Home notizie USA on the road: viaggio negli Stati Uniti

Tutti gli articoli

USA on the road: viaggio negli Stati Uniti

Quando si pensa ai viaggi on the road non si può non pensare agli Stati Uniti d’America, ai paesaggi grandiosi e agli orizzonti senza fine dell’Arizona, del Texas o dell’Oklahoma, e a quel senso di libertà che gli Stati Uniti evocano più di qualsiasi altro paese del mondo. Dunque, abbiamo deciso di raccontarvi il meglio degli USA on the road, in questo articolo.

Gli itinerari on the road in USA sono tantissimi: si può scegliere di seguire la Pacific Coast Highway o la Great River Road, si può raggiungere l’Alaska o attraversare la Florida fino alle Keys, ma non c’è dubbio che il più famoso e iconico viaggio on the road sia il coast to coast lungo la famosa Route 66, che attraversa il cuore dell’America, 7 Stati per 2448 miglia (3755 km). Qui ve lo raccontiamo (con qualche piccola aggiunta) in 10 tappe, da New York fino ad arrivare a Los Angeles: siete pronti a partire con noi?

Scopri di più: I 10 viaggi in auto più belli d’America

Mappa

USA on the road: arrivare e organizzare il viaggio

Non c’è dubbio che – per organizzare un viaggio degli Stati Uniti on the road – dovrete noleggiare un’auto: le offerte non mancano, e troverete di certo la macchina che fa per voi; per raggiungere gli USA, invece, dovrete volare molto probabilmente su New York. La grande mela è la destinazione meglio collegata dall’Italia, e con i voli più economici, e sarà dunque il vostro punto di partenza per la Route 66.

Route 66: la storia

“Sal, dobbiamo andare e non fermarci mai finché non arriviamo. Per andare dove, amico? Non lo so, ma dobbiamo andare” scriveva Kerouac nel suo Sulla strada, uno dei romanzi di culto per chi ama il viaggio on the road, dagli USA alla Patagonia. Un viaggio lungo la “mother road” (così viene chiamata la Route 66) è un vero e proprio viaggio nel tempo per riscoprire gli Stati Uniti e la loro storia, e rappresenta la quintessenza della libertà. 

Costruita tra il 1926 e il 1938, la US Highway 66 è stata la prima strada che collegava il lago Michigan alla costa del Pacifico, dopo un viaggio di 2448 miglia attraverso 7 Stati: Illinois, Missouri, Oklahoma, Texas, New Mexico, Arizona e California (e in teoria anche il Kansas, per sole 12 miglia). Dal 1934 viene battuta da migliaia di famiglie rurali dell’Oklahoma e dell’Arkansas rovinate dalla dust bowl (la tempesta di sabbia che distruggeva le coltivazioni), poi durante la Seconda guerra mondiale vede il passaggio dei convogli militari che trasportano uomini e armamenti verso il Pacifico o l’Atlantico. Grazie a questo movimento, lungo tutta la Route 66 si sviluppano i famosi Motel, le tavole calde (i diners), le stazioni di servizio e molte altre attività. Con gli anni Cinquanta però la strada diventa “vecchia” e poco sicura e le autorità americane decidono di sostituirla con un nuova Interstates a doppia corsia, che non attraversa più le città ed è più rapida e sicura. Per la Route 66 inizia il declino e negli anni Ottanta si pensa addirittura di dismetterla. È solo grazie alle associazioni di nostalgici che si riesce a farla restare aperta (seppur con alcune modifiche) e a farla dichiarare Strada di interesse storico. Celebrata da famosi scrittori, cantanti e cineasti, il mito della Route 66 ha poi continuato a crescere e questo le ha permesso di resistere al passare degli anni conservando intatto tutto il suo fascino.

USA on the road

USA on the road: viaggio in 10 tappe da NY a LA

1. New York 

Un vero viaggio in USA on the road è un coast to coast, e un coast to coast che si rispetti deve necessariamente iniziare dall’Atlantico e finire sul Pacifico (o viceversa) e abbiamo deciso di far partire il nostro da New York, la “capitale” degli Stati Uniti, la città che non dorme mai, miraggio e Mecca per i viaggiatori di tutto il mondo. La Grande Mela è immensa, è uno dei poli commerciali, finanziari e culturali più importanti al mondo e non vi basterà una vita per visitarla, ma in pochi giorni riuscirete comunque a percepire la sua grande energia e a rimanere estasiati davanti alle sue bellezze. Iniziate naturalmente la visita da Manhattan, dove si trovano le attrazione principali come Times Square, l’Empire State Building, il Central Park, Ground Zero, la Statua della Libertà e il Metropolitan (solo per citarne alcune), ma non dimenticate di attraversare uno dei simboli cittadini,  il ponte di Brooklyn, per scattare le foto più belle della città dal Brooklyn Bridge Park ed esplorare uno dei suoi quartieri più vivaci. 

Scopri di più: Cosa vedere nel quartiere di Manhattan a New York

New York: USA on the road

2. Cascate del Niagara (New York)

La seconda tappa del nostro viaggio on the road in USA non possono che essere loro: le cascate del Niagara! Si trovano a circa 6-7 ore di guida da New York e sono a metà tra gli Stati Uniti e il Canada. Non sono né le più alte né le più estese del mondo, ma sono indubbiamente tra le più conosciute. Si trovano tra i laghi Eire e Ontario e sono costituite dall’insieme di 3 cascate (tutte originate dal fiume Niagara): ci sono le horseshoe falls (a ferro di cavallo), dette talvolta anche canadian fall, separate dalle american falls, sul lato americano, dalla Goat Island (Isola delle Capre), e finiscono sempre in territorio USA con le più piccole Bridal Veil Falls (cascate a velo nuziale). L’esperienza da non perdere è il tour sul Maid of the Mist (chiamato Hornblower sul versante canadese), ovvero l’escursione in battello che porta proprio sotto le cascate. Dura 25 minuti e si può prenotare da entrambi i Paesi. Da qui potrete vedere la cascata in tutta la sua magnificenza. 

Scopri di più: Visto Canada: come richiedere l’eTA

Stati Uniti on the road: Cascate del Niagara

3. Detroit (Michigan)

Spostandosi a est, dalle cascate del Niagara in 4 ore si raggiunge Detroit, che si trova sempre nella regione dei grandi laghi americani, al centro di una vasta zona industriale. Detroit fa parte del Michigan ed è famosa da sempre per l’industria automobilistica e per quella musicale. Rispetto alla prima, nei primi anni del Novecento Detroit divenne la capitale mondiale dell’automobile grazie a Henry Ford che costruì qui la sua prima fabbrica, cui seguirono tutti gli altri colossi del settore: Dodge, Walter Chrysler, General Motors, eccetera. Passando alla musica, è nata qui la famosa etichetta Motown che aveva sotto contratto artisti come Marvin Gaye, Stevie Wonder, i Jackson Five e tanti altri. Dopo i fasti di quel periodo, Detroit passò poi anni molto difficili (dagli anni Sessanta-Settanta) a causa delle lotte razziali e della crisi petrolifera, fino a dichiarare fallimento nel 2013. Come l’araba fenice, a distanza di soli 5-6 anni oggi Detroit gode di una nuova rinascita ed è stata persino inserita dalla Lonely Planet tra le 10 città da visitare nel 2018. Magnifici i suoi palazzi art déco (su tutti il Guardian Building) e i suoi musei, come il Detroit Institute of Arts che conserva opere di Matisse, Rembrandt, Picasso, Van Gogh e tanti altri. Ma è già tempo di ripartire on the road attraverso il cuore degli USA!

Detroit, USA on the road

4. Chicago  (Illinois)

Con Chicago arriviamo finalmente al punto di partenza della Route 66!  Chicago si trova sul lago Michigan ed è chiamata anche Windy City o Second City; è la terza città più grande degli Stati Uniti dopo New York e Los Angeles ed è famosa, tra le altre cose, per il blues (di cui è un punto di riferimento mondiale) e per i grattacieli (architettura che è nata proprio qui e poi esportata a New York). Il suo centro “storico” viene chiamato The Loop, cuore pulsante degli affari, ma anche sede di numerosi musei (tra cui l’Art Institute of Chicago, che è stato votato per diversi anni come museo numero 1 al mondo per gradimento dei visitatori), teatri, blues club, la Willis Tower (uno dei grattacieli più alti d’America) e il Millennium Park con opere di Anish Kapoor e Frank Gehry. Chicago è anche la città con il maggior numero di ponti mobili al mondo (ce ne sono ben 45!) ed è stata (come dimenticarlo) la città dove “scorrazzavano” Al Capone e gli altri gangster ai tempi del proibizionismo.  

Scopri di più: Città USA: 20 città bellissime degli Stati Uniti

Chicago, Stati Uniti on the road

5. Saint Louis (Missouri) 

Da qui in poi nulla vi sembrerà come prima! Saint Louis (chiamata così in onore del re di Francia Luigi IX) è attraversata dal fiume Mississippi, il fiume con la F maiuscola per gli americani, che divide l’est del paese, popolato e conosciuto, dal vastissimo ovest, inesplorato e sconosciuto. Partivano da qui i pionieri e gli esploratori in cerca di fortuna e qui inizia la grande pianura americana. Oggi Saint Louis è una città abbastanza moderna, ed è visitabile tranquillamente in un giorno; partite dal Gateway Arch, l’imponente arco alto 192 metri che simboleggia la Porta dell’Ovest, su cui si può salire per godere di una vista a 360° su tutta la vallata, per poi spostarvi al Forest Park (creato per l’esposizione Universale del 1904)  e, da bravi italiani, al The Hill, la zona di Little Italy, dall’atmosfera verace e non turistica.

Saint Louis, USA on the road

6. Oklahoma City (Oklahoma)

Questa è una delle tappe più lunghe del viaggio e per raggiungerla impiegherete più di 7 ore (sono quasi 500 miglia). La capitale dello stato dell’Oklahoma visse un periodo di sviluppo alla fine degli anni Venti quando nella zona venne scoperto il petrolio, ma non venne risparmiata dalla Grande Depressione pochi anni dopo e andò incontro a un declino inarrestabile fino agli anni Novanta. In anni più recenti infatti, tramite la costruzione di diverse opere pubbliche (un nuovo centro civico, un nuovo stadio del baseball e la creazione di canali) la città ha iniziato una lenta ripresa, anche come destinazione turistica. Passeggiate nel caratteristico quartiere di Bricktown (chiamato così per i mattoni rossi dei suoi edifici) pieno di bar, ristoranti e locali, o esplorate la zona con un battello che attraversa i canali, prima di spostarvi ai Myriad Botanical Gardens e all’Omniplex dove si trovano diversi musei fra cui l’Hands on Science Museum, il Kirkpatrick Planetarium, il Red Earth Indian Center e l’Air Space Museum.

Oklahoma, USA on the road

7. Amarillo (Texas)

Con altre 4 ore di viaggio on the road circa vi troverete proprio a metà degli Stati Uniti, nello Stato del Texas, e più precisamente nella città di Amarillo. Pur avendo poco più di 200.000 abitanti, Amarillo è una delle città economicamente più importanti del Texas, ed è soprattutto la capitale mondiale dell’elio. Tra le cose da vedere sicuramente va inserito il Cadillac Ranch, un’installazione realizzata nel 1974 dall’artista Stanley Marsh III che consiste in 10 cadillac, infilate parallelamente nel terreno con un angolo di 45°, che vuole essere un omaggio all’era dell’automobile. Nei dintorni non perdetevi il Canyon di Palo Duro, il secondo canyon più grande degli Stati Uniti (è lungo ben 193 km e largo 32); è attraversato, in parte, dal Red River, un affluente del Mississippi.

8. Flagstaff e il Grand Canyon (Arizona)

Per raggiungere Flagstaff dovrete guidare parecchie ore (più di 8), ma qui vale sicuramente la pena fermarsi qualche giorno in più per esplorare i suoi illustri dintorni. Una cinquantina di miglia prima di arrivare, proprio lungo la Route 66, si trova infatti il Meteor Crater, un cratere profondo circa 200 metri e largo 3 chilometri provocato dall’impatto di un asteroide circa 50.000 anni fa, che vale assolutamente una sosta. Fatta eccezione per l’Arizona Historical Society Pioneer Museum ed il Museum of Northern Arizona (dedicato ai Navajo) a Flagstaff c’è poco altro da vedere, ma è una cittadina decisamente votata al turismo perché, oltre al fatto che viene attraversata dalla Route 66, è la base perfetta per esplorare il Grand Canyon (che si trova a 130 km da qui ed è raggiungibile, volendo, anche con il treno panoramico Grand Canyon Railway). 

Scopri di più: 10 Grandi viaggi low cost: le meraviglie del mondo a portata di mano

Stati Uniti on the road, grand canyon

9. Las Vegas (Nevada)

Ci siamo quasi, il Pacifico non è più così lontano! Per spezzare il lungo tratto fino a Los Angeles si può fare una piccola deviazione della Route 66 per andare a visitare “Sin City” (la città del peccato), la capitale del divertimento, dello shopping e del gioco d’azzardo. Per decenni Las Vegas fu stazione di sosta per le carovane di pionieri dirette in California e, nei primi anni del Novecento, un importante snodo ferroviario, attraverso cui le miniere dei dintorni inviavano i loro prodotti al resto degli USA. Ma la sua fama e la sua fortuna crebbe a dismisura a partire dal 1946, quando Bugsy Siegel aprì il primo hotel casinò (il Flamingo Hotel), che contribuì alla nascita della leggenda di Las Vegas. Raggiungete “The Strip”, la strada principale, e lasciatevi travolgere dall’energia della città che non dorme mai! 

Scopri di più: Deserto del Mojave, spettacolo della natura fra California e Nevada

Las Vegas, Stati Uniti on the road

10. Los Angeles (California)

Dopo aver percorso più di 4000 chilometri sarete finalmente arrivati sull’altro lato dell’America e potrete finalmente affacciarvi sull’oceano Pacifico. La Route 66 termina a Los Angeles, più esattamente a Santa Monica, che, con il suo pier (molo) è uno dei quartieri più conosciuti dell’immensa città degli Angeli. Da qui vi basterà alzare lo sguardo per vedere la grande scritta “Hollywood” che sovrasta il quartiere omonimo; Los Angeles è infatti la capitale USA del cinema e della televisione e potrete vedere il “dietro le quinte” partecipando a uno dei tanti tour negli studi di produzione della Paramount Pictures, della Universal o  della Warner Brothers.  Da non perdere anche il Getty Center, dedicato all’arte moderna europea e americana, il Griffith Observatory per godere di una vista magnifica su tutta la città, e naturalmente le spiagge, da Venice a Malibu andando verso nord, o fino ad Huntington e Long Beach scendendo verso San Diego.

Scopri di più: Cosa vedere a Los Angeles: 10 attrazioni principali

USA on the road: viaggio in 10 tappe da NY a LA

Il meglio degli USA on the road da est a ovest

TappaDistanza tappa
precedente (miglia)
Da vedere/fare
New York0Manhattan, Brooklyn
Cascate Niagara408Cascate
Detroit254Guardian Building, Detroit Inst. of Art
Chicago282The Loop, Art Institute, Millennium Park
St Louis297Gateway Arch, The Hill
Oklahoma City498Bricktown, Myriad Botanical Gardens,
Omniplex
Amarillo258Cadillac Ranch, Canyon di Palo Duro
Flagstaff608Grand Canyon, Meteor Crater
Las Vegas253The Strip
Los Angeles270 Hollywood Studios, Santa Monica, spiagge, Getty Center.

Per conoscere i prezzi di tutte le destinazioni del mondo, in ordine dalla più economica alla più costosa, potete utilizzare l’opzione di ricerca “Ovunque” di Skyscanner e organizzare viaggi fantastici ai prezzi migliori!


Potrebbe interessarvi anche:

Cosa vedere a Los Angeles: 10 attrazioni principali

New York low cost: come risparmiare a NY City

Come ottenere l’ESTA per viaggiare negli Stati Uniti d’America

Cosa vedere nel quartiere di Manhattan a New York

Il coast to coast in USA: tra mito e realtà

Soho nel Mondo: 10 quartieri alla moda dove fare shopping


Skyscanner è il motore di ricerca viaggi leader al mondo, che vi aiuta a cercare voli, autonoleggio e hotel al prezzo più basso.