Home notizie Provenza: tra borghi, spiagge e campi di lavanda

Tutti gli articoli

Provenza: tra borghi, spiagge e campi di lavanda

Viaggio in Francia, alla scoperta della Provenza e delle atmosfere suggestive di questa Regione geografica d'Europa. Il profumo della lavanda, i villaggi arroccati, i resti degli Antichi Romani e un'atmosfera unica al mondo. Skyscanner vi porta alla scoperta della Provenza, una destinazione tanto amata dagli italiani, una perla francese tutta da esplorare, soprattutto in primavera-estate, quando la natura si risveglia con i suoi colori e profumi provenzali. In questo articolo vi raccontiamo il clima della Provenza, quando è meglio andare, cosa mettere in valigia, i "must to see" provenzali e tanti consigli e curiosità su questo delizioso angolo di Francia. ###Nel Sud della Francia, dalla sponda sinistra del fiume Rodano al confine con l'Italia, si estende una regione francese che vanta paesaggi unici al mondo, una natura spettacolare fatta di lavanda e gelsomini e una rete di borghi arroccati sui monti che non potete mancare. Questa prende il nome di Provenza e corrisponde all'odierna regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra, un microcosmo francese baciato dal sole 12 mesi l'anno e invidiato per il suo microclima (e non solo) dai turisti di ogni dove. Un luogo che ha incantato anche i grandi artisti del tempo, come Van Gogh e Cézanne, i quali decisero non solo di immortalare parte dei paesaggi provenzali nelle loro tele ma anche di viverci per diverso tempo. Un viaggio in Provenza è un tuffo nelle turchesi e inaccessibili Calanques, un'incursione in città antiche come Arles, una passeggiata tra la lavanda, pianta aromatica simbolo di questa terra di Francia... insomma una scoperta continua. ##Pronti a partire con noi per un voyage très chic? ###Scopri di più: Regioni della Francia: quali sono e cosa vedere

*Gli aeroporti per raggiungere le bellezze della Provenza sono quelli di Marsiglia e Nizza

COME ARRIVARE IN PROVENZA

Ma come arrivare in Provenza? Questa regione francese è a un passo dall’Italia, più precisamente dal confine con la Liguria (dista solo 200 km da Ventimiglia), e può essere facilmente raggiunta con diversi mezzi di trasporto come l’aereo. L’aeroporto principale della Provenza è quello di Marsiglia, vicino a Aix-en-Provence. Da qui tutti borghi sono molto vicini e una volta atterrati basterà arrivare in centro città (molto ben collegato) oppure noleggiare un’auto. In alternativa c’è l’aeroporto di Nizza, che si trova in Costa Azzurra ed è servito da voli di compagnia e low-cost, ma ovviamente il tratto da percorrere fino al cuore provenzale sarà più lungo ma decisamente scenografico. Aereo a parte, il miglior modo per arrivare in Provenza è con l’auto dalla nostra Penisola, godendo di “cartoline”, comodamente seduti sul sedile,per un viaggio on the road che profuma di eterna primavera.
In macchina: prendere l’A10 Genova-Ventimiglia, che una volta superato il confine diventa l’A8 francese. Le strade sono in buone condizioni e ben segnalate: sarà uno spasso organizzare il tour provenzale. Ricordatevi di rispettare la velocità, di munirvi di spiccioli per pagare al casello e di tenervi pronti a immortalare i paesaggi dal finestrino.
In treno: il viaggio in treno è perfetto per chi ha diverso tempo da spendere, perché esistono pochi collegamenti tra l’Italia e la Provenza e sarà necessario fare almeno 2 cambi per le seguenti tratte: Roma, Milano, Venezia e Ventimiglia. Esistono però dei collegamenti diretti, come quello giornaliero di Milano-Marsiglia (con fermata a Nizza) operato da Thello, o il più lento ma scenografico Cuneo-Ventimiglia-Nizza che con circa 4 ore collega il Piemonte con le Alpi Marittime. L’altra soluzione è il treno notturno per la Provenza che si chiama Riviera (Trenitalia) e che in una notte arriva a Nizza partendo da Napoli, Roma, Firenze, Pisa e Venezia. Info utili su: Thello, Trenitalia, Société Nationale des Chemins de Fer Français.
In autobus: volete evitare lo stress al volante e godere dei magnifici paesaggi provenzali? Allora affidatevi all’autobus: sono molte le compagnie che collegano l’Italia con la Provenza, tra queste OUIBUS e Eurolines.

CLIMA IN PROVENZA: QUANDO ANDARE E COSA PORTARE IN VALIGIA

Il clima provenzale è mediterraneo, probabilmente il migliore di tutta la Francia grazie all’influsso mite del mare che mitiga gli inverni e rinfresca le estati. Ovviamente il clima cambia a seconda delle zone: in quella costiera le estati sono calde ma accarezzate dal vento piacevole, in terre paludose come la Camargue diventano addirittura afose. Il vento Maestrale tende ad abbassare le temperature in inverno ma spazza via le nuvole e regala spesso un cielo terso senza nuvole, basti pensare che nelle belle giornate d’autunno/inverno si superano facilmente i 20°C. In estate potrete incappare in veloci acquazzoni ma comunque vi consigliamo questa stagione per visitarle la Provenza, in particolare da maggio quando le giornate si allungano e si risveglia la natura. Luglio è il mese della fioritura della lavanda, quindi il migliore per immortalare il viola delle campagne e per respirare il profumo inebriante di questa pianta simbolo. Cosa mettere in valigia in Provenza? Abiti leggeri per il giorno, un maglioncino per la sera, scarpe comode per camminare e un ombrello per le piogge che potreste incontrare.

COSA VISITARE IN PROVENZA: I “MUST TO SEE”

LUBERON

Iniziamo dal Luberon, il massiccio che si estende tra i dipartimenti delle Alpi dell’Alta Provenza e del Vaucluse, celebri per la lavanda in fiore e i villaggi arroccati sui monti. Questo è uno degli angoli di Francia dove l’aria è tra la più pure e dove la vita scorre lentamente rispettando il ritmo della natura. Qui si trovano borghi degni di grandi set cinematografici, come Bonnieux dove è stato girato il film “Un’ottima annata”.

Luberon

ITINERARIO DELLA LAVANDA

Provenza fa rima con lavanda. Allora perché non percorrere il suo celeberrimo Itinerario della Lavanda? Un percorso di 65 km che riuscirete a fare in auto anche in solo giorno e che vi consigliamo di intraprendere nel momento della fioritura, tra giugno e luglio, quando è tutto viola. Si parte da Cavaillon e si incontrano tanti villaggi come Coustellet e Chateau du Bois, che entrambi vantano il Museo della Lavanda.

Lavanda

AIX-EN-PROVENCE

Charmante, Aix-en-Provence è una delle più belle città francesi da visitare in un tour delle Provenza. Va vissuta senza fretta, esplorando le sue piazze, arricchite da edifici nobiliari e fontane zampillanti, un leitmotiv cittadino: ne trovate ben tre solo al Cours Mirabeau. Se decidete di dormire qui prenotate in uno dei tanti hôtels particuliers, palazzi privati dove è possibile soggiornare e respirare una tipica aria provenzale.

Fontaine de la Rotonde, Aix-en-Provence

GOLE DEL VERDON

Un grande fiume verde smeraldo spacca la terra per 25 km creando uno degli spettacoli più belli di Provenza: le Gole del Verdon. Si tratta di un canyon dove pareti di roccia cadono in verticale nelle acque per un colpo d’occhio senza pari, da gustare dall’alto lungo le stradine da percorrere in auto oppure dal basso, a bordo di un kayak. Tantissime le attività da fare in questa zona incastonata nel dipartimento del Var.

Gole del Verdon

ARLES

Una città più romana che francese, possiamo dire. Arles è stata fondata dai Romani lungo le sponde del fiume Rodano e mantiene ancora oggi un aspetto glorioso, come nel passato. Tracce di questa importante fondazione si ritrovano in monumenti come il Teatro Antico, Les Arènes, uno splendido esempio di anfiteatro romano o le Terme di Costantino, fatte costruite personalmente dall’imperatore per i suoi bagni.

Anfiteatro, Arles

RUSTREL E IL COLORADO PROVENZALE

Rustrel è un villaggio famoso per le sue cave d’ocra, ribattezzate come il Colorado Provenzale: formazioni rocciose decisamente bizzarre caratterizzate da un colore arancione acceso e da macchie di verde (pinete) color smeraldo. Questo borgo è collegato a Gargas e Roussillon grazie a un itinerario di 22 km da percorrere in auto e a piedi che viene chiamato l’Itinerario delle Ocre. Divertitevi con i colori della terra!

Rustrel

AVIGNONE

Sur le pont d’Avignon, l’on y danse, l’on y danse…Avignone, adagiata sulla riva sinistra del Rodano, custodisce tanti tesori, uno dei quali è divenuto addirittura il protagonista di una celebre canzone. Stiamo parlando del Ponte Saint-Bénézet, o Pont d’Avignon, visitabile con un biglietto cumulativo insieme al Palazzo dei Papi, il simbolo cittadino. Se siete di passaggio cercate di capitare al tramonto quando strega con i suoi colori.

Pont Saint Bénezet, Avignone

MARSIGLIA

Una città multietnica che vanta quartieri riqualificati e un’accesa vita culturale è Marsiglia, Capitale Europea della Cultura nel 2013. Il suo Vieux Port, fra il forte Saint-Jean e il forte Saint-Nicholas, ha visto attraccare navi da tutto il mondo anche se sono i pescherecci la vera attrazione: a proposito non perdetevi il mercato del pesce che ogni mattina alle 8 anima il Quai des Belges. L’arte è di casa nel quartiere Le Panier.

Marsiglia

CALANQUES

A tratti inaccessibili, le Calanques sono le calette più belle di tutta la Provenza, caratterizzate da acque turchesi circondate da insenature di roccia e incorniciate da una fitta vegetazione. Per accedervi si possono intraprendere dei sentieri a piedi anche se il modo migliore per esplorarle è con gite in barca in partenza da Marsiglia, La Ciotat o Cassis. Quest’ultimo è un porto di pescatori pittoresco che vi consigliamo di visitare.

Calanques, Cassis

NÎMES

Tra Avignone e Montpellier, c’è una città che merita una visita anche se sarà necessario varcare i confini della meravigliosa regione dell’Occitania. Stiamo parlando di Nîmes, strettamente legata all’antica Roma. Il passaggio dei Romani è palese nel momento in cui ci si trova davanti a Les Arènes, un vero e proprio anfiteatro in pietra, cugino stretto del Colosseo. Tra le attrazioni da non perdere, il tempio de La Maison Carrée.

La Maison Carrée, Nîmes

ISOLE HYÉRES

Natura incontaminata e mare cristallino fanno delle Isole Hyéres uno degli arcipelaghi più paradisiaci d’Europa. Le tre isole di Le Levant, Port-Cros e Porquerolles sono talmente preziose che anche i Romani ne rimasero stupiti battezzandole “le isole d’oro”. Questi gioielli della Costa Azzurra si raggiungono dalla penisola di Giens o dalla città di Hyères, con collegamenti marittimi di 20/30/60 minuti a seconda della destinazione.

Porquerolles, Isole Hyéres

LES VILLAGES PERCHÉS

Les Villages Perchés della Provenza sono letteralmente i villaggi arroccati, solitamente medievali, che abbarbicati sulla roccia costellano il verdeggiante territorio di questa meravigliosa regione di Francia. Questi piccoli borghi sono caratterizzati da dedali di vie, casette provenzali rimesse a nuovo e un’atmosfera magicamente rilassante. Tra quelli da non perdere assolutamente: Gordes, Saint-Paul-de-Vence e Les Baux des Provence.

Gordes, Les Villages Perchés

GRASSE E IL PROFUMO

Grasse è la capitale del profumo. Lavanda, gelsomino, mimosa e tanti altri fiori furono utilizzati dai primi profumieri per aromatizzare i guanti delle nobildonne e così fecero gran fortuna alla corte di Francia. Il borgo nasconde una miriade di parfumeries che vendono essenze rare. Tre le case-museo del profumo da non perdere (Fragonard, Galimard e Molinard), dove scoprire i segreti della distillazione e creare una propria essenza.

Fragonard, Grasse

CAMARGUE

A sud di Arles si apre la selvaggia Camargue, una zona umida di laghi, paludi e risaie (75.000 ettari) che regala al visitatore un piccolo mondo antico legato alle tradizioni e alla natura, che qui regna sovrana. Incapperete facilmente in branchi di cavalli bianchi allo stato brado, in stormi di fenicotteri rosa al tramonto, in mandrie di tori arditi e in gruppi di guardian (butteri) col cappello in feltro e di gitani con la chitarra in mano.

Fenicotteri, Camargue

COSTA AZZURRA

Una volta in Provenza non potete perdervi un’incursione in Costa Azzurra, il leggendario tratto di mare che va da Mentone a Cannes (prosecuzione della costa ligure) e che riempie gli occhi con spiagge bianche, hotel lusso, borghi gioiello e promenades che hanno fatto storia. La sua “capitale” è Nizza, celebre per la sua Baia degli Angeli, la Passeggiata degli Inglesi, i mercati gastronomici, le gallerie d’arte e il Carnevale.

Baia degli Angeli, Nizza, Costa Azzurra

CONSIGLI & CURIOSITÀ

Abbazia di Sénanque, Vaucluse

Volete sapere qual è la cartolina più conosciuta nel mondo di tutta la Provenza? La meravigliosa distesa di viola davanti l’Abbazia di Sénanque in Vaucluse.

Sull’Ile de Porquerolles noleggiate una bici e raggiungete la bellissima e paradisiaca spiaggia solitaria sulla costa nord dell’isola: Plage de Notre-Dame

Una specialità da provare a tavola? La Bouillabaisse, una gustosissima zuppa tradizionale fatta con gli scarti di pesce e tante verdure a pezzetti.

Arles è la città della maison jeaune, la “casa gialla” che Van Gogh abitò insieme a Gauguin per circa nove settimane a partire dall’ottobre del 1888.

Il meraviglioso Pont del Gard non è un ponte ma un acquedotto romano, che tutti possono ritrovare disegnato stilizzato sulla banconota da cinque euro.

Se siete amanti del cinema e di paesaggi da cartolina visitate La Ciociat, la cittadina provenzale scelta dai fratelli Lumière per la loro prima pellicola.

Un’altra specialità dal sapore decisamente provenzale è il dolce miele delle api al Mas des Abeilles di Bonnieux, produttore specializzato nel miele di lavanda.

Lungo le orme di Cézanne: il giro inizia dal suo Atelier, un luogo magico sulla collina di Lauves. Qui tutto è rimasto intatto, a partire dalle tele.

La strada che collega Grillon e Richerenches, immersa nei campi di lavanda, è anche zona di tartufi da degustare nelle locande e nelle aziende del percorso.

Imperdibile un giro al mercato provenzale di Aix-en-Provence, dove trovare tanti prodotti tipici dai saponi ai formaggi. Ultima tappa, le Thermes Sextius.

Saponi, Aix-en-Provence


Per conoscere i prezzi di tutte le destinazioni del mondo, in ordine dalla più economica alla più costosa, potete utilizzare l’opzione di ricerca Ovunque di Skyscanner e organizzare viaggi fantastici ai prezzi migliori!

I 10 paesi più belli della Francia

19 Incredibili road trip in Europa

15 Cose bellissime da vedere a Lione, Francia

Un week end romantico per 15 diversi tipi di coppia

I 7 Fenomeni naturali più rari del Mondo

Skyscanner è il motore di ricerca viaggi leader al mondo che vi aiuta a cercare voli, autonoleggio e hotel al prezzo più basso.

Mappa