Home notizie Sperlonga e le spiagge del litorale Laziale, da Ponza al Circeo

Tutti gli articoli

Sperlonga e le spiagge del litorale Laziale, da Ponza al Circeo

State pensando di trascorrere una vacanza a Sperlonga? Trascorrerete l’estate a Roma, o avete inserito la capitale italiana nel vostro itinerario estivo? Bene, se siete nei pressi di Roma dovete sapere che a poco più di un’ora di strada dalla città, in provincia di Latina, ci sono spiagge meravigliose bagnate da un mare che vira dal blu intenso al turchese. Sono le spiagge del litorale pontino, in cui vi aspettano paesaggi e panorami amati da imperatori, senatori e patrizi romani. La spiaggia su cui Omero fece approdare Ulisse (Circeo) e dove Virgilio collocò lo sbarco di Enea nel Lazio (Gaeta) sono qui, insieme a parchi naturali marini protetti e paradisi per i sub.

Sabaudia, Circeo, Sperlonga, Gaeta e le isole pontine, come Ponza e Ventotene, sono perfette per trascorrere le vostre vacanze o anche per una sola rilassante giornata al sole, aspettando il tramonto con un frizzante aperitivo di fronte al mare. Sia che amiate le spiagge più cool e glamour, quelle perfettamente attrezzate, l’animazione e le attrezzature sportive, sia che preferiate quelle più silenziose, selvagge e incontaminate, in questa striscia di terra in cui si concentrano storia, mito e natura, troverete piccoli angoli di paradiso.

Non ci credete? Nello stessa zona esistono il Parco Nazionale del Circeo e quello Regionale Naturale della Riviera di Ulisse, oasi blu del WWF (Villa di Tiberio a Sperlonga e Monte Orlando a Gaeta), la Riserva Naturale Statale e l’Area Marina Protetta Isole di Ventotene e Santo Stefano. Difficile trovare qualcosa di simile altrove vero? Partiamo col tour!

Sabaudia

Le sue dune sono celebri tanto quanto i vip che amano trascorrervi le loro vacanze: personaggi dello showbiz, politici, calciatori e intellettuali si vedono spesso passeggiare a riva tra lettini ed ombrelloni, così come erano soliti fare Moravia e Pasolini. Da aprile a ottobre la lunga spiaggia bianca di Sabaudia è uno dei ritrovi preferiti da chi cerca anche un solo giorno di riposo dallo stress cittadino. La lingua di sabbia è lunga circa 15 km ed è perfetta sia per chi desidera una sua oasi di tranquillità, per chi cerca un’accoglienza LGBT friendly o un po’ di mondanità. Dalla strada litoranea ci sono diversi punti di accesso alla spiaggia: indossate un paio di ciabattine comode e utilizzando le passerelle di legno adagiate sulla sabbia scendete fino a riva, superando brillantemente le insidie delle dune con la loro fitta macchia mediterranea. Il premio sarà un bagno nell’acqua fresca e bella del mare, con i suoi fondali trasparenti, che dall’alto regalano una suggestiva sequenza di colori diversi, a seconda delle correnti e dell’ora del giorno. Blu intenso al mattino e verde bosco nel pomeriggio, quando l’ombra del Monte del Circeo si specchia in acqua.

Circeo

"…navigammo avanti e sull’isola Eèa sorgemmo, dove Circe, Diva terribile, dal crespo crine e dal dolce canto, aveva soggiorno" (Odissea, Canto X). La Maga Circe ha lasciato il suo ricordo impresso nei secoli attraverso l’epica omerica ma anche nella roccia del Promontorio del Circeo, alto 541 mt e proteso in mare. Dalla spiaggia di San Felice Circeo la vedrete come se fosse sdraiata sulla schiena, con i capelli immersi in acqua, e riconoscerete facilmente il profilo del suo viso nella sagoma del monte. Con le sue spiagge, il suo centro storico e il suo parco naturale, il Circeo è una località particolarmente amata per piccole o grandi fughe al mare. Il lungo litorale, anche per via per via dell’erosione della costa e successivi ripascimenti, è abbastanza disomogeneo e permette di scegliere se fermarsi sui tratti più alti e rocciosi, sulle spiagge di ciottoli o in quelle di sabbia fine, ben attrezzate con lettini e ombrelloni. Ovunque è possibile divertirsi cavalcando le onde con tavole da surf, windsurf o kitesurf o, ancora, esplorare i fondali con pinne e maschera. Se amate le immersioni, qui rimarrete particolarmente colpiti dal Cristo sommerso, una statua di bronzo di quasi due metri adagiata sul fondale nel 1992 per proteggere tutti gli amanti e i lavoratori del mare. Dal 2010 poi la statua è diventata una meta molto richiesta per gli sposi che vogliono celebrare il loro matrimonio sott’acqua. Se invece non vi sentite troppo a vostro agio con le bombole, potreste scegliere di montare in sella ad una bicicletta per una bella passeggiata lungo la costa o di fare trekking fino alla cima del Monte Circeo. Cartina alla mano, percorrete il sentiero che preferite tra i diversi itinerari possibili e raggiungete il punto panoramico da cui ammirare la costa e le meravigliose Isole Pontine, tra cui Ponza e Ventotene. Fate attenzione però, perché potreste davvero rischiare di perdervi a lungo in così tanta bellezza come fece Ulisse!

Gaeta

I suoi abitanti vanno giustamente fieri del loro mare, dichiarato Oasi Blu. A Gaeta si dividono i fondali cavallucci e stelle marine, polpi, cernie, spigole e tanti altri pesci che nuotano tranquilli, al sicuro dai pescatori che non possono accedere all’area protetta del Parco di Monte Orlando. La bellissima spiaggia di Serapo merita una lunga sosta, non solo per l’infinita purezza delle acque ma anche per una visita all’incredibile Grotta del Turco, raggiungibile sia da terra che con delle piccole imbarcazioni. A piedi dovrete scendere circa 300 gradini per arrivare al livello del mare e rimanere incantati dai colori creati dai riflessi del sole sull’acqua. Se poi siete amanti del free climbing potreste divertirvi a scalare le pareti interne della grotta, rifugio strategico per le navi dei pirati saraceni. Secondo la leggenda, questa grotta sarebbe nata a causa di un terribile terremoto che avrebbe spaccato la montagna, al momento esatto della crocifissione di Gesù. Oltre ai doni che le ha concesso madre natura, Gaeta ha saputo ritagliarsi un suo spazio anche come località anticonformista: la spiaggia Trecento Scalini (anche detta dell’Arenauta) negli anni ’70 era la meta preferita dei nudisti, oggi è una meta LGBT friendly e molto frequentata.

Sperlonga

In questo itinerario lungo la costa pontina non possiamo dimenticare Sperlonga, luogo di vacanza prediletto dagli antichi romani. Le testimonianze in questo senso sono tantissime ma la principale è senza dubbio la Villa di Tiberio. L’imperatore costruì il suo buen retiro sfruttando una delle tante grotte che si aprono a livello del mare, rimasto ancora trasparente e pulito come allora. Proprio dal termine speluncae – grotte, appunto – deriva il nome del paesino arroccato sui Monti Aurunci. Acque cristalline premiate anche quest’anno con la Bandiera Blu, un tratto costiero di 10 km di spiagge di sabbia bianca dai nomi diversi (Fontana, Canzatora, Salette, Bonifica, Angolo e Bambole) e arricchito da grotte misteriose e affascinanti, hanno reso Sperlonga una meta amatissima in ogni epoca. Scegliendola per le vostre vacanze vi sembrerà di tornare indietro nel tempo. Quando la sera passeggerete tra i vicoli del paese, il cui nucleo originale è rimasto praticamente intatto, con il suo sapore tipicamente mediterraneo e le sue case bianche circondate dal blu del cielo e del mare, non saprete più riconoscere in quale anno vi trovate.

Le Isole Pontine

Piccole, piccolissime e meravigliose. Sono le isole ponziane, più conosciute come pontine, che da isole di pescatori si sono trasformare nel tempo in mete ambitissime dai turisti di ogni parte del mondo. Sono diversi i traghetti che partono ogni giorno (da Formia, Terracina, S.Felice Circeo, Anzio, Fiumicino, Napoli) per raggiungere Ventotene e Ponza, l’isola principale del gruppo. Le sue spiagge sono tra le più amate, in particolare quella di Chiaia di Luna, per la sua sabbia chiarissima, e quella del Frontone. Per raggiungere Chiaia di Luna a piedi dovrete attraversare un antico tunnel di epoca romana, mentre il Frontone è raggiungibile solo dal mare. All’ora dell’aperitivo questa spiaggia esclusiva diventa il punto più popolato dell’isola e si accende di musica, cocktail e glamour. Ponza naturalmente è anche relax: basta affittare un barchino e scegliersi una caletta più tranquilla per avere come unica compagnia il rumore delle onde. Ponza, così come le altre isole, è un patrimonio inestimabile per gli amanti del diving. I fondali sono infatti ricchi di relitti da scoprire, da quelli delle navi romane ai piroscafi affondati durante le guerre.

L’unica abitata oltre alla maggiore delle isole ponziane, è Ventotene: il piccolo porticciolo e le poche case del paese contrastano con l’enorme ricchezza naturale dell’isola, che insieme a quella di Santo Stefano, sede dell’ex-ergastolo borbonico, forma una splendida riserva naturale e un’Area Naturale Marina Protetta, con alcune limitazioni d’accesso. Per immergersi nelle acque di Santo Stefano è infatti necessaria un’autorizzazione specifica, mentre a Ventotene potrete prendere il sole in particolare a Cala Nave o a Parata Grande, due spiagge di sabbia scura d’origine vulcanica dove troverete tutti i servizi per rendere confortevoli le vostre giornate al mare.

Inserita nel Parco Nazionale del Circeo la più settentrionale delle isole pontine, Zannone, l’unica del gruppo che non ha origine vulcanica. A Zannone non troverete spiagge, ma calette da esplorare nel corso di una escursione giornaliera da Ponza. Visitate i resti del monastero cistercense e quando sarete davanti a quelli della villa dell’eccentrico Marchese Camillino, fatevi raccontare la sua controversa storia.

Continuando il nostro giro delle isole pontine, dedichiamoci a Palmarola. Con il suo ricchissimo patrimonio naturale, le poche case scavate nella roccia e i fondali che richiamano sub da ogni parte del mondo, fa parte dell’Area Marina Naturale come Ventotene e Santo Stefano. Palmarola è considerata l’isola più bella del Mediterraneo. A sostenerlo non siamo noi ma un vero esperto, il famoso oceanografo Jacques-Yves Cousteau. Chi potrebbe smentirlo? Andate ad esplorarla!

Ponza


Questo articolo bellissimo su Sperlonga e le Spiagge pontine del Lazio è stato scritto da Misa Urbano, blogger di Fraintesa.it


Per conoscere i prezzi di tutte le destinazioni del mondo, in ordine dalla più economica alla più costosa, potete utilizzare l’opzione di ricerca "Ovunque" di Skyscanner e organizzare viaggi fantastici ai prezzi migliori!

50 bellissime Capitali del Mondo da vedere almeno una volta nella vita

20 viaggi economici per il Ferragosto

Le 20 città nella roccia più spettacolari d’Italia

Le Maratone più belle in Italia

10 bellissime Città-Slow in Italia

Skyscanner è il motore di ricerca viaggi leader al mondo, che vi aiuta a cercare voli, autonoleggio e hotel al prezzo più basso

Mappa