Home notizie Weekend in Emilia Romagna sulle tracce della Via Emilia

Tutti gli articoli

Weekend in Emilia Romagna sulle tracce della Via Emilia

Itinerario fotografico su Instagram per ripercorrere in auto le bellezze nascoste dell'Emilia Romagna.

Primo viaggio alla scoperta delle bellissime Regioni Italiane. Un road trip che ci ha portato alla scoperta dell’Emilia Romagna, ripercorrendo i sentieri della Via Emilia e scoprendo le bellezze nascoste di un territorio ricchissimo di gemme.

Un percorso documentato in un meraviglioso itinerario fotografico, che abbiamo condiviso sul nostro profilo Instagram e di cui riassumiamo le tappe in questo articolo. Perché a volte non serve volare dall’altra parte del mondo, per vivere splendide avventure. L’Italia ha perle infinite, che riescono sempre a stupire.


Il nostro viaggio alla scoperta delle gemme nascoste dell’EmiliaRomagna, ci ha portati, nella prima Tappa, a Castell’Arquato, borgo medievale arroccato sulle prime colline della Val D’Arda, in provincia di Piacenza. Risalendo i vicoli del borgo, si arriva nella scenografica Piazza Monumentale, dalla quale si accede alla Rocca Viscontea. Imperdibile il panorama a 360° dal tetto della Rocca: da un lato, sui palazzi storici della piazza, dall’altro, sulle rive del torrente Arda e i vigneti circostanti.

Castell’Arquato è, infatti, anche terra di ottimi vini e dopo la passeggiata vi consigliamo una sosta all’Enoteca Comunale che sorge all’interno del Palazzo del Podestà, per un pranzo a base di coppa e salumi locali.

Castell’Arquato è solo uno dei 23 Castelli del Ducato, che ornano l’entroterra di Parma e Piacenza; se volete continuare a scoprirli cliccate qui.

https://instagram.com/p/zmphgAwzJw/

La nostra seconda tappa è il Museo dedicato al Re dei Formaggi, il Parmigiano Reggiano. Allestito nell’antico caseificio Meli-Lupi a Soragna, in provincia di Parma, il museo presenta tutta la storia e il processo produttivo di questo inconfondibile prodotto DOP.

L’entroterra parmense è la vera Food Valley dell’Emilia Romagna, patria di alcuni tra i cibi locali più apprezzati nel mondo: non solo il Parmigiano, ma anche il Prosciutto di Parma, il Culatello, lo Strolghino, il Salame di Felino, il pomodoro e la pasta. Per celebrarli sono nati i Musei del Cibo

https://instagram.com/p/znHwBDwzMU/

Riprendiamo il nostro viaggio con la terza tappa: la Pietra di Bismantova, nei pressi di Castelnovo ne’ Monti in provincia di Reggio Emilia. Questo massiccio roccioso a strapiombo sulle colline circostanti contraddistingue il paesaggio dell’Appennino Reggiano fin dall’antichità. Persino Dante lo ha citato nei versi della sua Divina Commedia!

Ci siamo dati al trekking lungo il Sentiero Natura della Pietra, un panoramico percorso ad anello di circa 5 km lungo un’antica mulattiera che si inerpica sui fianchi nord-occidentali della rupe, fino a raggiunge la vetta dell’altopiano. L’itinerario dura circa 2 ore ed è adatto anche agli escursionisti non particolarmente allenati, quindi zaino in spalla… si parte!

https://instagram.com/p/zo2-K2wzHb/

Dall’Appennino Reggiano alle dolci colline modenesi: la nostra quarta tappa è Castelvetro di Modena, borgo medievale immerso tra campi e vigneti. Il comune fa parte dell’Unione Terre di Castelli ed è Bandiera Arancione del Touring Club Italiano. Il cuore del borgo è Piazza Roma, sulla quale si affacciano la Torre delle Prigioni, il Palazzo Comunale e la Torre dell’Orologio. Proprio a un passo da Piazza Roma si trova l’Enoteca cittadina e, siccome siamo nella Città del Vino, del Lambrusco Grasparossa, ci concediamo un aperitivo, magari accompagnato da un assaggio di Aceto Balsamico Tradizionale DOP!

https://instagram.com/p/zpml7JwzMF/

Ed eccoci nella terra della pasta fresca! Dai tortellini in brodo alle lasagne con il ragù, Bologna è la regina della cucina di casa tipica dell’Emilia Romagna. Non per niente è rinomata con l’appellativo di “La Grassa”. Avete mai provato a fare la sfoglia con le vostre mani? Oggi è l’occasione giusta: indossiamo il grembiule per un corso di tortellino tradizionale, dall’impasto di uova e farina tirato con il matterello, alla chiusura del quadrato farcito e girato attorno al dito.

https://instagram.com/p/zrvd4-wzKk/

Comacchio: la seconda più grande colonia di fenicotteri rosa d’Italia, dopo la Sardegna!

Passiamo il pomeriggio passeggiando tra i pittoreschi ponti e lungo i placidi canali, godendoci il tramonto tra i casoni di pesca e aspettando l’ora giusta per una golosa cena di pesce locale, tra cui non può mancare l’anguilla, prodotto principe del territorio che veniva lavorato nella storica Manifattura dei Marinati, oggi Museo.

https://instagram.com/p/zscdlfQzBq/

Il buongiorno del nostro ultimo giorno di viaggio arriva da Bertinoro, meta della nostra tappa. Piccolo borgo fortificato che sorge sulle prime colline dell’Appennino di Forlì, è conosciuto come il Balcone di Romagna, per la vista panoramica che si gode dalla sua centrale Piazza della Libertà: uno sguardo che dai colli raggiunge il mare.

Secondo la leggenda, il suo nome nascerebbe da una frase pronunciata da Galla Placidia, memorabile reggente dell’Impero Romano d’Occidente, durante il suo soggiorno nella vicina Ravenna: l’imperatrice, assaggiando il nettare di Albana prodotto dalle vigne locali, avrebbe pronunciato queste testuali parole: "Non di così rozzo calice sei degno, o vino, ma di berti in oro!”. Anche Bertinoro è infatti Città del Vino, quindi, prima di riprendere il nostro viaggio, ci concediamo un pranzo a base di specialità locali: Sangiovese, piadina e formaggio Squacquerone DOP.

https://instagram.com/p/zuLlNHwzFT/

Guidando tra i paesaggi mozzafiato della Valmarecchia raggiungiamo San Leo, ultima tappa del nostro viaggio in Emilia Romagna. Arroccato su un enorme masso roccioso cui si accede da un’unica strada tagliata nella roccia, l’affascinante borgo di San Leo vanta una storia ricca di battaglie e celebri personalità: attorno all’anno 1000 fu Capitale d’ltalia, tra le sue mura ospitò Dante e S. Francesco d’Assisi, mentre nelle celle della sua Fortezza fu rinchiuso fino alla morte il misterioso alchimista Conte di Cagliostro.

Dopo una passeggiata per il piccolo centro storico, perfettamente conservato, concludiamo in nostro tour ammirando il panorama che si gode dai camminamenti della Rocca, uno dei più belli e caratteristici della regione.

https://instagram.com/p/zuv0NnwzIC/

Volete conoscere la destinazione ideale in base al vostro budget? Lasciatevi ispirare dalla funzione "Ovunque" di Skyscanner. Il nostro sito vi mostrerà in tempo reale tutti i voli per tutto il mondo, da quello più economico al più costoso.

Le 10 Spiagge più belle d’Italia 2015

Le 15 città europee da visitare assolutamente nel 2015

Oroscopo 2015: una destinazione per ogni segno zodiacale

I 15 ostelli più belli d’Europa

10 Cose da fare gratis ad Amsterdam

Viaggio in Scozia in auto: tutte le tappe

I 10 Hotel economici e chic di new York

Skyscanner è il motore di ricerca viaggi leader al mondo,

che vi aiuta a cercare voli, autonoleggio e hotel al prezzo più basso

Mappa