Home notizie Quartieri di Roma, scoprire la città eterna dal Pigneto a Monti

Tutti gli articoli

Quartieri di Roma, scoprire la città eterna dal Pigneto a Monti

Roma, la Città Eterna, con la sua bellezza multiforme, sa affascinare chiunque la visiti o la viva. Ciascuno dei quartieri della Capitale è una meta da esplorare, in cui è visibile l’affascinante storia imperiale che convive con una romanità in continua trasformazione. Dopo avervi raccontato i quartieri di Milano, Skyscanner vi porta alla scoperta dei quartieri di Roma.

Roma è un tessuto pregiato, una trama ricchissima di colori e di ricami, una tela preziosa che intreccia sapientemente tante sfaccettature e tante anime diverse. Anime che caratterizzano i diversi quartieri e rioni della Capitale: piccoli e grandi paesi nella città, ognuno autentico e unico, ognuno con la propria identità ben definita e di cui gli abitanti vanno orgogliosi, spesso profondamente diversi tra loro ma davvero tutti bellissimi.

Per questo, non è stato facile selezionare solo alcuni quartieri e – forse – tra questi mancherà il vostro preferito o quello in cui abitate. Ma, una volta ribadito che tutti sono degni di nota, ci siamo concentrati su quelli che oggi sembrano essere più di tendenza, e quindi imperdibili.

Seguiteci per un tour che vi sorprenderà: viaggeremo tra natura, arte, archeologia e architettura, ma anche tra gastronomia, magia e curiosità varie. Dal Pigneto a Ostiense, da Monti al quartiere Coppedè: street art, cucina tipica, locali di tendenza e piazze assolate e chiassose. Roma è davvero tutta da vivere e per vederla, è vero, non basterebbe una vita. Ma bisogna pure iniziare: prenotate subito un biglietto!

Scopri di più: 10 cose da fare gratis a Roma

Quartieri di Roma

Trova tutti i voli economici per Roma

Monti e Trastevere

Cominciamo con Monti, una perla nel pieno centro di Roma. Un dedalo di stradine tortuose vi farà dimenticare la frenesia della città e il romanticismo s’impadronirà di voi in un battibaleno: qui l’edera si arrampica sui muri, le piazzette risuonano di chiacchiere e risate, i localini curati al dettaglio sanno accogliere gli ospiti con eleganza e cortesia e le boutique artigiane sono sinonimo di qualità e originalità. Non perdete il Mercato Monti, in cui acquistare pezzi unici per voi o per un souvenir d’effetto. E poi dedicatevi all’aperitivo: potrete scegliere tra portate sofisticate e più classici taglieri di salumi e formaggi. Qui non perdete la bellissima Basilica di Santa Maria Maggiore e la Chiesa di San Pietro in Vincoli, con il Mosè di Michelangelo e, attraversando via Panisperna, raggiungete la Salita del Grillo, che prende il nome dall’omonimo palazzo con la torre: qui Monicelli ha girato Il Marchese del Grillo con Alberto Sordi.

E per finire naturalmente la passeggiata ai Fori Imperiali: il Foro di Cesare, il Foro di Augusto, il Foro di Nerva, il Foro di Traiano, la Domus Aurea, per un giro d’eccezione e soprattutto gratuito nella macchina del tempo, che vi porterà a ritroso nei secoli. Davvero immancabile.

Quartieri di Roma: Fori Imperiali

Quartieri di Roma, i Fori Imperiali

Come immancabile, se cercate l’anima autentica di Roma, una sosta a Trastevere. Simbolo di una “Roma sparita”, eppure al tempo stesso “ritrovata”, questo quartiere, dal nome latino Trans Tiberim, al di là del Tevere, è pittoresco e suggestivo, sia di notte che di giorno, pieno zeppo com’è di trattorie in cui gustare i piatti tipici della cucina romana a prezzi competitivi e di vicoli di mura rossicce in cui si esibiscono artisti di strada, di botteghe e bancarelle di artigiani… insomma, il posto perfetto in cui godere della splendida atmosfera della capitale.

Quartieri di Roma: Trastevere

Santa Maria in Trastevere e Santa Cecilia sono davvero belle e se avete tempo fate un salto anche al Museo di Roma in Trastevere. Di solito le esposizioni sono interessantissime. Dopo tutto questo camminare avrete bisogno di energie: consigliatissima una fermata rigenerante presso uno dei chioschi delle grattachecche. Come non sapete di che si tratta? Mooolto male, andate subito a scoprirlo!

Scopri di più: I 10 hotel più esclusivi di Roma

Quartieri di Roma: Trastevere

Quadraro e Testaccio

A Roma, lo sapete benissimo, l’arte non è solo nelle pinacoteche e nelle gallerie. E non sono di certo solo questi i quartieri in cui ammirare i musei a cielo aperto della street art: da Ostiense – con le bellissime opere dell’artista italiano Blu – a San Lorenzo – coi graffiti della ormai nota Alice Pasquini -, da San Basilio a Tor Marancia, da Prenestina a Rebibbia – con il recente mammut di Zerocalcare -, Roma è sempre di più ricca di opere incredibili che hanno saputo riqualificare zone periferiche, dismesse, industriali o semi abbandonate.

Quartieri di Roma: Tor Marancia

Abbiamo scelto, per cominciare, il Quadraro, un tempo borgata periferica che rinasce e si vivifica ogni giorno di più anche grazie a questi capolavori. Qui nasce addirittura il Museo di Urban Art di Roma – M.U.Ro., nato da un’idea dello street artist David Daivù Vecchiato, che è una collezione di opere di urban artist di tutto il mondo realizzate per i cittadini, da artisti quali Alice Pasqualini, Ron English, Lucamaleonte, Alessandro Sardella.

Una delle opere più significative e belle della zona è Nido di vespe, di Lucamaleonte, che ricorda il rastrellamento del Quadraro nel 1944, quando il quartiere dall’anima antifascista era chiamato proprio "nido di vespe".

E poi spostatevi al Testaccio, poco lontano da Ostiense: tutta l’area intorno alla Città dell’Altra Economia ospita esempi di street art di altissimo livello, tanto all’interno dell’Ex Mattatoio quanto nelle vie circostanti. Un esempio fra tutti è il Jumping Wolf di ROA, in via Galvani, una versione innovativa della lupa capitolina. Che il tour della street art abbia inizio!

Scopri di più: Le 10 migliori Cacio e Pepe di Roma

San Lorenzo e Pigneto

Tra baffi arricciati e barbe hipster, tra showroom di tendenza, locali vegani e biciclette, questi quartieri sono un mix vincente di culture diverse e di architetture popolari e industriali.

San Lorenzo è il quartiere universitario per antonomasia, vicinissimo all’università La Sapienza: nato come area proletaria antifascista, in cui è facile rintracciare i segni di un passato nemmeno troppo antico – tra bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale e del boom industriale – oggi è un posto che fa del multiculturalismo la sua bandiera, tra mercati all’aperto in cui vivere la vita di quartiere, associazioni impegnate nel sociale e una miriade di localini in cui trascorrere dolci ore di relax con gli amici e ascoltare musica dal vivo. Non dimenticate di fare un salto al bellissimo Cimitero Monumentale del Verano, che vi sorprenderà.

Quartieri di Roma: Verano

Così come il Pigneto, vivacissimo e trasandato al contempo, in cui non troverete certo il tempo per annoiarvi, tra un aperitivo al Bar Necci – famoso per essere una location del film Accattone di Pasolini – e una cena etnica. Amato dai neorealisti che lo scelsero come scenario per molti film, da Roma Città Aperta di Rossellini a Bellissima di Luchino Visconti, il Pigneto deve il suo nome alla presenza di una lunga fila di pini lungo il muraglione della settecentesca villa Serventi. Godetevi la movida romana all’interno della popolata area pedonale e per un attimo staccate la spina: siete nel posto giusto!

Scopri di più: I 20 quartieri più hipster del mondo

Quartieri di Roma

Garbatella e Ostiense

Il quartiere che mi piace più di tutti è la Garbatella. Me ne vado in giro per i lotti popolari. Ma non mi piace vedere solo le case dall’esterno, ogni tanto mi piace vedere anche come sono fatte dentro. E allora suono a un citofono e faccio finta di fare un sopralluogo, che sto preparando un film. A parlare è Nanni Moretti in Caro Diario. Il fascino della Garbatella colpirà anche voi, coi suoi austeri condomini e le piazze squadrate costruite durante l’epoca fascista che affiancano, per contrasto, bellissime ville e palazzi che subiscono, invece, influenze architettoniche del “barocchetto romano” , per un risultato bellissimo. L’aerea è piena di spazi verdi e il fermento artistico lo si rintraccia anche grazie alla presenza di centri culturalmente rilevanti come il Teatro Ambra alla Garbatella e il Teatro Palladium. Fate un salto alla "chiesoletta" dei santi Isidoro e Eurosia adiacente alla Chiesa di San Filippo Neri, alla celebre Fontana di Carlotta e, poco distante, alle Catacombe di San Callisto.

Lo spirito popolare e la vita di quartiere sono il filo rosso che lega la Garbatella al quartiere Ostiense: romanità pura e schietta, in queste zone, che vi farà sentire a casa qualunque sia la vostra provenienza. Ostiense è oggi tra le zone più in voga quanto a locali e vita notturna: Via del Porto Fluviale è l’arteria principale in cui troverete pub, bar, ristoranti, caffè letterari e chi più ne ha più ne metta, per fare quattro chiacchiere o assaggiare tipiche pinse romane o veloci finger food. Ma Ostiense non è solo questo: qui troverete la Centrale Montemartini, trasformata in uno spazio d’arte; la Basilica di San Paolo fuori le Mura; la Piramide Cestia, proprio a ridosso delle Mura Aureliane, che fu eretta nel 12 a.c. come sepolcro per Gaio Cestio Epulone; l’affascinante cimitero acattolico, al cui interno ci sono le tombe di Antonio Gramsci e John Keats e, per finire, il Gazometro, simbolo identitario di questo quartiere che nacque come zona industriale. Gustatevi lo spettacolo del sole che tramonta dietro l’intreccio delle travi in ferro, con lo sguardo dritto al futuro.

#autumn#friends#love

A post shared by Gianluca e Achille.Rome.Italy (@gianlucaspt) on

I quartieri del centro storico di Roma

Avete nostalgia degli anni sessanta e della Dolce Vita romana? Avete voglia di sentirvi immensi e, insieme, minuscoli? Abbiamo la soluzione: quel che ci vuole è una passeggiata nel centro storico di Roma, racchiuso all’interno delle mura aureliane e di quelle gianicolensi, talmente bello e prezioso che è stato set cinematografico di un’infinità di film, nonché Patrimonio dell’Umanità UNESCO. Cominciamo il tour proprio da largo Federico Fellini, per proseguire lungo la lussuosa via Veneto, sfarzosa coi suoi negozi alla moda e i suoi caffè.

Quartieri di Roma

La bella Piazza Barberini, al termine della strada, con la Fontana del Tritone di Bernini, vi ammalierà, così la celeberrima Fontana di Trevi, non troppo distante, che vi riporterà alla mente la storica scena felliniana, grazie alla bellezza raffinata di Anita Ekberg e di Marcello Mastroianni. E ancora giù per via delle Muratte, fino alla raccolta e bellissima Piazza di Pietra, con il Tempio dedicato all’Imperatore Adriano, a due passi dal Pantheon e da Piazza Navona, emblema della Roma Barocca con la Fontana dei Quattro Fiumi di Bernini. E ancora Piazza di Spagna, con la Fontana della Barcaccia e la scenografica scalinata che porta alla Chiesa di Trinità dei Monti.

Quartieri di Roma: Piazza Navona

Imperdibile il Gianicolo, col Tempietto del Bramante e il Fontanone dell’Acqua Paola. E ancora la bella Santa Sabina, le Terme di Caracalla e il Giardino degli Aranci, sul colle Aventino, dove Jep Gambardella (ne La Grande Bellezza di Sorrentino) scopre una suora intenta a cogliere i frutti da un albero.

Potremmo davvero non finire mai di raccontare le meraviglie della Città Eterna. Ma soprattutto, per ogni angolo di Roma ci sarebbero da ricordare mille storie, intrecciate più o meno strettamente alla grande Storia. Il modo migliore è perdervi tra scorci pazzeschi e scoprire di persona tesori incredibili. Buona esplorazione.

Scopri di più: i 20 Siti Unesco più spettacolari d’Italia

Pantheon

Quartieri di Roma: Gianicolo

Trieste e Nomentano

Terminiamo il nostro giro romano in maniera inusuale: Roma nascosta, Roma inaspettata, Roma ricca di tesori. Esploriamo il quartiere Coppedè – che prende il nome dal suo ideatore Gino Coppedè, scultore, architetto e decoratore italiano. Coppedè è in realtà una zona del quartiere Trieste, forse poco conosciuto ma di certo uno dei più caratteristici della città intera, tra Piazza Buenos Aires e Via Tagliamento.

Palazzine e villini meravigliosi conquisteranno subito la vostra attenzione, in un mix di stili che va dal Liberty all’Art Decò, passando per l’arte greca, gotica e barocca. Vi sembrerà di passeggiare tra le pagine di un libro di favole, tra fate e folletti: vi basterà, infatti, oltrepassare l’arco decorato tra due palazzi storici e sarete catapultati in un regno fantastico, tra bassorilievi, asimmetrie, mascheroni, lampadari in ferro battuto, marmi colorati, fregi bellissimi e la splendida Fontana delle Rane, che prende spunto dalla più famosa Fontana delle Tartarughe del Bernini e che ci riporta alla mente un curioso aneddoto che riguarda nientemeno che i Beatles!

Quartieri romani: Coppedè

E se avete ancora bisogno di stupore, di magia e di incanto, la Casina delle Civette è quel che fa per voi, all’interno di Villa Torlonia, nel quartiere Nomentano. La Villa è frequentata da coloro che amano lo sport all’aria aperta oppure da chi ama leggere circondato dalla natura: di certo vi troverete in un’atmosfera rilassante e varcando la soglia della casina vi sembrerà addirittura di cambiare dimensione: bellissime decorazioni a stucco, vetrate lavorate riccamente, materiali pregiati e civette riprodotte dappertutto. Le civette portano fortuna, impegnatevi a cercarle tutte!


Per conoscere i prezzi di tutte le destinazioni del mondo, in ordine dalla più economica alla più costosa, potete utilizzare l’opzione di ricerca Ovunque di Skyscanner e organizzare viaggi fantastici ai prezzi migliori!

Potrebbe interessarvi anche:

10 voli economici per il ponte del 1 maggio

10 Paesi per i backpackers

I 26 ponti più belli del mondo

19 incredibili road trip in Europa

La fioritura dei ciliegi in Giappone: tutte le info utili

Skyscanner è il motore di ricerca viaggi leader al mondo, che vi aiuta a cercare voli, autonoleggio e hotel al prezzo più basso

Mappa