di più?

Mentre pianificate la vostra vacanza post-Covid, potete leggere gli ultimi consigli di viaggio del nostro team per essere sempre informati:

Coronavirus: consigli di viaggio

COVID-19 (Coronavirus) domande e risposte di viaggio

I 5 migliori consigli per un road trip sicuro durante il Coronavirus

Skyscanner è leader globale nei viaggi. Controlliamo il costo con 1.200 compagnie di viaggio per aiutarti ad ottenere il miglior prezzo su volihotel e noleggio auto.