Home notizie Cosa vedere a Reggio Emilia: 10 posti da non perdere

Tutti gli articoli

Cosa vedere a Reggio Emilia: 10 posti da non perdere

Chiostri di grande fascino, piazze piene di vita, antiche botteghe artigiane, formaggi dop famosi in tutto il mondo e grandi opere di architettura industriale: se non sapete cosa vedere a Reggio Emilia, ecco la nostra guida! 10 cose da vedere e fare nella bellissima città dell’Emilia-Romagna, un grazioso pezzo d’Italia dove si mangia davvero bene e si passeggia piacevolmente tra tesori d’arte antica e contemporanea.

Reggio Emilia promette grandi cose fin dall’autostrada, quando tutt’a un tratto il verde della Bassa Padana è spezzato dal bianco della Stazione Mediopadana, opera di Santiago Calatrava. Una volta in centro, le sorprese continuano con le piazze vivaci, le dimore storiche e le botteghe artigiane. Dopo una giornata trascorsa alla scoperta dei tesori antichi e moderni della Città del Tricolore, fermatevi a fare un aperitivo “local” in cocktail bar d’autore come il Jigger e non partite senza aver provato l’erbazzone, una gustosa torta salata a base di spinaci, bietole, ricotta, cipolle e sua maestà il Parmigiano Reggiano, il formaggio DOP a pasta dura più famoso e invidiato del mondo! Ecco allora cosa vedere e cosa fare a Reggio Emilia.

Scopri di più: Alla scoperta delle città dei motori in Emilia Romagna

Mappa

Come arrivare a Reggio Emilia e come spostarsi

Prima di raccontarvi cosa vedere in città, le informazioni pratiche: il modo più semplice e comodo per raggiungere Reggio Emilia è in treno, scendendo alla stazione Reggio Emilia AV Mediopadana, situata a Mancasale, a circa 4 chilometri dal centro storico. La città può anche essere facilmente raggiunta in auto, percorrendo l’Autostrada A1 Milano-Napoli. In alternativa, potete arrivare a Reggio Emilia in aereo, atterrando nel vicino Aeroporto di Bologna, distante circa 65 km, oppure optando per Milano Linate (circa 150 km) o Bergamo Orio al Serio (circa 190 km). Una volta atterrati vi consigliamo di noleggiare un’auto, per poter esplorare in piena libertà la città e la provincia.

Cosa vedere a Reggio Emilia: 10 posti imperdibili

1. Piazze di Reggio Emilia

Scorci romantici, via vai di persone, botteghe aperte, profumo di buono e un itinerario lungo circa 1 chilometri che vi porterà alla scoperta delle piazze più belle di Reggio Emilia. Il percorso, percorribile in appena 10 minuti, parte da Piazza della Vittoria, la più grande di tutte, e dalla vicina Piazza Martiri del 7 Luglio, che il martedì e il venerdì ospita un vivace mercato – che pure è una cosa da vedere, se capitate in città nei giorni giusti. Da qui proseguite fino a Piazza Cesare Battisti, dove si trova il Palazzo del Monte di Pietà, sede dell’antico comune, poi dopo aver camminato per Via Emilia, la via principale che attraversa il centro storico, entrate in Piazza Prampolini, salotto cittadino dove si trovano il Battistero, il Palazzo Vescovile, la Cattedrale, il Palazzo dei Canonici, il Palazzo del Comune, il Palazzo delle Notarie… Dopo aver attraversato il Vicolo Broletto, entrate in Piazza San Prospero (alla quale dedichiamo il paragrafo successivo) e concludete la passeggiata a Piazza Fontanesi detta “la parigina” per la sua atmosfera raffinata senza tempo, con gli alberi al centro, le caffetterie d’antan, i locali per l’happy hour e le dimore eleganti tutte intorno. Perché Reggio va vissuta a piedi, senza fretta…

2. Basilica di San Prospero

Percorrendo il percorso porticato del Broletto, risalente al lontano 1488 e caratterizzato da botteghe di vario genere, antiche e nuove, dove vi consigliamo di entrare, si accede alla bellissima Piazza San Prospero, anche conosciuta col nome di “Piasa cica”, ossia “Piazza Piccola”. I vostri occhi saranno subito rapiti dalla facciata risalente al XVIII secolo della Basilica di San Prospero, dedicata al Vescovo Prospero, poi divenuto patrono della città e caratterizzata dalla svettante torre campanaria. Prima di entrare ad ammirare il “Giudizio Universale” dell’artista bolognese Camillo Procaccini e il prezioso coro in legno intarsiato, un vero capolavoro, fotografate i sei grandi leoni stilofori dell’inizio del Cinquecento attribuiti a Gaspare Bisi, che tutti insieme ornano magnificamente il sagrato.

3. Museo del Tricolore

Una cosa assolutamente da vedere a Reggio Emilia, cari italiani, è senza dubbio il Museo del Tricolore, allestito all’interno del Palazzo del Comune. Articolato su ben tre livelli, espone con grande cura i documenti e i cimeli riguardanti la storia della nostra bandiera nazionale, con le varie forme che assunse nel tempo: resterete stupiti dalla particolarità delle opere facenti parte del progetto “Novanta artisti per una bandiera”. Il museo è annesso alla Sala del Tricolore, anche questa gratuita. Viaggiatori patriottici, visitate pure questa sala dove il 7 gennaio del 1797 si riunirono i rappresentanti delle città libere di Reggio, Modena, Bologna e Ferrara per proclamare la Repubblica Cispadana, scegliendo il vessillo nei colori verde-bianco-rosso, poi divenuto nel 1848 bandiera nazionale! Questi spazi fanno parte dei Musei Civici Reggio Emilia: scopriteli tutti e innamoratevi di questa città di grande cultura e libertà. 

4. Chiostri di San Pietro

Una vetrina internazionale per Reggio Emilia sono i Chiostri di San Pietro. Recentemente restaurati e riaperti al pubblico, ora sfoggiano le pareti affrescate che furono ricoperte da un tremendo e ingiustificato strato di calce negli Anni Cinquanta. L’ex Monastero che apparteneva ai Monaci Benedettini divenne magazzino militare prima, sede del Tribunale di Giustizia poi, e sede dell’Educandato delle Fanciulle ancora dopo. Oggi questo antico complesso monastico, caratterizzato da due chiostri di diverse dimensioni, ospita grandi eventi e manifestazioni, come quella tutta dedicata alla Fotografia Europea.

5. Chiostro della Ghiara

Un altro chiostro, ancor più suggestivo del precedente e tutto dedicato all’incontro e allo spettacolo, è il bellissimo Chiostro della Ghiara, in Via Guasco 6. Questo è uno dei luoghi più belli di Reggio Emilia, dove dal mercoledì al sabato si svolge un interessante calendario di eventi, tra aperitivi sotto le stelle, mostre fotografiche e specialità locali. 

6. Teatro Municipale Romolo Valli

Copre un’area di 3.890 mq, sfoggia un colonnato dedicato alla commedia e alla tragedia e ogni anno ospita una prestigiosa stagione lirica, concertistica e di balletto. Stiamo parlando del Teatro Municipale Romolo Valli, una delle cose da vedere e vivere a Reggio Emilia, soprattutto se siete amanti del bello. Sempre se non volete assistere a un concerto, prenotate una visita guidata scrivendo all’indirizzo visiteguidate@iteatri.re.it oppure chiamate lo 0522458998, per entrare in questo maestoso complesso costruito tra il 1852 e il 1857 e dedicato all’attore reggiano Romolo Valli. Bellissimi i palchi, magnifico l’Astrolampo, lo storico lampadario, immensa la biblioteca di musica e spettacolo, che custodisce un patrimonio di 7000 volumi, 1500 libretti d’opera, partiture e spartiti. 

7. Biblioteca Panizzi

Se siete lettori amanti del profumo di vecchi libri e di romantiche atmosfere senza tempo vi consigliamo di entrare nella storica Biblioteca Panizzi, in Via Farini 3, all’interno del sontuoso Palazzo San Giorgio. La principale biblioteca comunale di Reggio Emilia vi permetterà di documentarvi o magari rilassarvi in una sala affrescata niente meno che dall’artista contemporaneo statunitense Sol Lewitt! Spazio anche ai più piccoli, che hanno a loro disposizione una sala lettura “su misura”, mentre i meno giovani saranno intenti a sfogliare riviste, manoscritti e giornali. Se ci capitate durante il periodo estivo cercate di non perdervi uno dei tanti reading organizzati nel grazioso cortile esterno.

8. Collezione Maramotti

Con ingresso gratuito ma con prenotazione obbligatoria (le visite guidate alla collezione permanente partono il giovedì e il venerdì alle 15.00; il sabato e la domenica alle 10.30 e alle 15.00) potrete accedere all’interno della meravigliosa Collezione Maramotti, prima sede produttiva di Max Mara, celebre casa di moda reggiana, convertita in una galleria privata di arte contemporanea. Al civico 66 di Via Fratelli Cervi vi aspettano due piani e ben 43 sale per un’esposizione di oltre 200 opere, tra installazioni, dipinti e sculture riguardanti le principali tendenze artistiche italiane e internazionali dal 1945 fino ai giorni nostri. Tra gli artisti in mostra: Piero Manzoni, Jannis Kounellis, Fontana, Burri, Schifano, Basquiat, Schnabel, Fischl e tanti altri ancora.

9. Stazione Mediopadana & Ponti di Calatrava

Reggio Emilia è anche una città dove incontrare diversi esempi di architettura industriale e futuristica, e grande merito va senz’altro all’archistar spagnolo naturalizzato svizzero Santiago Calatrava, il quale ha plasmato e articolato con onde e forme scintillanti il piatto paesaggio della Bassa Padana. Ipnotizza la fermata della Stazione Mediopadana posta sulla linea Reggio Emilia-Guastalla, con la sua ripetizione di bianchi portali in acciaio, mentre incantano i tre ponti, chiamati “Le Vele“, posti sull’Autostrada A1, che insieme fanno parte di un immenso progetto di riqualificazione di tutta l’area nord cittadina, trasformando il casello autostradale in un museo a cielo aperto. Una cosa top da vedere a Reggio Emilia, se siete amanti dell’architettura!

10. Pietra di Bismantova

Un viaggio a Reggio Emilia non è completo senza una passeggiata nella natura a una manciata di chilometri dal centro città, magari nel comune di Castelnovo ne’ Monti, dove si trova una montagna davvero speciale. La Pietra di Bismantova ricorda vagamente l’Ayers Rock, ma invece di trovarsi nel mezzo del deserto rosso australiano si innalza al centro dell’Appennino Reggiano. Per esplorare questo massiccio solitario dalle bianche pareti scoscese, risalente al Miocene medio inferiore, vi consigliamo di affrontare il medio-facile Percorso 1 che con una lunghezza di 16.4 km e un dislivello di 123 m vi garantisce la migliore visione di spettacolo della natura a due passi da Reggio. 

Cosa vedere a Reggio Emilia

10 attrazioni da non perdere a Reggio Emilia

Cosa vedere a Reggio EmiliaPerché andare?Per chi?
Percorso delle PiazzePer vivere il cuore pulsante della cittàTuristi
Basilica di San ProsperoPer ammirare la chiesa più preziosaStorici
Museo del TricolorePer sentirsi italiani più che maiPatriottici
Chiostri di San PietroPer vedere il complesso monastico rinnovatoCuriosi
Chiostro della GhiaraPer gustarvi un evento sotto il chiostroMondani
Teatro Municipale Romolo ValliPer entrare in un grandioso teatro municipaleMelomani
Biblioteca PanizziPer leggere o sfogliare grandi libriLettori
Collezione MaramottiPer visitare una collezione contemporaneaArtistici
Stazione Mediopadana & Ponti di CalatranaPer fotografare incredibili architettureDesign-lovers
Pietra di BismantovaPer camminare sull’Appennino ReggianoTrekkers

Per conoscere i prezzi di tutte le destinazioni del mondo, in ordine dalla più economica alla più costosa, potete utilizzare l’opzione di ricerca “Ovunque” di Skyscanner e organizzare viaggi fantastici ai prezzi migliori!


Potrebbero interessarvi anche:

Le 10 spiagge più belle della Romagna

10 Cose da vedere a Parma per un weekend speciale

Weekend in Emilia Romagna sulle tracce della Via Emilia

Piacenza, cosa vedere in città e nei dintorni

19 città italiane da visitare nel 2019


Skyscanner è il motore di ricerca viaggi leader al mondo, che vi aiuta a cercare voli, autonoleggio e hotel al prezzo più basso.