Home notizie spunti Torino cosa vedere: 15 cose bellissime da fare nella città piemontese

Tutti gli articoli

Torino cosa vedere: 15 cose bellissime da fare nella città piemontese

Cosa vedere a Torino: 15 attrazioni bellissime da non perdere! Weeekend a Torino cosa fare? Splendide piazze porticate, i viali alberati lungo il fiume, una vita notturna sempre in fermento e tante altre meraviglie: questa è Torino, una città che ha saputo trasformare il suo passato, in bilico tra sovrani e industrie, in un presente davvero unico senza perdere la sua autenticità.

In quanto ad attrazioni c’è l’imbarazzo della scelta, ma niente paura: Skyscanner ha selezionato per voi le 15 cose da vedere a Torino, quelle che proprio non potete perdervi durante la vostra visita nel capoluogo piemontese. Quindi fate i bagagli, e partite verso nord!

Voli economici per Torino

1. Museo del Cinema

Nel cuore di Torino, all’interno della svettante Mole Antonelliana (da sempre il simbolo della città per eccellenza), si aprono le porte di un mondo magico che lascerà a bocca aperta grandi e piccini. Visitare il Museo Nazionale del Cinema vuol dire immergersi in un’esperienza a 360 gradi, tra ricostruzioni di set famosissimi, cimeli e attrezzature di ogni epoca, e naturalmente tante curiosità incredibili sul mondo del grande schermo. Arrampicatevi lungo la passerella affacciata sulla grande cupola ed esplorate le tante sale che si aprono lungo il percorso, ma non dimenticate l’attrazione più divertente: l’ascensore di vetro che sembra volare nel vuoto e che vi porterà sulla cima della Mole, da cui potrete ammirare una vista unica su tutta Torino.

La splendida cupola della Mole Antonelliana a Torino, dove ha sede il Museo Nazionale del Cinema
Photo Credits @ Mathieu Gasquet

2. Piazza Vittorio Veneto

A Torino, si sa, le belle piazze non mancano. Ampie ed eleganti oppure piccole e piene di verde, sembrano aprirsi ad ogni angolo. E un posto d’onore nella classifica delle piazze più belle della città lo occupa sicuramente Piazza Vittorio Veneto (solo Vittorio per gli habitué), situata al termine della centrale via Po e affacciata, appunto, sul corso d’acqua più lungo d’Italia, che la divide dai quartieri collinari. Qui potrete fare shopping sotto i grandi portici, oppure godervi un aperitivo in uno dei tanti bar che affollano la piazza con i loro dehors, o ancora semplicemente passeggiare su e giù al tramonto. Infine, una curiosità: tra i due lati della piazza ci sono più di 7 metri di dislivello. Riuscirete ad accorgervi della salita?!

Piazza Vittorio Veneto a Torino, al tramonto
Photo Credits @ Marcho Chi, CC BY-NC 2.0

3. La Basilica di Superga

La Basilica di Superga è un altro simbolo inconfondibile del panorama torinese, meta ideale per trascorrere qualche ora in modo suggestivo fuori dal caos del centro. Fatta costruire dal re Vittorio Amedeo II nel 1715, su progetto del famoso architetto Filippo Juvarra, la basilica guarda Torino dall’alto della sua posizione in cima alla collina omonima. Potete raggiungerla con i mezzi tradizionali oppure approfittarne della restaurata tranvia, un vagoncino a rotaia risalente al 1884, con eleganti interni in legno, che sferragliando tra ponti e gallerie vi porterà sulla punta della collina facendovi vivere un’esperienza d’altri tempi. Ma una volta raggiunta la basilica, non fermatevi: una ripida scala a chiocciola di pietra vi porterà in cima alla cupola, e avrete Torino ai vostri piedi come dei veri reali!

Basilica di Superga con aiuola fiorita in primo piano

4. Porta Palazzo

Non si può dire di aver visto Torino senza aver trascorso almeno una mattinata a girovagare per Porta Palazzo, il quartiere multiculturale più colorato e originale della città. Tutti i giorni della settimana, nella ampia piazza della Repubblica, si tiene il mercato all’aperto più grande d’Europa (o almeno, così dicono i torinesi), con una distesa fitta di banchi che vendono ogni tipo di frutta e verdura ma anche formaggi, pesce, carne e specialità del mondo. Inoltre, ogni sabato e ogni seconda domenica del mese le vie limitrofe si affollano per il Balon, lo storico mercato delle pulci dove è impossibile non trovare cosa si sta cercando: dai mobili antichi ai dischi, passando per vestiti, quadri e cianfrusaglie inutili ma bellissime, al Balon c’è davvero di tutto!

Un contadino mostra un grappolo d'uva al mercato di Porta Palazzo a Torino
Photo Credits @ Rachel Black, CC BY-NC 2.0

5. CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia

Inaugurato da pochissimo, CAMERA è uno spazio espositivo molto bello nel pieno centro di Torino, interamente dedicato alla fotografia. Circa 2000 metri quadri, al piano terra di un edificio storico che ospitò la prima scuola pubblica d’Italia, dove trovano casa mostre di fotografi contemporanei nazionali e internazionali, ma anche workshop di alto livello, eventi e uno dei pochi store italiani della Leica. Vale davvero la pena dedicarci qualche ora!

Una ragazza osserva le fotografie esposte a CAMERA, Centro Italiano per la Fotografia a Torino
Photo Credits @ CAMERA – Andrea Guermani

6. Il Quadrilatero Romano

Come si può intuire dal nome, questo quartiere storico del centro sorge nell’area dove i romani fondarono il primo nucleo cittadino. Se non bastassero le caratteristiche vie ortogonali a testimoniare le origini della zona, qui si trovano anche importanti resti delle antiche mura di cinta e delle porte che segnavano i confini della città, come la imponente Porta Palatina, a pochi passi da Porta Palazzo. Addentratevi nelle strette vie pedonali del Quadrilatero, tutte color mattone, e scoprite le tante piazzette alberate dove si allargano i tavolini di ottimi ristoranti e gruppi di amici si godono una bottiglia di vino in allegria. In estate o in inverno, qui si respira un’atmosfera degna di Parigi!

Veduta frontale della Porta Palatina a Torino in autunno

7. Il Castello di Rivoli

Va bene, tecnicamente non siamo a Torino. Ma se siete in visita nel capoluogo piemontese non potete perdervi una deviazione alla scoperta di questo magnifico castello, Patrimonio Unesco e sede di uno dei più importanti musei di arte contemporanea d’Italia. In origine residenza dei Savoia, il castello sorge sulla cima di una collina nel comune di Rivoli, a pochi chilometri da Torino, ed è facilmente raggiungibile anche dal centro. Oltre alla splendida architettura, in cui si fondono elementi antichi e moderni, qui potrete ammirare mostre temporanee affascinanti e una collezione permanente di altissimo livello, con opere di Boetti, Cattelan, Kounellis, Pistoletto, Lewitt e molti altri. Infine, la posizione sopraelevata del castello offre uno splendido panorama sulla città e sulle montagne circostanti.

Veduta frontale esterna del Castello di Rivoli
Photo Credits @ Castello di Rivoli – Museo d’Arte Contemporanea

8. I Murazzi

Con il termine Murazzi si indicano tutte le rimesse, le arcate e i vecchi magazzini sulle rive del Po dove, dal 1800 fino a metà del secolo scorso, approdavano le barche e si ritrovavano i pescatori. Dopo un periodo di abbandono i Murazzi tornarono in vita e divennero presto il centro della vita notturna di Torino, con locali aperti fino all’alba, concerti e personaggi illustri della scena culturale cittadina che facevano le ore piccole. Negli ultimi anni questa zona ai piedi di Piazza Vittorio ha subito un nuovo cambiamento, e oggi è un luogo dove cittadini e visitatori di ogni età passeggiano a tutte le ore, godendosi la vista sulle colline o sorseggiando una birra sul bordo dell’acqua. Mica male, eh?

I Murazzi visti dalla parte opposta del fiume con il sole

9. Borgo Vanchiglia

Storico quartiere popolare ai bordi del centro, da qualche decennio ormai Vanchiglia sta vivendo una grande rinascita, che tuttavia non ha modificato la sua identità autentica e genuina. In piazza Santa Giulia, cuore del borgo e sede dell’omonima chiesetta, si ritrovano studenti e anziani al mercato mattutino ma anche all’ora dell’aperitivo, quando le strade del quartiere si riempiono di vita grazie ai tanti locali e ristoranti. Provate la cucina vegana e crudista super stilosa di Soul Kitchen, oppure affidatevi ad una piola (tipica trattoria piemontese) per gustare le specialità locali. E rimanendo in tema culinario, non perdetevi la famosa Casa Scaccabarozzi, conosciuta da tutti come “Fetta di polenta”, lo strano edificio progettato da Antonelli (lo stesso della Mole!) in cui un lato misura appena 54 centimetri!

Composizione che mostra gli ultimi piani di Casa Scaccabarozzi da tre diverse prospettive, contro il cielo azzurro
Photo Credits @ Emanuele, CC BY-SA 2.0

10. Una notte a San Salvario

Il vero cuore della movida torinese sono le strade di San Salvario, quartiere situato proprio di fianco alla stazione di Porta Nuova e da qualche anno letteralmente preso d’assalto da bar, club e ristoranti di ogni tipo. Percorrete una qualsiasi delle sue vie e avrete l’imbarazzo della scelta, dall’aperitivo fino a tarda notte: locali creativi e colorati, cocktail raffinati e birre artigianali, cucina etnica e menu a chilometro zero, insomma una vera festa che non si ferma neanche per l’inverno! E se la mattina vi resta ancora qualche energia, concedetevi una passeggiata rigenerante per il quartiere, tra bazar multiculturali, studi di design e bar che sembrano usciti dagli anni ‘50. Qui le sorprese sono sempre dietro l’angolo!

Preparazione di un cocktail sul bancone di un locale a San Salvario, Torino

11. Il Museo Egizio

Un’altra tappa immancabile nella vostra visita a Torino è sicuramente il Museo Egizio, tra i più grandi e importanti del mondo – secondo solo a quello del Cairo! Si trova nella sede storica dell’Accademia delle Scienze, in uno splendido palazzo risalente al XVII secolo a pochi passi dalla centralissima Piazza Castello. All’interno potrete ammirare reperti incredibili, tra tombe, templi, statue e tante altre meraviglie affascinanti che vi terranno a bocca aperta per ore. Inoltre, ad aprile 2015 il museo ha riaperto dopo un lungo periodo di ristrutturazioni, quindi potrete ammirarlo nel suo rinnovato splendore!

Statua di sfinge custodita al Museo Egizio a Torino
Photo Credits @ Chris Goldberg, CC BY-NC 2.0

12. Piazza San Carlo

Da tutti i torinesi, questa piazza è considerata “il salotto buono” della città – e i motivi di questa fama sono più che evidenti! Situata a metà della lussuosa via Roma, dove si trovano i negozi più chic e alla moda del centro, Piazza San Carlo vi accoglierà con i suoi palazzi seicenteschi, i colori pastello e gli eleganti portici barocchi, sotto cui si trovano alcuni dei più antichi e famosi caffè di Torino (vale la pena entrare per ammirare gli affreschi e gli arredamenti originali!) Completano il quadro le due chiese “gemelle” affacciate sulla piazza e il monumento in bronzo dedicato a Emanuele Filiberto: non ci sono dubbi, una passeggiata qui e chiunque si sentirà subito molto più nobile!

Le due chiese gemelle di Piazza San Carlo a Torino dietro la statua del re a cavallo

13. Il Liberty in Cit Turin

Cit Turin in piemontese significa “piccolo Torino”, e mai nome fu più azzeccato visto che questo è in effetti il quartiere più piccolo di tutta la città. Pochi isolati non distanti dal centro, caratterizzati da splendidi edifici in pieno stile liberty, con facciate da far invidia alle vie di Barcellona. Ammirate la facciata neogotica della chiesa del Gesù Nazareno, risalente ai primi anni del ‘900, oppure girate per le vie del quartiere con il naso in su alla scoperta del vostro palazzo preferito.

La facciata liberty di Casa Fenoglio-Lafleur nel quartiere di Cit Turin a Torino

14. Lingotto

Uno degli animi più autentici di Torino è senza dubbio quello industriale, che per anni ha segnato in modo indelebile la sua identità e oggi rappresenta un patrimonio in evoluzione e spinto verso il futuro. Non c’è modo migliore per respirare questo cambiamento se non visitare il complesso del Lingotto, storico stabilimento FIAT risalente a inizio ‘900 oggi trasformato in polo multifunzionale all’avanguardia. Negozi, sale congressi, la pinacoteca Agnelli, un ristorante in una bolla di vetro, una passerella sospesa nel cielo e perfino una pista per go-kart, per non parlare di tutti i grandi eventi che vengono ospitati qui durante l’anno. Non perdetevelo!

Passerella sospesa del Lingotto a Torino
Photo Credits @ Maurizio Montanaro, CC BY-NC-ND 2.0

15. Caffè Fiorio

Concludiamo la lista delle 15 attrazioni imperdibili di Torino con un luogo molto speciale. Sotto i portici di via Po si trova questo splendido caffè inaugurato nel 1780 e frequentato per decenni da nobili, aristocratici e intellettuali di spicco. Nel secolo successivo si ritrovavano qui personaggi del calibro di D’Azeglio e Cavour, forse già attirati dalla sua incredibile cioccolata calda! Oggi Fiorio mantiene un fascino fuori dal tempo, con le sue sale di velluto e specchi barocchi che sembrano uscite da un film in costume e la sua offerta di caffetteria davvero fuori dal comune. Non solo, Fiorio è anche tra le gelaterie più famose di Torino: assaggiate la sua crema e il suo gianduja, e capirete perché.

Dettaglio di un lampadario del Caffè Fiorio a Torino
Photo Credits @ Patrizia Di Muzio, CC BY-SA 2.0

Volete trascorrere qualche giorno a Torino ma non sapete decidervi sul volo più conveniente? Nessun problema: con la funzione Avvisi di prezzo di Skyscanner tenete d’occhio i prezzi dei voli che vi interessano e acquistateli al momento migliore!


Potreste anche essere interessati a:

I 20 viaggi più economici per l’autunno

I 10 paesi più sottovalutati del mondo

Weekend in Italia: 10 percorsi nella natura

Natale in Europa: 10 città bellissime ancora da scoprire

20 città calde dove andare in autunno

Le 5 città italiane raccomandate da Skyscanner e Airbnb


Skyscanner è il motore di ricerca viaggi leader al mondo, che vi aiuta a cercare voli, autonoleggio e hotel al prezzo più basso

Mappa